Cerca
Close this search box.

Tour Capitali Nordiche

Tour Capitali Nordiche

Un tour attraverso le capitali nordiche è un viaggio che ti porterà alla scoperta di alcune delle città più affascinanti e vibranti dell’Europa settentrionale. Partendo da Copenaghen, potrai esplorare la sua architettura moderna e antica, i suoi canali pittoreschi e i suoi deliziosi caffè. Successivamente, ti dirigerai verso Oslo, la città dei fiordi, con i suoi musei di fama mondiale e le sue straordinarie vedute panoramiche. Infine, arriverai a Stoccolma, la “Venezia del Nord”, con le sue isole interconnesse e il suo affascinante centro storico. Questo tour ti consentirà di immergerti nella cultura nordica, scoprire la sua storia e ammirare la bellezza unica di queste capitali.

Tour Capitali Nordiche: informazioni di viaggio

Il tour Capitali Nordiche ha una durata di 12 giorni e 11 notti. Si precisa che per eventuali esigenze specifiche oppure per cambiamento di numero dei giorni è possibile scrivere a : prenotazioni@barbirottiviaggi.it

Le partenze sono giornaliere!

Operativo Voli

DataPartenza daArrivo a
1° giornoItaliaCopenaghen
9° giornoOsloStoccolma
12° giornoStoccolmaItalia

Operativo Nave

DataPartenza daArrivo aSistemazione
6° giornoCopenaghenOsloCabina doppia – arrivo 7°giorno
    

Soggiorno

           LocalitàHotelArrivoPartenzaNottiTipologia di camera
CopenaghenAbsalon Hotel1° giorno6° giorno5Double Room
OsloScandic Oslo City7° giorno9° giorno2Double Room
StoccolmaClarion Stockholm9° giorno12° giorno3Double Room

Riepilogo dei servizi inclusi

Indichiamo di seguito quali sono i servizi inclusi nel viaggio.

  • Soggiorno alberghiero e servizi come indicato.
  • Viaggio aereo come indicato, operato con voli di Linea Low Cost (secondo la città di partenza)
  • Tutte le tasse aeroportuali previste (ad eccezione di eventuali tasse pagabili solo in loco).
  • Consulenza Personalizzata e assistenza Tecnica per l’intero periodo di gestione pratica e durante la Vostra vacanza.
  • Omaggio del “VISITANDO”
  • Polizza Medico/Bagaglio: I4T Gold Base.  Sintesi dei massimali:
  • Spese mediche: Europa e Mondo (compreso USA e Canada) € 1.000.000,00.
  • Smarrimento bagaglio € 700,00 – Ritardo consegna bagaglio € 250,00.
  • Copertura per Epidemie/Pandemie:Assistenza sanitaria e spese mediche in corso di viaggio, Cover stay.
  • Spese di iscrizione e quota di apertura pratica

La Quota non comprende

  • Tutti i Trasferimenti
  • Eventuali tasse di soggiorno, nonché Tasse Resorts Fee e Urban Fee non pagabili al momento della prenotazione applicabili in alcuni hotels da pagarsi direttamente in loco a carico dei clienti.
  • Polizza Annullamento Viaggio: richiedete costi e dettagli in agenzia.
  • Check in On Line. (Info e costi da richiedere al momento della conferma).
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “Servizi inclusi nella quota base”
  • Quota di gestione (ex Apertura) pratica € 100,00*. L’ importo sarà volturato a favore della pratica confermata e dà diritto ai seguenti plus: Opzionare su Vostra richiesta i servizi sopra descritti, laddove possibile.                                                              
  • Possibilità di modificare e/o cancellare le prenotazioni, sino alla stipula del contratto. 
  • Consulenza personalizzata per la realizzazione di ulteriori preventivi.
  • *In caso di mancata prenotazione da parte Vostra, la quota di apertura pratica non è rimborsabile e sarà emessa Ric. Fiscale.
  • Contattateci (link contatti) per fissare un appuntamento (on line o presso la nostra sede) e per valutare la formula più adatta alle vostre esigenze.

Perchè organizzare un viaggio nelle Capitali Nordiche?

  • Copenaghen: dove l’arte non conosce confini
  • Oslo: Winter wonderland ed i mercatini di Natale
  • Stoccolma: una crociera tra le sue verdi isole

Perchè un viaggio Barbirotti Viaggi

Visitando Copenaghen

  • Orario: L’orario è simile all’Italia
  • Valuta: Si utilizza la corona danese, ma l’euro viene accettato. Le banche sono aperte nei giorni feriali dalle 09:30 alle 16:00.
  • Documenti: E’ necessaria una carta d’identità valida.
  • Lingua: Si parla la lingua danese, ma l’inglese è parlato ovunque.
  • Corrente elettrica: 220 volt a corrente alternata. È necessario un adattatore.

Da e per l’aeroporto

L’aeroporto di Copenaghen Kastrup è il più grande di tutta la Scandinavia ed è considerato uno dei migliori al mondo. Il nuovo ponte sull’Øresund lo collega alla Svezia e un treno superveloce lo collega al centro città in soli 10 minuti.

  • In auto: È possibile raggiungere comodamente l’aeroporto di Kastrup seguendo la superstrada E20 e prendendo le uscite 15, 16 e 17.
  • In taxi: I taxi possono accompagnare o far salire i passeggeri di fronte ai Terminal 1, 2 e 3, ma quelli diretti in Svezia si trovano solo di fronte al Terminal 3.
  • In treno: L’aeroporto dista circa 15 minuti dalla stazione centrale di Copenaghen. La stazione ferroviaria dell’aeroporto si trova nel Terminal 3, dove è possibile acquistare i biglietti. Per raggiungere la stazione dagli altri terminal, è disponibile una navetta gratuita. Partono treni per Copenaghen e altre destinazioni in Danimarca o Svezia ogni circa 10 minuti, per l’intera giornata. Questo è il modo migliore per raggiungere il centro.
  • In autobus: È possibile spostarsi tra i terminal dell’aeroporto utilizzando le navette gratuite che partono ogni 10 minuti. Le navette transitano attraverso il Terminal 1, il Terminal 2 e il Terminal 3, nonché la stazione ferroviaria nel Terminal 3 e le aree di parcheggio.

Ecco l’elenco delle linee di autobus che collegano l’aeroporto con l’esterno:

  • Autobus n° 12: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn) – Islev, Viemosevej
  • Autobus n° 30: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn) – Vesterport st.
  • Autobus n° 36: Lufthavnen, Udenrigs – Nøragersmindevej
  • Autobus n° 96N: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn) – Farum st./Slangerup Rutebilstation
  • Autobus n° 250S: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn) – Buddinge st.
  • Autobus n° 888: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn) – Århus
  • Autobus n° 999: Gråhundbus: Copenhagen Airport (Københavns Lufthavn)
  • Metro: Il modo più comodo e veloce per raggiungere il centro di Copenaghen dall’aeroporto (e viceversa) è la metropolitana. La stazione della metropolitana si trova in un’estensione del Terminal 3 e in soli 15 minuti si può arrivare alla stazione di Nørreport, nel cuore della città. La frequenza delle corse è di circa ogni 4-6 minuti durante le ore di punta e ogni 15-20 minuti durante le ore notturne. I biglietti possono essere acquistati alla biglietteria DSB all’interno del Terminal 3 o alle biglietterie automatiche presenti nella stazione della metropolitana.
  • In auto: L’aeroporto è collegato alla strada statale E20 e alle uscite 15, 16 e 17. È disponibile un ampio parcheggio.
  • In autobus: I collegamenti sono garantiti dagli autobus delle linee HUR, numeri 12, 30, 36, la linea espressa 250S (con una frequenza di 10 minuti, dalle 05:30 alle 23:00; tempo di percorrenza di 30 minuti) e l’autobus Greyhound numero 999.
  • In treno: La stazione ferroviaria dell’aeroporto si trova sotto il Terminal 3 ed è servita dai treni Intercity, regionali e dalla linea Kystbanen che collega Copenaghen al resto della Danimarca e della Svezia. Taxi: I taxi si trovano all’uscita del Terminal. La durata del viaggio è di circa 20 minuti.

Trasporti

In auto, forse è l’automobile il mezzo ideale per scoprire un Paese piccolo come la Danimarca. La rete stradale è ottima e le distanze da percorrere per visitare le numerose attrazioni sono brevi, rendendo il viaggio in automobile molto piacevole. Si ricorda che le autostrade sono gratuite e il traffico è scarso. La patente italiana è valida.

Norme stradali

  • È obbligatorio utilizzare i fari anabbaglianti anche durante il giorno.
  • La velocità massima consentita sulle autostrade è di 110 km/h, sulle strade statali è di 80 km/h e nei centri abitati è di 50 km/h (per le auto con rimorchio/roulotte la velocità massima consentita è di 70 km/h su autostrade e strade statali).
  • È obbligatorio indossare la cintura di sicurezza.
  • È obbligatorio avere un triangolo di emergenza a bordo.
  • In assenza di parchimetri, è necessario utilizzare sempre il disco orario.
  • Il limite massimo di alcoolemia consentito per guidare è di 0,5 per mille (circa 1 birra).
  • Le contravvenzioni devono essere pagate immediatamente, altrimenti si rischia il sequestro del veicolo, e le auto parcheggiate in divieto di sosta vengono rimosse.

Clima

Il clima è marittimo freddo-temperato, con estati fresche ed inverni rigidi, tuttavia mitigati dalla Corrente del Golfo. Durante l’inverno l’aria è umida, con presenza di nebbia e bruma. Tra giugno e agosto, la temperatura diurna si attesta sui 14-17 gradi, ma talvolta può raggiungere i 25°. I mesi compresi tra maggio e ottobre sono i migliori per visitare la Danimarca.

Negozi

In generale, i negozi aprono dalle 09:30 alle 17:30 nei giorni feriali, fino alle 14:00 il sabato e fino alle 17:00 il primo sabato del mese.

Grandi magazzini

  • Magasin du Nord – Kongens Nytorv 13 – è il più famoso e offre una vasta gamma di prodotti.
  • Welcome Sightseeing & Souvenirs – Laederstrade 12 – è una catena di negozi di souvenir, che va dai più comuni, come la Sirenetta, ai più stravaganti.

Gastronomia

Nell’ambito della cucina danese, i primi piatti, le aringhe e i dolci rappresentano i protagonisti culinari. Gli Smorrebrod, spuntini preparati a mezzogiorno con una vasta selezione di ingredienti e proposti in abbondanza anche durante sontuosi buffet, sono il punto focale di una gustosa pausa a metà giornata.

Le aringhe, sia affumicate che marinate, sono il simbolo della cucina danese e rappresentano alcune delle sue migliori creazioni a base di pesce. I pasticcini e le torte, invece, sono da sempre una deliziosa conclusione di un pasto o un dessert da gustare in compagnia degli amici in qualsiasi momento della giornata.

In Danimarca, l’abitudine di consumare una ricca colazione, chiamata morgencomplet, a base di uova strapazzate, salsiccia, polser, cereali, yogurt, pane viennese, wienerbrod e formaggio Danablu, fa sì che il pranzo di mezzogiorno diventi solo uno spuntino nutriente. Nell’intento di rendere questa “breve pausa” anche piacevole, la creatività degli chef ha dato vita a un capolavoro: gli Smorrebrod, deliziose tartine variopinte e invitanti, preparate spalmate con burro su pane e abbellite con una vasta scelta di oltre duecento ingredienti. Gli Smorrebrod più appetitosi includono formaggio, carne arrosto, paté di fegato, leverpostel, salsiccia, anguilla affumicata, aringa, salmone, caviale, filetti di trota e pollame freddo.

Ogni tartina è arricchita con verdure come fette di pomodoro, anelli di cipolla, foglie di insalata, capperi sott’olio, rapanelli, e accompagnata da salse, tra cui la più comune è quella aromatizzata all’aneto, anill. È tradizione gustare gli “veloci” Smorrebrod a tavola, non in piedi, utilizzando forchetta e coltello.

La cena danese di solito viene consumata intorno alle sei del pomeriggio e inizia con una zuppa calda, che tradizionalmente è a base di pollo (honsekodsuppe) o piselli (gronesuppe). Le zuppe danesi sono varie, tra cui la alesuppe con anguille, la frugtsuppe con albicocche, prugne secche e mele (calda come primo piatto, fredda come dessert), la gule aerter con fave, pancetta, verdure e pezzi di salsiccia, la korvelsuppe con cerfoglio e uova in camicia, la kresesuppe con interiora d’oca, mele, prugne e gnocchi, e la ollebrod, una dolce e calda zuppa di pane e birra. Per arricchire la scelta dei primi piatti, ci sono anche gli gnocchi di carne, kodboller.

L’aringa, regina della cucina danese, è protagonista di piatti semplici ma succulenti. Può essere preparata in salamoia (syltesild), affumicata o servita su pane nero con accompagnamenti di verdure e salse aromatiche. Le aringhe possono essere tagliate a cubetti e condite con sale insieme a patate, barbabietole, mele e cipolle, diventando così sildesalat aeg.

In Danimarca, è anche possibile gustare pregiati ostriche, grosse aragoste e una varietà di frutti di mare, come merluzzi bolliti (kogt torsk), anguille affumicate o fritte, trote e sogliole. Il salmone è disponibile in diverse qualità, come il classico salmone rosa, affumicato con legno di betulla, e il salmone bianco alle erbe. Un piatto particolare da provare sono i gravlax, filetti di tenero salmone crudo marinati con spezie, qualche goccia di cognac e aneto. Da non perdere anche l’halibut della Groenlandia, una specie di sogliola di notevoli dimensioni.

La cucina danese offre un’ampia gamma di sapori e piatti che soddisferanno ogni palato, dai gusti più semplici ai più raffinati. È un’esperienza culinaria da non perdere durante una visita in Danimarca.

Curiosità

Tra le pietanze a base di carne, i protagonisti indiscussi sono i piatti di maiale, realizzati con le pregiate carni dei suini di razza Landrace provenienti dalla Danimarca. Non si possono perdere le frikadeller, gustose polpette fritte di maiale (ma possono essere preparate anche con vitello o manzo macinato) condite con cipolle, le paupiettes (lombata di maiale farcita con zenzero, prugne e mele), il flaeskesteg, maiale arrosto con cavolo rosso speziato, e il maiale alle prugne, insaporito con composta di prugne, succo di limone, aceto e spezie piccanti. Tra le altre specialità tipiche, segnaliamo: aebleflaesi, pancetta affumicata con cipolle e mele fritte; aeggekage, uova strapazzate con cipolle, patate e pancetta affumicata; bankekod, stufato di manzo; bof med log, manzo macinato con salsa e cipolle fritte; fiskefars, impasto di pesce macinato, burro, farina e panna, servito anche con salse e patate lesse; forloren skidpadde, testa di vitello con pesce macinato. L’oca arrostita, gasesteg, è molto apprezzata dai danesi, ma il petto d’oca affumicato, roget gasebryst, è considerato un vero prelibato. Un altro volatile che riscuote grande successo in tavola è l’anatra, soprattutto quando cucinata con l’aceto, krydret and. Hachis, invece, è un pasticcio veloce fatto con avanzi di carne e cipolle, uova e patate fritte, molto amato dalle massaie danesi.

I dolci danesi sono irresistibili: dalle deliziose casette di marzapane con glassa di zucchero alla superenergetica noddekage, una miscela di noci, zucchero e uova. I dessert e i pasticcini accompagnano ogni momento della giornata. Al mattino vengono servite le wienerbrod, sfoglie prelibate con crema, o le brioche alle mandorle; la sera, durante i consueti incontri con gli amici, vengono offerte torte all’arancia, rodgrod (budino ai frutti di bosco con panna) o bondepige med slor (dolce alle mele), con strati di purea di mele e pangrattato cotto nel forno. Tra le altre delizie da segnalare ci sono la torta slaebnekage, il krasenkage, una ciambella di marzapane glassato tipica dei giorni di festa, il floderand, un anello ripieno di frutta cotta, il jule risengrod, un budino di riso alle mandorle, i klejner, biscotti natalizi, gli aeblesklver, ciambelle di birra ricoperte di zucchero a velo, i linser, pasticcini alla vaniglia, e le pandekage.

Copenaghen a Pasqua

Durante la Pasqua in Danimarca, è tradizione che ogni cosa sia tinguta di giallo, dalle candele alla tovaglia, e che le case siano decorate con rami in fiore e uova dipinte.

Come muoversi a Copenaghen

A Copenaghen, i trasporti per la città e i suoi dintorni sono estremamente efficienti. La metropolitana di superficie è indicata con la lettera S ed è operativa in 95 zone.

Gli autobus sono attivi dalle prime ore del mattino fino alle 4:30 del mattino successivo, offrendo tariffe agevolate e sconti. Le fermate principali degli autobus si trovano spesso nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie e gli orari sono sincronizzati con gli arrivi e le partenze dei treni.

Per quanto riguarda i taxi, sono disponibili nei punti principali delle piazze, di fronte agli hotel di maggior rilievo, e hanno una tariffa di base.

Un’altra opzione di trasporto sono i traghetti. A Copenaghen è possibile fare un giro con gli autobus d’acqua, chiamati Vandbussen, che includono anche il Forte di Trkroner. Questi giri sono guidati in italiano e partono dal vecchio porto di Nyhavn, all’inizio del canale. Le escursioni hanno durate diverse e la maggior parte è in inglese, ma c’è una guida in italiano. Tuttavia, il livello di inglese parlato dalla guida è comprensibile. Questo tour panoramico permette di ammirare la città dai canali e di solito dura circa mezz’ora. Ci sono vari punti di accesso per l’acquisto dei biglietti, ma consigliamo di visitare il sito web di DFS CANAL TOURS (www.canaltours.com). Tutte le opzioni di tour consentono di ammirare la Sirenetta e la chiesa di Holmen.

Per gli amanti delle biciclette, a Copenaghen c’è un servizio gratuito di noleggio. Ci sono ben 150 depositi nel centro città, inclusa la zona di Nyhavn. Basta inserire una moneta da 20 corone danesi nell’apposita fessura per sbloccare la bicicletta, come si fa con i carrelli dei supermercati. È possibile pedalare liberamente all’interno della città, che offre una vasta rete di piste ciclabili larghe e sicure. Una volta terminato il tour, è sufficiente riportare la bicicletta al deposito e si può recuperare la moneta da 20 corone.

Trovare una bicicletta disponibile potrebbe essere difficile perché sono molto richieste dai turisti, ma vale la pena tentare.

Se si desidera avere una panoramica completa della città, si può optare per i Sightseeing Tours, che includono sia pullman che battello. Il punto di partenza è la piazza del Municipio, di fronte al Palace Hotel.

Copenaghen CARD

La Copenaghen Card è la carta turistica della splendida capitale danese. Funziona in modo simile alle City Card presenti in altre affascinanti capitali europee, offrendo l’accesso gratuito o a prezzi scontati a numerosi musei, monumenti e attrazioni, compresi quelli più celebri, oltre a permettere l’uso illimitato dei mezzi pubblici. Tra le attrazioni incluse nella Copenaghen Card, ci sono anche le affascinanti crociere sui canali e le visite ai castelli circostanti la capitale. Il costo della Copenaghen Card varia a seconda della durata:

  • 24 ore: € 53,00
  • 48 ore: € 74,00
  • 72 ore: € 72,00
  • 120 ore: € 120,00

La Copenaghen Card offre l’accesso a ben 87 attrazioni gratuite, suddivise in cinque categorie tematiche: arte e design, famiglia e divertimento, storia, famiglia reale e tour della città. Tra le attrazioni si trovano il maestoso Palazzo Reale di Amalienborg, il Rosenborg Slot e il Frederiksborg, sede del Museo di Storia Nazionale. Sono inclusi anche i luoghi d’arte come Kunsthal Charlottenborg e Christiansborg. Inoltre, è possibile partecipare alle incantevoli crociere sui canali della città e visitare i suggestivi Giardini di Tivoli. Con la Copenaghen Card potrete viaggiare illimitatamente sui treni, gli autobus e la metropolitana, incluso il tragitto da e per l’aeroporto. Questi servizi sono compresi purché ci si sposti all’interno delle zone da 1 a 99. La città è divisa in numerose zone (1-277), ma il centro città, l’aeroporto e le aree storiche di Roskilde, Hillerod ed Helsingor rientrano tutte nell’area coperta dalla Copenhagen Card. I treni inclusi nella carta sono gli s-tog (treni locali) che operano dalle 5:00 di mattina fino a mezzanotte, e i treni regionali che vi porteranno a Roskilde, Hillerod ed Helsingor. Nel campo dell’arte e del design, la Copenaghen Card offre l’ingresso gratuito a numerosi musei, tra cui il Copenhagen Contemporary, il museo del design, il museo Arken di arte moderna e molti altri ancora. Inoltre, sono inclusi ingressi gratuiti allo zoo, all’acquario, al planetario e al circo. Per gli amanti della storia, Copenaghen offre una vasta gamma di musei, monumenti e palazzi, che potrete visitare gratuitamente con la Card. Tra le attrazioni storiche di rilievo ci sono il museo nazionale di storia della Danimarca, il museo dell’ambra e il museo della musica danese. La famiglia reale danese ha lasciato numerosi tesori, come castelli, musei, palazzi e sontuosi edifici, che potrete esplorare gratuitamente con la Copenaghen Card. Infine, la Card offre anche l’opportunità di partecipare

I musei di Copenaghen

Ny Carlsberg Gliptotek

Situato in Dantes Plads 7, questo museo è aperto tutto l’anno dalle 10:00 alle 16:00, con chiusura il lunedì. Offre una collezione di arte antica delle culture mediterranee e arte danese dell’Ottocento, nonché una vasta esposizione di opere di pittori impressionisti.

NATIONALMUSEET

Ubicato in Ny Vestergade 10, questo museo storico è il più grande in Danimarca. Aperto tutto l’anno dalle 10:00 alle 17:00, con chiusura il lunedì, offre l’ingresso gratuito il mercoledì. Si trova nel cuore della città, in un edificio classico del XVIII secolo, vicino a Strøget, la via pedonale più lunga d’Europa. Il museo narra l’intera storia del popolo danese fino ai giorni nostri e include anche un negozio, sale riunioni, un cinema, un ristorante e un caffè.

Museum Erotica

Situato in Köbmagergade 24, questo museo privato raccoglie testimonianze sull’erotismo. Nel 1967/68, la Danimarca fu il primo paese a legalizzare la pornografia.

ROYAL LIBRARY

Inaugurato nel settembre 1999, il Black Diamond è un’ala della Royal Library. È stato costruito con materiali provenienti da tutto il mondo. Le facciate sono rivestite in vetro nero per creare l’illusione di essere dentro l’edificio, con il sole che crea un effetto di brillantezza simile a piccoli diamanti. All’interno, si può notare l’espansione degli spazi dell’atrio verso l’esterno, grazie alle ampie pareti di vetro e soffitti. L’architettura offre una sensazione di libertà di forma e movimento, con diversi livelli strutturati in modo accessibile dal livello principale. Il ponte che conduce alla Royal Library è particolarmente curato, con un soffitto decorato dall’artista Per Kirkeby.

I mercati di Copenaghen

Ecco i principali bazar d’antichità a Copenaghen, che si tengono puntualmente il sabato:

Mercato delle Pulci di Israels Plads

Ubicato in Israels Plads, si svolge da maggio a ottobre, dalle 08:00 alle 14:00.

Mercato del Bric a Brac di Gammel Strand

Localizzato in Gammel Strand, si tiene da maggio a settembre, dalle 08:30 alle 17:30.

Piazza del Municipio di Frederiksberg

In Smallagade, ha luogo da aprile a ottobre, dalle 08:00 alle 14:00.

Mercato delle Pulci di Kongens Nytorv

Si svolge da maggio a ottobre, dalle 10:00 alle 17:00.

Det Bla Parkus

Posizionato in Holmbladsgade 113, è aperto tutto l’anno il sabato e la domenica, dalle 10:00 alle 17:00.

Shopping

A Copenaghen, l’esperienza dello shopping si materializza in Strøget, l’enorme via pedonale che vanta il titolo di essere la più vasta in tutta Europa. È come un “enorme emporio all’aria aperta”, raffinato ed esclusivo, che accoglie i negozi e i marchi più prestigiosi, sia nazionali che internazionali. Per coloro che amano le prelibatezze del passato e i negozi vintage, Ravnsborggade è la meta ideale, celebre per i suoi caffè raffinati e per un teatro musicale che negli anni ’30 era uno dei più amati della città.

Cosa fare la sera a Copenaghen

La notte nella metropoli danese è estremamente vivace, Copenaghen è la mecca dei locali e dei pub, che spuntano innumerevoli in ogni angolo del centro e sul Nyhavn. Qui si può gustare cibo e bevande fino a tarda notte, per poi proseguire la festa in discoteca. Le serate a Copenaghen sono sempre animate e movimentate, anche grazie al pellegrinaggio particolare degli svedesi (dato che in Svezia l’alcol è proibito ai giovanissimi) che inizia il venerdì e si conclude solo la domenica. Se a questi si aggiungono i residenti locali e i turisti, otteniamo un quadro completo della vita notturna nella capitale danese. I ristoranti, i bar e i pub rimangono aperti fino a tarda notte, mentre le discoteche chiudono all’alba. Il tipo di locale più diffuso combina bar, ristorante e discoteca e, va notato, che la maggior parte di essi si trova nel quartiere di Norrebro.

Cosa vedere a Copenaghen

Copenaghen è la capitale danese da secoli, una città accogliente che si distingue per la sua architettura tradizionale a sei piani, con pochi grattacieli e le suggestive guglie delle chiese. Solo un paio di grandi hotel moderni interrompono il fascino storico della città. Copenaghen offre una vasta gamma di attrazioni turistiche e divertimenti per soddisfare tutti i gusti: dalle persone appassionate dell’antico al moderno, dagli amanti del divertimento gay o eterosessuali, ai negozi eleganti e ai caffè accoglienti. Nel cuore di questa città compatta, si può trovare di tutto, con il suo caratteristico fascino scandinavo.

Giardino di Tivoli

Un luogo molto popolare è il Giardino di Tivoli, un parco di divertimenti storico risalente al 1843. Questo luogo affascinante è arricchito da fiori, fontane e specchi d’acqua, e offre numerose attrazioni, spettacoli e ristoranti. Ciò che stupisce di più è il sorprendente mix di architettura orientale e turca. Situato nella Vesterbrogade, nel centro della città, è stato ispirato dallo stile del giardino italiano, con Villa d’Este come modello esemplare. I Giardini di Tivoli non sono solo un semplice parco, ma anche un luogo di divertimento per tutti i cittadini. All’interno, ci sono attrazioni per bambini, montagne russe per i ragazzi, romantici ristorantini con vista sui laghetti artificiali del parco, che offrono specialità di carne, pesce e cucina internazionale. Durante l’estate, si tengono concerti dopo le 22:00, e persone di diverse età danzano al ritmo del rock’n’roll acrobatico, liscio e musica dei famosi film musicali americani degli anni ’50. I giardini di Tivoli sono un vero e proprio caleidoscopio di colori, musica e atmosfera magica. Consigliamo di visitarlo a fine serata per godere di uno spettacolo unico. Coloro che possiedono la Copenaghen Card possono accedere gratuitamente.

Rådhuspladsen

Di fronte all’angolo nord del Tivoli si trova Rådhuspladsen, la piazza centrale della città. Questo è il luogo classico di incontro a Copenaghen, con una colonna imponente alta 12 metri al centro di Vester Voldgade. La colonna ospita due statue di bronzo del 1914 che raffigurano i Lurblaeserne, suonatori di lur, antichi strumenti a fiato scandinavi che risalgono all’Età del Bronzo, intorno al 2500 a.C. Si racconta, in modo scherzoso, che queste trombe, che nessuno ha mai sentito suonare, squillino solo quando una vergine danese passa di sotto.

Da questa strada, proseguendo verso Piazza del Municipio e tenendosi sulla destra, sotto l’Hotel Denmark al numero 91, si trova il ristorante TIVOLI HALLEN.

Ravspecìalisten è una gioielleria specializzata in oggetti realizzati con ambra, una resina fossile che si è formata nell’area del Baltico e del Mare del Nord circa 35 milioni di anni fa, nelle foreste di grandi conifere. Nonostante la scomparsa delle foreste, l’ambra è rimasta come una meravigliosa risorsa economica e artistica per la Danimarca. Durante l’epoca dell’Impero Romano, la “via dell’ambra” si estendeva dallo Jutland fino a Roma, dove una statuetta in resina fossile valeva più di una schiava, come puoi apprendere nel piccolo museo all’imbocco del porto di Nyhavn.

Dall’altra parte della strada si trova Sweater Market, un negozio che offre un’ampia selezione di tipici maglioni fatti a mano danesi o norvegesi. È uno dei più grandi negozi di questo genere in Europa, distribuito su due piani e presenta una vasta gamma di maglioni, guanti, sciarpe e calzettoni in lana. Continuando lungo lo Stroget, la strada si allarga nelle piazze di Gammeltorv (la vecchia piazza del Mercato a sinistra) e Nytorv (la piazza nuova a destra), entrambe leggermente inclinate e con edifici antichi in mattoni rossi scuri.

Quando si lascia il viale Stroget si può prendere una deviazione a sinistra raggiungendo Klosterstraede, e poi svoltiamo a destra, in Grábrodrestraede, per raggiungere Grábrodretorv, conosciuta come la piazza dei Frati grigi. Questo luogo è uno dei più belli e frequentati della città, con una serie di ristoranti e antiche case dalle pareti intonacate color albicocca e travi in legno, ricostruite dopo gli incendi del Settecento e il violento bombardamento inglese del 1807.

Ristorante

Il primo ristorante che si incontra, GRABRODRETORY 21 – situato al numero 21 di Grábrodretorv – offre un menù che include tre varietà di aringhe, sogliola, crema di lamponi e fragole con panna e gelato. SPORVEJEN – al numero 17 di Grábrodretorv – è invece un vecchio tram trasformato in ristorante, dove è possibile gustare frittate, prosciutto e formaggi danesi. Tuttavia, il ristorante più famoso e raffinato, che non si può assolutamente perdere, è PEDER OXE – al numero 11 di Grábrodretorv. Questo ristorante è stato ricavato in un ex convento francescano e è il preferito da Dario Fo. Nelle antiche cantine dei frati, sotto il locale, si può godere di un ottimo aperitivo. L’atmosfera è unica: il pavimento è un incastro di tavole di rovere, il servizio è impeccabile e si parla a voce bassa, accendendo una luce per chiamare la cameriera. Le tartine con pane di segale, chiamato rygbrod, sono deliziose, ma è anche possibile ordinare zuppa di aragosta, spiedini di salmone e merluzzo, gamberetti di fiordo con asparagi danesi e torta di rabarbaro.

Uscendo da Grábrodretorv, dove in estate si tengono concerti jazz, ritorniamo sul viale Stroget passando attraverso il “cortile della ciambella” (Kringlegangen), al quale si accede da un passaggio a destra del tram ristorante. Camminando per un breve tratto, ci troviamo dietro la chiesa dello Spirito Santo (Helligándskirke) in Valkendorfsgade.

Alla fine del cortile, con aiuole e tassi, due case gialle precedono l’inizio di Amagertorv, una via riconoscibile per la sua pavimentazione a mosaico. Sulla sinistra, al numero civico 10, troviamo Illums Bolighus, un grande magazzino di arredamento che offre una vasta selezione di mobili (compresi tutti i tipi di sedie), tessuti, lampade e posate dal design avveniristico, rappresentando l’essenza del design danese. Accanto a questo negozio di prestigio, troviamo anche la Royal Copenhagen, una famosa fabbrica di porcellane bianche e blu con una miscela inimitabile.

Storkespringvandet

La piazza è dominata dalla suggestiva fontana delle cicogne, conosciuta come Storkespringvandet, risalente al 1894, che è stata un punto di ritrovo per gli hippy negli anni Sessanta. È un must fare una sosta al CAFE’ NORDEN – situato in Ostergade 61, tel. 33/11.77.91 – che offre una magnifica vista sulla piazza. Vi consiglio di avere un po’ di pazienza e sedervi al piano superiore, vicino alla finestra che si affaccia sulla fontana delle cicogne, per osservare l’animazione di persone e artisti che animano il corso durante la pausa pranzo. I dolci sono deliziosi, e vi consiglio di provare il caffè viennese con panna, che viene servito in tre gusti diversi: classico, alla vaniglia e acidulo. Meno suggestivo come ambiente, ma ugualmente accogliente, è il Caffè Europa, di fronte al Caffè Norden, con le pareti adornate da fotografie di personaggi famosi, da Maria Callas a Federico Fellini. Qui potete gustare ottimi caffè espresso, cappuccini e succhi di sambuco caldi con limone (hyldebaerblomst). Proprio sotto questa piazza si trovano i servizi igienici pubblici, considerati i più belli della Scandinavia, con accessori in ottone lucidato.

Lo spiazzo è dominato dalla fontana delle cicogne, Storkespringvandet, risalente al 1894, che era un punto di ritrovo per gli hippy negli anni Sessanta. È assolutamente necessario fare una sosta al CAFE’ NORDEN – Ostergade 61, tel. 33/11.77.91 – che offre una magnifica vista sulla piazza. Vi consiglio di prendere posto al piano superiore, di fronte alla finestra che si affaccia sulla fontana delle cicogne, per poter ammirare l’animazione della gente e degli artisti che animano la zona durante la pausa ristoratrice. I dolci sono ottimi e vi consiglio di provare il caffè viennese con panna, disponibile in tre gusti: panna classica, vaniglia e panna acida. Meno affascinante come vista è il Caffè Europa, situato di fronte al Caffè Norden, con fotografie di personaggi famosi appese alle pareti, da Maria Callas a Federico Fellini. Qui potrete gustare ottimi espressi, cappuccini e succhi di sambuco caldo con limone (hyldebaerblomst). Proprio sotto questa piazza si trovano i servizi igienici pubblici, considerati i più belli della Scandinavia, con accessori in ottone lucidato.

Continuando lungo Ostergade, potrete notare che l’ultimo tratto della via pedonale è fiancheggiato da palazzi neoclassici bianchi e grigi. Al numero civico 52 si trova l’Illum, un elegante grande magazzino che offre una selezione di aringhe, salmone affumicato e caviale di qualità a prezzi accessibili nel reparto alimentare al piano interrato. All’ultimo piano c’è una terrazza con ristorante e bar. Al numero 42 si trova Eva Rosen Stand, un negozio che vende ricami e merletti. Se deviate a sinistra dal viale Stroget, vi troverete nella Pistolstraede, un passaggio chiuso nei giorni festivi che prende il nome dalla sua forma simile a una pistola. Può sembrare una viuzza come tante altre, circondata da edifici moderni, ma se vi addentrate in un cortile nascosto, troverete una fontana di legno con un uccellino posato sopra di essa. Tra vecchie case con travi a vista e pareti intonacate arancioni e gialle, troverete una delle migliori pasticcerie di Copenaghen, il CAFE’ KRANSEKAGEHUSET – in Ostergade 9 – dove potrete gustare deliziosi dolci di pasta di mandorle e fare colazione al costo di soli 60 corone, con accesso a tutto ciò che desiderate dalle 9.

Sulla Kongens Nytorv si trova l’imponente Teatro Reale, un luogo sacro per il balletto e l’opera lirica, risalente al tardo Ottocento. Subito dopo, c’è un ristorante tipico del 1728, chiamato SKINDRUKSEN, il cui nome significa “pantaloni di cuoio per andare a cavallo”, situato in Lille Kongensgade 4/6. Accanto si trova il KONGENS BAR, aperto dal 1675 e frequentato dal re. Proseguendo sul marciapiede, si passa lungo un lato del Magasin du Nord, un grande magazzino di alta qualità (con un supermercato al piano terra che offre aringhe e salmoni affumicati). Poi, attraversando Bremerholm, si arriva a Nicolajplads, dove si trova la chiesa di San Nicola, dedicata al patrono dei marinai, che è ora adibita a spazio espositivo (e ospita anche un ristorante). Lasciando la piazzetta e girando a sinistra della chiesa, si arriva a Fortunstraede, dove è possibile fare una pausa ristoratrice a base di Smørrebrød e snaps (acquavite) da GYTTE KIK – Ved Stransen 20, aperto dalle 11:00 alle 15:00, chiuso nei giorni festivi e il lunedì. Questo luogo è poco conosciuto dai turisti, ma è un vero tesoro per i danesi.

Dall’altra parte della piazza (dove si trova anche un’imbarcazione per fare il giro dei canali), si erge il monumento alla pescivendola, a ricordo delle venditrici di pesce che sedevano su cassette di legno per aspettare i clienti (una tradizione che è sopravvissuta fino a quarant’anni fa). Attraversando ora il canale sul ponte in ghisa (Hojbro), si raggiunge la piazza di fronte al Parlamento e al Palazzo di Rappresentanza della regina, all’interno del castello di Christiansborg, che è uno dei luoghi più popolari e frequentati dai turisti. Questo castello è stato costruito sul luogo dove sorgeva un castello del XII secolo e nel corso degli anni ha subito varie ricostruzioni, ampliamenti e riparazioni. Fino alla fine del Settecento, la famiglia reale vi risiedeva, ma poi si trasferì nella reggia di Amalienborg, dove vive ancora oggi. È possibile visitare le sale reali di rappresentanza e ammirare gli arazzi e il trono della Danimarca (visite guidate disponibili dalle 11:00 alle 13:00 e alle 15:00, dal 5 giugno al 30 settembre). Sulla sinistra si trova la Børsen, un edificio rinascimentale con un tetto di rame che culmina con una guglia a spirale curiosa. In questo edificio si svolgevano le contrattazioni delle merci.

Christianshavn: si trova su un’isola artificiale separata dal centro dalla via d’acqua omonima. Questa zona ha un aspetto romantico simile al cuore di Amsterdam, con imbarcazioni antiche e moderne ormeggiate lungo le sue sponde. Nell’angolo sud di Christianshavn sono sorti molti edifici contemporanei. Il quartiere più famoso è Christiania, abitato da una comunità semi-indipendente che ha sviluppato una propria costituzione e ha occupato ex caserme abbandonate. Christiania, la città libera. Un grande cartello suggerisce che scattare foto qui sarebbe del tutto inappropriato. La maggior parte dei visitatori, circa un milione e mezzo all’anno, si ferma all’ingresso dell’enorme zona occupata, composta da diversi ettari di verde che si interrompono solo nelle acque di uno dei tanti canali della città. Tuttavia, vale la pena esplorare l’intera area per percepire e scoprire cose che altrimenti sfuggirebbero, lasciando una visione limitata del luogo. Christiania, con le sue contraddizioni e le sue utopie, esiste da oltre 30 anni e nessuno è riuscito a distruggere il sogno iniziato negli anni ’70.

Dopo l’estate del 1971, quando mille hippy contestatori invasero una zona militare abbandonata per creare un luogo ideale in cui vivere e crescere insieme. Del gruppo originale di occupanti è rimasto ben poco, ma il numero di abitanti della città libera non accenna a diminuire. Nel corso degli anni, molti cambiamenti sono avvenuti, ma questo spazio utopico ha mantenuto la sua radicalità intatta. Tre cerchi rossi orizzontali, esposti ovunque, sono il simbolo ufficiale di Christiania, la città nella città. I vivaci murales che decorano le facciate degli edifici danno vita all’atmosfera e creano un contrasto con il cielo spesso coperto da nubi grigie. All’interno di Christiania, ci sono numerose attività in corso, con la musica che occupa sicuramente un ruolo predominante.

Cosa fare di notte

Di notte, Stoccolma si anima con una vita notturna eclettica e vivace, rinomata e apprezzata in tutta Europa per i suoi bar, locali e concerti, oltre ad essere un punto di riferimento per le nuove tendenze. Per un pubblico più adulto, offre una varietà di sale da ballo con musica dal vivo. Poiché le tendenze si evolvono costantemente, consigliamo di consultare l’ultima pagina dei quotidiani locali per conoscere gli eventi e le location in programma.

Stoccolma

Stoccolma, la capitale della Scandinavia, rappresenta una tappa imprescindibile in qualsiasi itinerario in Svezia ed è considerata una delle città più affascinanti al mondo. Lasciatevi sedurre dal suo fascino unico, passeggiando per i suoi quartieri e le vie medievali, in particolare Gamla Stan, uno dei centri medievali meglio conservati al mondo. Esplorate le numerose attrazioni della città, riflettendovi sulle sue ampie distese d’acqua e passeggiando lungo i suoi viali alberati. Con una storia che si estende per 750 anni, Stoccolma offre ai visitatori un’ampia scelta di esperienze storico-culturali, con i suoi numerosi musei, edifici storici e maestose architetture monumentali. Circondata dall’acqua e composta da 14 isole collegate da ben 57 ponti, Stoccolma si caratterizza per la sua natura incontaminata, con numerose isole, splendidi laghi, parchi e ampi spazi verdi. Non può mancare un’indimenticabile escursione in battello attraverso le famose e affascinanti 24.000 isole dell’arcipelago di Stoccolma, per ammirare uno splendido panorama direttamente dal mare.

Ostermalm e Norrmalm (zona 1-2)

Ostermalm e Norrmalm (zona 1-2) rappresentano la zona moderna di Stoccolma, estendendosi a nord di Gamla Stan. Queste due aree, unite insieme, si sviluppano verso ovest nell’area di Ostermalm, con i suoi ampi viali eleganti e il museo Historiska, e verso est nell’area di Norrmalm, il cuore commerciale della città, che comprende la zona della stazione e la parte inferiore che arriva fino allo Stadtshuset, nonché la parte settentrionale che si estende fino al museo dell’osservatorio.

Norrmalm è una zona vivace con numerosi locali, ristoranti, cinema e centri commerciali. Tra le piazze principali, vale la pena fare una sosta a Kungsträdgården, che si estende verso nord fino a Hamngatan, dove è possibile gustare un caffè nel parco. Lungo Hamngatan, di fronte all’ufficio turistico principale della città, si trova l’enorme centro commerciale NK. Proseguendo verso Sergels Torg, un’altra moderna piazza di Stoccolma, è consigliabile visitare il Kulturhuset, un bellissimo centro culturale distribuito su cinque piani, con una sala lettura, mostre temporanee, laboratori d’arte e una caffetteria all’ultimo piano che offre una delle migliori viste panoramiche sulla città. Le altre due strade principali di Norrmalm sono Drottninggatan e Sveavägen, e al centro di esse si trova la pittoresca piazzetta acciottolata di Hötorget, famosa per il suo splendido mercato ortofrutticolo ed etnico, ideale per uno spuntino. Inoltre, in questa zona si trovano anche il Konserthuset, il palazzo dei concerti, e il Filmstaden Sergel, il cinema più importante della città.

Gamla Stan, la città vecchia (Zona 3)

Gamla Stan, la città vecchia (Zona 3), è accessibile attraverso numerosi ponti che conducono a questo quartiere situato su tre piccole isole. È un labirinto di strade chiuse, affollato di gallerie d’arte, negozi d’antiquariato, boutique e ristoranti (ce ne sono circa 300).

Gamla Stan si compone di incantevoli stradine medievali acciottolate, come Västerlånggatan e Österlånggatan, che sono le due strade principali del quartiere. Köpmangatan, invece, è la strada più antica della capitale svedese. Qui si possono ammirare edifici dal colore giallo, negozi di souvenir e artigianato, belle chiese e diversi musei, tra cui il Museo Nobel. La Storkyrkan, la Cattedrale nazionale svedese, si trova al centro del quartiere nella piazza più antica di Stoccolma, la Stortorget.

Altri edifici importanti nella zona includono il Palazzo Reale, Kungliga Slottet, e il Parlamento, Riksdagshuset. Dirigendosi verso ovest dal centro di Gamla Stan e oltrepassando il bellissimo edificio barocco Riddarhuset, si arriva alla piccola isola di Riddarholmen, nota come l’isola dei cavalieri. Qui si trova la Riddarholmskyrkan, dove riposano i reali svedesi. Dalla parte posteriore della chiesa si può godere di una splendida vista sull’isola di Kungsholmen, sul lago Mälaren e sullo Stadshuset, il Municipio di Stoccolma. Lo Stadshuset viene utilizzato per cerimonie legate al Premio Nobel e ospita la Sala d’Oro, decorata con 18 milioni di piastrelle di mosaico che raffigurano la storia di Stoccolma. Meritano una visita anche la Sala Blu, che nonostante il nome è costruita in mattoni rossi, e la Galleria del Principe, adornata da grandi affreschi realizzati dal Principe Eugenio. Le visite guidate in lingua inglese sono gratuite tutti i giorni, è consigliabile informarsi presso l’hotel sugli orari (solitamente alle 10:00 e alle 12:00).

Drottningholm-Djurgården (Zona 4)

Drottningholm-Djurgården (Zona 4) è raggiungibile tramite i battelli turistici che partono da diverse parti della città, offrendo la possibilità di visitare le isole circostanti. Una delle mete più popolari è il Palazzo di Drottningholm, costruito nel XVII secolo e situato su una piccola isola nel lago Mälaren, a pochi chilometri da Stoccolma. Drottningholm, che significa “isola della regina”, è considerato uno dei più splendidi palazzi d’Europa, con una delle ali del palazzo ancora occupata dalla famiglia reale. Circondato da incantevoli parchi in stile francese, il palazzo ospita anche il Teatro di Corte, un gioiello squisito e originale.

Södermalm (zona 5)

Södermalm (Zona 5) è un’isola meridionale di Stoccolma, caratterizzata da ampie aree verdi e una vivace atmosfera, soprattutto di sera. Lungo le sue principali strade, come Götgatan, Skånegatan, Bondegatan e Folkungagatan, troverete numerosi bar e ristoranti. Se avete l’opportunità, vi consiglio di provare il PELIKAN, una vecchia birreria svedese in Blekingegatan, dove potrete gustare deliziosi piatti tradizionali.

In una delle piazze principali dell’isola, Södermalmstorg, si trova lo Stadsmuseet (Museo civico), che narra la storia di Stoccolma e dei suoi abitanti, raccontando come la città si sia sviluppata dal suo originario centro medievale fino a diventare la grande capitale che è oggi. L’ingresso è gratuito con la Stockholm Card. Allo Stadsmuseet potrete anche richiedere la mappa del Millennium tour, che vi permetterà di esplorare Stoccolma seguendo le tracce della trilogia di Stieg Larsson.

Vicino a Södermalmstorg, potrete visitare la Katarina Kyrka in Högbergsgatan, una chiesa rinascimentale costruita nel luogo in cui furono sepolte le vittime del bagno di sangue di Stoccolma del 1520, quando Cristiano II, per eliminare i suoi oppositori, bruciò i corpi dei nobili svedesi che ostacolavano l’invasione danese al di fuori delle mura della città. A Södermalmstorg, potrete anche salire sulla Katarinahissen, una piattaforma panoramica che si eleva a 35 metri sopra il porto, da cui potrete ammirare lo splendido panorama di Stoccolma e in particolare di Gamla Stan (la Città Vecchia).

Un’altra piazza principale di Södermalm è Mariatorget, considerata il centro della vita notturna dell’isola. Troverete anche uno dei più bei parchi di Stoccolma, il Tantolunden, situato vicino alla fermata di Hornstull. Il parco offre piscine, di cui una costituita da una piattaforma galleggiante sul lago Mälaren, e un teatro all’aperto durante l’estate.

È possibile raggiungere l’isola di Södermalm a piedi da Gamla Stan attraverso un doppio ponte che porta direttamente a Södermalmstorg. In alternativa, è possibile prendere l’autobus fino a Bondegatan o Folkungagatan, oppure la metropolitana con fermate a Slussen, Medborgarplatsen o Mariatorget.

Dove mangiare

Hermans – Fjällgatan 23 – è un luogo dove potrai gustare ottime torte biologiche e piatti vegetariani. Situato su una terrazza che offre una vista mozzafiato su uno dei panorami più belli di Stoccolma. Il prezzo medio per il buffet fisso è di circa kr 250,00.

Aurora – Munkborn 11 – si trova in una bellissima casa antica di 300 anni nel quartiere della città vecchia, con caratteristiche stanze ad archi e volte. Offre una cucina a legna, eccellente qualità culinaria e un servizio impeccabile.

Dintorni

L’arcipelago di Stoccolma, uno dei più belli al mondo, offre una miriade di isole da esplorare, pittoresche cittadine, castelli e fantastiche attività all’aria aperta. Situato a breve distanza dalla città, si estende per circa 80 km a est, comprendendo oltre 30.000 isole, isolotti e scogli. Durante i fine settimana, gli abitanti di Stoccolma si mettono in fila con i loro cestini da picnic per imbarcarsi verso le isole e godere della splendida natura, fare bagni, gite in kayak, escursioni in bicicletta e pesca.

Per veramente scoprire Stoccolma, è imperdibile una visita all’arcipelago. Ci sono numerose imbarcazioni a disposizione, e in poco tempo, da una a tre ore, è possibile raggiungere comodamente le isole principali. Ad esempio, Sandhamn, rinomato porto velico, Grinda, un’isola completamente immersa nella natura, Utö, amata dagli appassionati di ciclismo, e la graziosa cittadina di Vaxholm con la sua fortezza sull’isolotto di fronte.

Per coloro che desiderano un’esperienza più avventurosa, ci sono diverse proposte di gite in RIB (imbarcazioni rigide gonfiabili). Un’alternativa eccellente per coloro che vogliono visitare più isole in un solo giorno è la “Crociera delle mille isole”, un’intera giornata immersi nell’arcipelago con varie soste e deliziosi pasti a bordo. Su molte isole troverai strutture ricettive e ristoranti, ideali per chi desidera trascorrere qualche giorno di relax lontano dalla città.

RISTORANTI

Jacob Dubbe – Strandgatan 16 – cucina internazionale in una costruzione medievale, aperto 22 ore al giorno.
Rosengarden – Stora Torget, vicino alle rovine di un monastero – cucina italiana e francese.
Vardhuset – Lindgarden, Strandgatan 26 – trattoria situata in un’antica costruzione, cibo eccellente.