Cerca
Close this search box.

Budapest e il Danubio Prestige

Budapest, la splendida capitale dell’Ungheria, è una città che incanta con la sua architettura maestosa, le sue terme termali e il suo ricco patrimonio culturale. Attraversata dal fiume Danubio, Budapest è famosa per i suoi ponti iconici come il Ponte delle Catene e il Ponte Margherita. La maestosa Basilica di Santo Stefano, il Parlamento ungherese e il Castello di Buda sono solo alcune delle meraviglie architettoniche da ammirare. Le terme termali di Budapest, come le famose Gellért e Széchenyi, offrono momenti di relax e benessere. Con una vivace scena culinaria e una ricca tradizione musicale, Budapest cattura l’immaginazione dei visitatori con la sua eleganza e il suo fascino unico.

Budapest, una città ricca di storia, cultura e paesaggi mozzafiato. Mentre camminate per le sue strade, vi imbatterete in monumenti storici, imponenti palazzi e una vivace scena artistica. Durata del viaggio 5 giorni/4 notti

Budapest e Danubio Prestige: informazioni di viaggio

Il tour Budapest e Danubio Prestige ha una durata di 5 giorni e 4 notti. – Le Partenze sono Giornaliere. Se interessati ad avere un pacchetto personalizzato sulla base delle Vostre esigenze inviate una richiesta scrivendo a: prenotazioni@barbirottiviaggi.it

Quota di partecipazione

Quota individuale a partire da €1.050,00
Supplemento singola a persona , a partire da €200,00
Riduzione bambini a persona fino all’età di 12 anni in 3° / 4° letto€180,00
Supplemento partenza di Capodanno a persona incluso Gala Dinner in hotel, a partire da €100,00
Quota di partecipazione a persona solo tour, 5 giorni Budapest / Budapest (su richiesta, la quota non include volo e transfer aeroporto / hotel a/r)€850,00
Notte Supplementare a persona pre / post tour a Budapest, in b/b in doppia a persona, al giorno
Notte Supplementare a persona pre / post tour a Budapest, in b/b in singola, al giorno
€70,00
€120,00
Partenza con voli Lufthansa a persona da altre cittàSU RICHIESTA
Tasse aeroportuali a persona (salvo modifiche)€150,00
Assicurazione obbligatoria a persona (incluso annullamento viaggio)€50,00
Quota di iscrizione a persona€30,00

Riepilogo dei Servizi inclusi

  • Viaggio di andata e ritorno dall’Italia verso Budapest con voli di linea della compagnia  Lufthansa
  • Trasferimenti all’aeroporto verso lhotel e viceversa
  • La sistemazione a Budapest è prevista in Hotel a 4 stelle sup con il trattamento di mezza pensione come da programma
  • Le prime colazioni sono a buffet
  • 3 pranzi tipici bevande incluse
  • Visite guidate indicate
  • Tasse e I.V.A.
  • Accompagnatore è previsto dall’Italia in partenza da Roma
  • Accompagnatore Monaco o Budapest per chi parte da altri aeroporti
  • Escursioni serali con accompagnatore 

Programma completo Budapest e il Danubio Prestige

1° Giorno: dall’Italia verso Budapest

Partenza con voli di linea Lufthansa per Budapest . Giunti in città si prevede un trasferimento in hotel. La cena è prevista in hotel e nel dopocena si organizza una passeggiata con l’accompagnatore. Infine, pernottamento

2°Giorno: Budapest “la Capitale Magiara”

Prima colazione nell’hotel e poi segue una giornata dedicata alla visita della città, insieme alla guida. Si visita il quartiere del Castello a Buda e la Chiesa di Mattia. Segue la vista a Pest, dove è possibile visionare la Piazza degli Eroi, il Palazzo reale di Budapest , Andrassy Utca, la Basilica di Santo Stefano e il Bastione dei Pescatori.

Segue il pranzo che viene organizzato in una birreria tipica della città, con bevanda inclusa e la cena in hotel. Per il dopocena è previsto un tour panoramico con il bus e una guida per ammirare la città illuminata. E’ possibile ammirare il Parlamento, il Danubio, il Ponte Elisabetta, Deak Ter, la Piazza Elisabetta, Viale Andrassy, Piazza degli Eroi, Ponte delle Catene.

3°Giorno: Ansa Del Danubio, Esztergom, Visegrad, Szentendre

Prima colazione in hotel ed escursione giornaliera con guida all’Ansa del Danubio. Si procede con una visita di Esztergom, al castello di Visegrad, Szentendre. Si procede con il pranzo in ristorante ed in tal caso le bevande sono incluse. In serata è previsto il rientro a Budapest, la cena è prevista in hotel e dopocena si organizza un tour in battello sul Danubio facoltativo . Infine, pernottamento.

4°Giorno: Budapest “Prestige”

Prima colazione in hotel e successiva giornata visitando internamente l’Opera Statale e fare un giro sull’isola Margherita. Internamente si visita anche la Sinagoga e il Museo Ebraico. Segue anche il Salice Piangente e il tipico mercato coperto per Budapest. Si procede anche con una visita interna al Parlamento e con l’Accademia della Musica. Il pranzo viene organizzato in ristorante e si precisa che le bevande sono incluse, la cena invece è prevista in hotel e la sera è libera con  accompagnatore a disposizione . Infine, pernottamento.

5°Giorno: Da Budapest verso Italia

Prima colazione in hotel e  trasferimento in aeroporto cn  partenza con volo di linea Lufthansa per il rientro in Italia.

Non comprende nel costo: le bevande, gli ingressi, i biglietti dei mezzi pubblici e tutto ciò che non viene espressamente indicato.

N.B. Le visite del tour possono essere anche invertite nel caso in cui vi siano variazioni di orari di apertura dei musei oppure per esigenze tecniche, ma si precisa che il programma rimane invariato.

Costi musei e attrazioni a Budapest

I costi sono indicativi a Budapest

  • Parlamento 12 euro
  • Opera Statale 9 euro
  • Museo Ebraico e Sinagoga 15 euro
  • Isola Margherita (trenino) 5 euro
  • Bastione dei Pescatori Gratis 
  • Chiesa di Mattia 6 euro
  • Accademia della Musica 11 euro

I Nostri Hotel in convenzione con Barbirotti

BUDAPEST, NOVOTEL DANUBE o un hotel similare sempre da 4 stelle sup centrale: www.novotel.com

Visitando Budapest

  • Ora locale: stesso orario dell’Italia
  • Documento: per entrare nel paese è necessaria la carta d’identità
  • Lingua: l’ungherese è la lingua ufficiale, ma si parla anche tedesco e inglese
  • Valuta: la moneta è il fiorino ungherese (HUF), sono accettate nelle attività commerciali le carte di credito e le banche sono aperte dal lunedì al giovedì dalle ore 8.00 alle ore 15.00 e il venerdi dalle ore 8.00 alle ore 13.00
  • Telefono: per chi vuole chiamare dall’Ungheria all’Italia può utilizzare i telefoni pubblici che sono di colore grigio, invece, quelli che sono di colore giallo vengono utilizzati per le telefonate urbane. In ogni caso per chiamare in Italia bisogna digitale lo 0039 seguito dal prefisso. Chi invece vuole chiamare dall’Italia verso l’Ungheria deve digitale lo 0036 seguito dal prefisso di Budapest che è 1 e successivamente il numero desiderato. In sintesi deve comporre lo 0036/1/
  • Da e per l’aeroporto: situato a circa 20 km dal centro cittadino, l’aeroporto internazionale di Budapest-Ferihegy 2 è collegato alla città, oltre che dai taxi, con il Minibus Airport, che porta il passeggero a qualsiasi indirizzo della città. È disponibile anche il Centrum minibus, che parte ogni mezz’ora, dalle ore 05.30 alle 22.00, ed arriva in Piazza Erzebet (fermata del metrò Deak ter) in 30 minuti; il biglietto si acquista a bordo. Inoltre, c’è l’autobus dell’aeroporto che passa ogni 15 minuti, dalle ore 04.45 alle 23.00, ed arriva alla fermata Kobanya-Kispest, della linea blu del metrò, a 20 minuti dal centro; il biglietto si acquista alla fermata o alle biglietterie automatiche.
  • Clima: Il clima della capitale è temperato grazie alla protezione offerta dai Carpazi, che impediscono l’arrivo delle correnti polari e siberiane. Il periodo migliore per visitare la città è tra agosto e settembre, quando le temperature sono piacevoli, meno calde rispetto ad altri mesi e con meno piogge. Durante l’inverno, la capitale sperimenta un clima molto freddo, ma con precipitazioni limitate. La temperatura media annua è di 12 °C, con una temperatura massima di 34,5 °C.
  • Abbigliamento: Durante i mesi di luglio e agosto, il clima a Budapest è generalmente caldo, ma può rinfrescare di sera. Pertanto, è consigliabile includere nella valigia abiti pratici e, soprattutto, scarpe comode, considerando che sarà necessario camminare molto per visitare la città a piedi. È anche opportuno includere un impermeabile, un cardigan e maglioni di lana per le serate. I negozi qui a Budapest sono in genere aperti dal giorno lunedì al giorno venerdì dalle 10.00 alle 18.00, mentre il sabato dalle 10.00 alle 13.00. I centri commerciali, invece, sono aperti anche la domenica. A Budapest è possibile fare acquisti di diversi oggetti caratteristici, tra cui porcellane ungheresi, mobili antichi, ricami pregiati, lavori in legno di alta qualità e oggetti in cuoio. Inoltre, non si può dimenticare di portare a casa la famosa paprika, gustare il delizioso salame, il fegato d’oca e assaggiare il rinomato vino passito di Tokai.

Gastronomia di Budapest

La cucina ungherese si basa su una mescolanza di diverse culture gastronomiche, tra cui l’influenza francese, che è arrivata in Ungheria attraverso la cucina austriaca, e quella turca, insieme alle tradizioni più antiche dei magiari. È una cucina molto diversa da quella italiana, e proprio per questo motivo esercita un forte fascino su coloro che non sono abituati ai sapori speziati e agrodolci.

Il pepe e la paprica sono ingredienti onnipresenti nella cucina ungherese, conferendo un gusto particolare a piatti come il gulyás e il pörkölt, che vanno distinti. Iniziamo con la ricetta nazionale, il goulash, una zuppa che mescola spezzatino di manzo, strutto, cipolle, cumino, paprica speciale, gnocchetti di pasta e talvolta patate, peperoni e pomodori cotti a lungo. A volte la carne di manzo può essere sostituita con quella di montone o maiale.

Lo stufato magiaro per eccellenza, spesso confuso dai turisti con il goulash, è il porkolt, che prevede l’uso di varie carni soffritte in cipolla e strutto, paprica dolce speciale, aglio, cumino, peperone e maggiorana, il tutto cotto a lungo in un tegame coperto.

Altri piatti tipici includono:

Torta “Dobos”

Questa è la torta più famosa della rinomata scuola di pasticceria ungherese. Si compone di cinque strati sottili di pan di Spagna, farciti con una deliziosa crema al cacao. L’ultimo strato di pan di Spagna viene poi ricoperto di uno zucchero caramellato.

Zuppa di pesce alla Korhely

Questa zuppa di pesce ha un brodo filtrato condito con foglie di alloro, succo di limone, panna acida e fette di limone. Viene servita in una piccola pentola. È un ottimo piatto da accompagnare con una bevanda.

Pezzetti di maiale alla Budavár

Filetti di maiale ricoperti con salsa suprema e formaggio grattugiato, quindi cotti in forno. Si accompagnano bene con verdure cotte come contorno.

Filetto di manzo alla Budapest

Bistecche accompagnate da un ragù preparato con lardo, cipolle, funghi, fegato d’oca, piselli e peperoni. Vengono servite con riso e patatine fritte.

Arrosto alla Víziváros

Fette di maiale arrostite nel lardo e stufate con funghi, cipolle, pomodori e peperoni verdi. A metà cottura, vengono insaporite con fegato di pollame e piselli, condite con sale, pepe e aglio.

Petto di tacchino ripieno alla Buda

Il petto di tacchino viene farcito con carne affumicata, piselli, con il peperone marinato, con l’uovo e viene infine condito con la panna. Successivamente viene stufato e servito dopo essere stato arrostito nel forno.

Crêpe alla Gundel

Si tratta di una frittella che viene innaffiata con rum e farcita con uvetta e scorza d’arancia. Viene piegata a forma di triangolo, posizionata su un piatto e riscaldata. Viene poi ricoperta da una salsa al cioccolato e panna. Prima di servirla, viene aggiunto un po’ di rum e viene presentata a fiamma viva.

Torta Gerbeaud

È un dolce fatto in casa con un delizioso sapore di rum. Si può trovare anche nelle pasticcerie. Tra gli strati di pasta si spalma una marmellata di noci e, appena sfornata, viene coperta da uno strato sottile di crema al cioccolato. Una volta raffreddata, viene tagliata a fette sottili e servita.

Pasta di mela alla Tabán

Sono foglie rotonde ripiene di uvetta, limone e mela cotta, condite con chiodi di garofano. Vengono infornate con le noci sopra e servite tagliate a fette.

I salumi di maiale sono rinomati e vi è un’ampia selezione regionale che va oltre il celebre salame ungherese, il téli szalámi oppure Pick szalámi e la tenera carne bovina. Come aperitivo, è comune gustare un bicchierino di pálinka, un’acquavite aromatica disponibile in vari gusti come albicocca, pera, ciliegia o prugna. Come antipasto è previsto il patè di fegato d’oca, il körözött ovvero una crema di ricotta e cipolline con spezie spalmata su crostini – e le pogácsa, focaccine al forno condite in modi diversi. Non essendoci un primo piatto, si passa poi ai secondi che sono preceduti da zuppe di carne, verdure oppure pesce (halászlé). Il miele è un ingrediente prelibato ampiamente utilizzato nella pasticceria locale.

L’arte pasticciera ungherese, influenzata da turchi, italiani e francesi, è rinomata in tutto il mondo. La palacsinta, una crêpe di origine slava, è famosa per essere farcita con marmellata, ricotta o noci e cioccolato (la celebre Gundel palacsinta). Le paste calde sono un’altra specialità caratteristica. A conclusione dei pasti, è consuetudine gustare l’amaro, in particolare l’Unicum, uno dei prodotti tipici ungheresi.

Nelle case ungheresi, le pietanze vengono servite seguendo una tradizionale sequenza, con i piatti cotti e stufati che hanno una posizione di maggiore rilievo rispetto agli arrosti. Si inizia sempre con una zuppa, seguita da gustosi spezzatini dal sugo denso o brodoso e pasta. Le verdure vengono preparate in modo particolare, spesso sotto forma di creme infatti vengono tagliate a piccoli pezzi e condite con panna acida e con farina e patate grattugiate. Le creme più squisite con condite con gli spinaci, la zucca, il cavolo. Anche la pasta viene spesso condita con verdure. La pasta con cavolo, patate, spinaci e fagiolini è un piatto casalingo molto popolare.

La paprika, simbolo per eccellenza della cucina ungherese, è una varietà di peperone (Capsicum Annuum) che offre una vasta gamma di sapori, dal dolce al piccante. Portata in Europa da Cristoforo Colombo e successivamente introdotta in Ungheria dai turchi, la paprika ungherese, più piccante di quella americana, potrebbe anche essere originaria delle Indie orientali secondo alcune teorie. Inizialmente utilizzata come sostituto del pepe, oggi viene consumata in vari modi: cruda, sottaceto, triturata in polvere e utilizzata come spezia. È importante ricordare che esistono due tipi di paprika: dolce (csemege) e piccante (csipõs).

La produzione annuale di vino in Ungheria raggiunge i 4,2 milioni di ettolitri, provenienti dalle 22 regioni storiche di viticoltura. Budapest ha anche una notevole capacità di conservazione e imbottigliamento del vino. Il vino di Tokaj gode di una fama mondiale e fu amato persino da Luigi XIV, che lo nominò “Vino dei re, re dei vini”. Sono famosi anche i vini regionali del Balaton, il robusto Villány-Siklósi, i vini di Eger e il Sangue di Toro di Eger (Egri Bikavér). Questi vini possono essere degustati anche a Budapest, dove è possibile partecipare a escursioni enogastronomiche.

Cosa vedere a Budapest

Trasporti a Budapest

La rete dei trasporti pubblici a Budapest è composta da autobus, tram e tre linee metropolitane (rossa, blu e gialla), oltre al treno suburbano HEV. Un biglietto ordinario consente di viaggiare su qualsiasi mezzo al costo di circa € 0,40. La metropolitana e alcuni bus sono in servizio dalle ore 04.30 alle 23.10, mentre per le tratte principali ci sono autobus notturni disponibili. Un autobus speciale chiamato Varbusz permette di raggiungere il quartiere del Palazzo Reale sulla collina di Buda, che è chiusa al traffico. Altrimenti, si può prendere la funicolare, chiamata Siklò, che parte da Piazza Adam Clark dalle ore 07.30 alle 22.30. Il costo del biglietto andata e ritorno è di circa € 7.

Budapest Card

La BUDAPEST CARD offre la possibilità di vivere la città per 48 ore (2 giorni) o 72 ore (3 giorni) al costo rispettivamente di circa € 23,00 o € 27,00. La carta offre la libera circolazione su tutta la rete di trasporti all’interno dei confini della città, oltre a sconti sull’ingresso ai musei, sui prezzi dei ristoranti, dei negozi, delle terme e degli eventi culturali. È possibile acquistare la carta presso gli hotel, le agenzie di viaggio e gli uffici del turismo della città. Di solito viene accompagnata da un opuscolo che fornisce ulteriori informazioni.

Guidare a Budapest

Non è consigliabile utilizzare l’auto a causa della presenza di numerose aree pedonali. La città è suddivisa in diverse zone di parcheggio dove si paga dal lunedì al venerdì, mentre la domenica il parcheggio è gratuito. Nel caso in cui si parcheggi in zone proibite, l’auto viene rimossa e portata in depositi appositi. Per recuperarla e ottenere informazioni, è necessario chiamare un numero specifico.

Conoscere la città

Per esplorare la città, è possibile scegliere diverse opzioni. Cityrama (tel. 01.3310043) organizza tour in bus che coprono i luoghi più suggestivi di Budapest, con soste lungo il percorso. Il tour ha una durata di 3 ore e ha un costo di circa € 24. L’Hotel Intercontinental è il punto di partenza e di arrivo del tour.

In tram, si consiglia di prendere il tram n°2 che offre una vista panoramica lungo il Danubio, passando solo brevemente all’interno della Piazza del Parlamento. Il capolinea si trova di fronte al Ponte Margherita e il costo del biglietto è di circa € 3.

Per un’esperienza suggestiva, è possibile fare crociere in battello sul Danubio con Legenda (tel. 01.2664190), anche di sera. Le partenze avvengono ogni giorno da maggio a settembre, dalle 11:00 alle 22:00, da Piazza Vigadò. Il costo del biglietto è di circa € 3,50.

Clima

Il clima a Budapest è temperato grazie alla protezione offerta dai Carpazi, che impediscono l’arrivo delle correnti polari e siberiane. Il periodo migliore per visitare la capitale è tra agosto e settembre, quando le temperature sono piacevoli, meno calde rispetto ad altri mesi, e il clima è più secco con poche precipitazioni. Durante l’inverno, il clima è molto freddo e lungo, anche se le precipitazioni sono limitate.

La temperatura media annua nella capitale è di 12 °C, con una temperatura massima di 34,5 °C.

Abbigliamento a Budapest

Durante i mesi di luglio e agosto, il clima a Budapest è caldo, ma tende a rinfrescare di sera. Pertanto, si consiglia di mettere in valigia abiti pratici e, soprattutto, scarpe comode, considerando che sarà necessario camminare molto per visitare Budapest a piedi. È consigliabile includere anche un impermeabile, un cardigan e maglioni di lana per le serate più fresche.

Musei di Budapest

Ecco quali sono

Galleria Nazionale Ungherese

Situata all’interno del Palazzo Reale, in Disz ter 17, questo museo simbolo del Paese è facilmente raggiungibile con il Varbusz. La collezione conta circa 100.000 opere d’arte, tra cui pietre scolpite medievali, statue di legno e i magnifici trittici nella sala del Trono. Orario: martedì-domenica dalle 10:00 alle 18:00 – ingresso a pagamento.

Museo Nazionale Ungherese

Si trova in Muzeum korut 14/16 ed è uno dei musei più importanti della città. È raggiungibile con la linea 3 della metropolitana (fermata piazza Kalvin), i treni HEV 47 e 49 e i bus 15 e 9. Il museo ospita oltre un milione di oggetti. Orario: martedì-domenica dalle 10:00 alle 19:00 – ingresso a pagamento.

Museo delle Belle Arti

Situato in Dozsa Gyorgy ut 41, il museo è accessibile con la metropolitana (fermata Hosok tere), il bus 4 e il tram 79. La collezione permanente comprende opere d’arte straniere di artisti come Raffaello, El Greco e Bruegel. È considerata la più grande collezione dell’Europa centrale, con oltre 800 pezzi. Orario: martedì-domenica dalle 10:00 alle 17:30 – ingresso a pagamento.

Museo e Scavi di Aquincum

Situato in Szentendrei ut 139, questo grande parco-museo all’aperto conserva i resti dell’antica città romana di Aquincum, tra cui la piazza, il mercato della carne, i bagni pubblici e il Tempio di Mithra. Orario: martedì-domenica dalle 09:00 alle 18:00 – ingresso a pagamento.

Negozi a Budapest

I negozi sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00 e il sabato dalle 10:00 alle 13:00. I centri commerciali sono aperti anche la domenica.

Shopping a Budapest

A Budapest è possibile acquistare una varietà di oggetti, tra cui porcellane ungheresi, mobili antichi, ricami, pregiati lavori in legno e oggetti in cuoio. Non si può dimenticare di provare la paprika, il salame, il fegato d’oca e il vino passito di Tokai, che sono specialità locali.

La sera a Budapest

Budapest si anima di sera e offre numerose opportunità per trascorrere serate divertenti. Ci sono numerosi circoli di jazz e locali notturni dove è possibile divertirsi fino all’alba.

Budapest, la capitale dell’Ungheria, è considerata una delle città più belle, spesso chiamata la “Parigi dell’Est”. Il fiume Danubio la divide in due parti: Buda, situata sulle colline, e Pest, che si estende nella vasta pianura. La città è pacifica ma allo stesso tempo vivace, intima ma anche una vera e propria metropoli, in grado di conservare il suo patrimonio storico e abbracciare le nuove tendenze. Ci sono escursioni che non si possono assolutamente perdere, sia per l’atmosfera suggestiva dei luoghi, sia per le spettacolari viste che offrono sulla città e sul Danubio.

Bastione dei Pescatori

Il Bastione dei Pescatori è un complesso di bastioni neoromanici e neogotici costruito tra il 1901 e il 1903 sulle antiche mura medievali. Precedentemente, in questo luogo si trovava un mercato del pesce e un villaggio di pescatori, da cui deriva il suo nome. Dai terrazzi del bastione si può godere di una vista panoramica sul Danubio e su Pest, tanto che nel 1988 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Sotto il bastione si trova la cripta della chiesa di San Michele.

Belvedere del monte Giovanni

Questo è il punto panoramico più alto della città, che può essere raggiunto anche tramite la funivia Libego. Il capolinea della funivia è servito dai bus 4 e 16 e dal treno HEV 19. Il belvedere offre una splendida vista panoramica che si estende oltre Budapest.

Quartiere della Fortezza

Questo quartiere offre uno spettacolare panorama che abbraccia tutto il corso del Danubio ed è stato anch’esso dichiarato Patrimonio dell’Umanità. A sud della Fortezza si erge la collina di San Gherardo, che ospita la statua omonima del Santo. Il monte prende il nome dal vescovo italiano Gherardo, che nel 1046 fu gettato nel fiume dai pagani ungheresi. La collina è circondata da un parco con terrazze panoramiche e ospita la Cittadella. Nel lato meridionale della collina è stata scolpita una cappella nella roccia nel 1927.

Uno sguardo dal ponte

Le tre parti della città di Budapest, Buda, Obuda e Pest, sono collegate da sei ponti che offrono una vista mozzafiato e meritano una visita. Uno di questi ponti è il Ponte Arpad, costruito nel 1950 a nord dell’isola Margherita. Lungo 2 km, questo ponte rappresenta un’importante via di collegamento tra le diverse parti della città.

Ponte Margherita

Il Ponte Margherita, realizzato tra il 1872 e il 1876 su progetto dell’architetto francese Ernest Gouin. Questo ponte unisce proprio l’Isola Margherita con la Circonvallazioni Santo Stefano (ovvero Szent István körút) a Pest e Margit (Margit körút) a Buda. Le due parti del ponte si incontrano davanti alla punta dell’Isola Margherita, formando un angolo di 150 gradi in modo intenzionale.

Il collegamento con l’isola venne attivato nel 1901. Nel novembre 1944, il ponte, che era stato minato dai tedeschi, esplose causando la morte di 600 persone: un tragico evento che era stato inavvertitamente anticipato più di 60 anni prima dal poeta János Arany nella ballata “L’inaugurazione del ponte”. Nel febbraio del ’45, i tedeschi completarono la sua distruzione, ma fu ricostruito nel dopoguerra. Il ponte, comprese le rampe, ha una lunghezza di 670 metri.

Ponte a Catene

Il Ponte a Catene, conosciuto anche come Széchenyi Lánchíd, è raggiungibile tramite i bus 4, 16 e 105 e i treni HEV 2 e 19. Questo ponte rappresenta uno dei simboli più importanti della capitale ungherese ed è il primo ponte stabile costruito per collegare Buda e Pest. La sua costruzione fu avviata nel 1839 e completata nel 1849 grazie all’iniziativa del Conte István Széchenyi. I progetti furono elaborati dall’architetto inglese William Tierney Clark, mentre l’esecuzione fu affidata al suo omonimo Adam Clark, che importò il ferro dall’Inghilterra. Il ponte poggia su due piloni di 50 metri di altezza ed è lungo 375 metri. Collega Piazza Roosevelt a Pest con Piazza Adam Clark a Buda, terminando con una galleria che passa sotto la collina del Castello. Di notte, la sua splendida illuminazione, che si riflette nelle acque del Danubio, lo rende particolarmente affascinante.

Ponte Elisabetta

Il Ponte Elisabetta, servito dai bus 7, 8, 173 e 78, e dai treni HEV 2 e 19, prende il nome dalla regina Elisabetta, meglio conosciuta come Sissi, che fu assassinata nel 1898. Il ponte, lungo 380 metri, offre un fantastico panorama ed è stato aperto al traffico nel 1964. Nel gennaio del 1945, i tedeschi lo fecero saltare in aria. È l’unico ponte di Budapest che, per motivi di traffico, economici e tecnici, non è stato ricostruito nella sua forma originale.

Ponte della Libertà

Il Ponte della Libertà, raggiungibile con i treni HEV 2, 47 e 49, lungo 330 metri, presenta quattro turul, gli uccelli totemici ungheresi, posizionati sui due punti più alti. Fu realizzato tra il 1896 e il 1896 quando furono organizzate le celebrazioni del millenario ungherese. Si trattò di un progetto realizzato János Feketeházy e da Aurel Czekelius, invece l’architettura fu realizzata da Virgil Nagy del Politecnico. Considerato uno dei ponti più belli del mondo, in stile Art Nouveau, presenta una struttura di ferro elegante. Sulle guglie delle quattro agili torri è raffigurato magnificamente un turul, un mitico uccello totemico simile all’aquila che avrebbe indicato ad Árpád la strada dei Carpazi. Nella chiave al centro della balaustra sopra l’arco, si trova lo stemma reale ungherese con la santa corona. Distrutto da un bombardamento tedesco nel 1945, fu prontamente ricostruito e rinominato Ponte della Libertà.

Ponte Petòfi

Il Ponte Petőfi, costruito tra il 1933 e il 1937, non ebbe una lunga vita. Come gli altri ponti, fu distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale e successivamente ricostruito nel 1952. Con una lunghezza di 514 metri, sbocca sul Grande Corso (Nagykörút) a Pest.

Ponte Làgymànyosi

Il Ponte Lágymányosi fu costruito per alleggerire il traffico sul Ponte Petőfi e per collegare i nuovi quartieri della città.

Piazze di Budapest

Piazza degli Eroi

Piazza degli Eroi, Hõsök tere, è il più grande piazzale d’onore della capitale e segna la chiusura dell’imponente Andrássy ut, con il Parco Civico che si estende alle sue spalle. La piazza è un magnifico insieme di due palazzi e un monumento. Il Museo delle Belle Arti (1906), un edificio eclettico, ospita una delle maggiori collezioni pubbliche ungheresi, con oltre 120.000 opere d’arte, tra cui una delle principali collezioni spagnole al di fuori della Spagna. Il Palazzo delle Esposizioni (1895), anch’esso in stile eclettico, è la più grande sala espositiva di Budapest e del Paese. Il Monumento del Millennio fu costruito nel 1896 in occasione del millenario della conquista della patria. Al centro del colonnato semicircolare, su una colonna alta 36 metri, si erge la statua di bronzo dell’Arcangelo Gabriele, che ha vinto il Grand Prix all’Esposizione Universale di Parigi del 1900. Tra le colonne del monumento si trovano le statue dei grandi personaggi della storia ungherese, mentre di fronte ad esse si trova il monumento degli Eroi della nazione. La piazza ha ospitato numerosi eventi importanti nel corso degli anni, come il Congresso Eucaristico Mondiale nel 1938, manifestazioni di protesta nel 1988 e i funerali di riabilitazione del primo ministro Imre Nagy e dei suoi compagni giustiziati nel 1989, nonché la Santa Messa celebrata da Papa Giovanni Paolo II nel 1991.

Piazza Vörösmarty

Piazza Vörösmarty segna il centro della città ed è l’inizio di Váci utca, la principale arteria commerciale del quartiere. Questa piazza è conosciuta come la “roccaforte dello shopping” di Budapest, con la sua isola pedonale. Due caffetterie molto frequentate, la rinomata pasticceria Gerbeaud e l’Art Cafe, si affacciano sulla piazza. Questo luogo è sempre animato e rappresenta un punto di incontro molto popolare per i locali e i visitatori.

Monumenti della città

In giro per la città, tra monumenti, palazzi, chiese, piazze, vicoli ed aree verdi, si può scoprire una città dal cuore antico che continua ad evolversi.

Chiesa di San Mattia

La Chiesa di San Mattia, situata in Szentharomsag ter e raggiungibile con il Varbusz, è considerata la più bella chiesa cattolica della città. Costruita in diverse fasi tra i secoli XIII e XV, è stata rifatta in stile neogotico nel 1896 e presenta affreschi e vetrate mozzafiato. All’interno si possono ammirare una ricca raccolta di pietre, una collezione di reliquie e capolavori dell’oreficeria ungherese.

Sinagoga

La Sinagoga, situata in Dohany ut e raggiungibile con la linea 1 del metrò (fermata Astoria), è una delle più grandi sinagoghe d’Europa. L’edificio, di stile bizantino-moresco, ospita un museo che conserva una ricca collezione di oggetti legati alla cultura ebraica.

Palazzo del Parlamento

Il Palazzo del Parlamento, lungo il Danubio di Pest in Kossuth Lajos ter, è un’imponente struttura di 268 metri di lunghezza e 691 locali. La scala principale è decorata con affreschi realizzati da Lotz. Al suo interno, si possono ammirare i gioielli dell’incoronazione, tra cui la corona di Santo Stefano e lo scettro. Il palazzo si visita solo tramite tour guidati di circa un’ora. Le visite guidate in italiano sono disponibili nei giorni feriali alle 11:30 e alle 16:00, e la domenica alle 11:30. Durante il periodo estivo (1 maggio – 30 settembre), sono disponibili anche visite alle 16:15 nei giorni feriali, alle 11:30 e alle 16:00 il sabato, e alle 12:15 la domenica. I turisti provenienti dai paesi dell’Unione Europea possono visitare gratuitamente il palazzo presentando un documento di identità valido (passaporto o carta d’identità).

Isola Margherita

L’Isola Margherita, raggiungibile con il pullman 26 da Piazza Nyugatì, è un’oasi di pace immersa nel verde nel mezzo del Danubio. Questa splendida isola ospita monumenti storici come la Torre dell’Acqua, la Fontana musicale e il chiostro in cui visse Santa Margherita d’Ungheria. Il modo migliore per visitare l’isola è in bicicletta, che può essere affittata al costo di circa € 4 all’ora. In alternativa, è possibile fare un giro in carrozza trainata da cavalli per 30 minuti al prezzo di € 16.

Il Palazzo Reale, accessibile tramite il Varbusz o la funicolare Siklò, è un elegante ed imponente edificio che rappresenta uno dei simboli del Paese. Si trova nel distretto dichiarato Patrimonio dell’Umanità, che ospita tre chiese, sei musei, monumenti e piazze di grande importanza storica, oltre a numerosi palazzi. Il palazzo è stato distrutto e ricostruito più volte nella sua storia, l’ultima volta dopo la Seconda Guerra Mondiale, assumendo l’aspetto attuale. Oggi ospita la Galleria Nazionale Ungherese, il Museo della storia di Budapest e la Biblioteca nazionale.

Terme di Budapest

Budapest, nota anche come “la città delle terme”, vanta oltre cento sorgenti termali e dodici bagni termali, molti dei quali offrono acque curative. Tra i più famosi si trova il bagno termale Gellért, situato in Kelenhegyi ut 4, che rappresenta uno dei simboli della città per la sua eleganza e stile. Le sorgenti curative presenti in questo luogo sono state scoperte ben duemila anni fa, e la loro efficacia terapeutica era già nota nel XIII secolo.

L’edificio attuale del Gellért è stato costruito durante la Prima Guerra Mondiale, tra il 1914 e il 1918. Conserva ancora l’arredamento originale in stile Art Nouveau, con mosaici artistici, finestre colorate e statue. L’acqua termale curativa contenuta nelle dieci sorgenti del Gellért è ricca di calcio, magnesio, idrocarburi ed è leggermente alcalina con tracce di cloruro e zolfo. Queste proprietà rendono l’acqua particolarmente efficace nel trattamento di malattie croniche degenerative dell’apparato motorio e delle vie respiratorie.

All’interno del complesso termale, è presente un ospedale con medici e personale sanitario che offre servizi medici specializzati. Accanto al bagno termale, si trova una piscina all’aperto con onde artificiali, circondata da un incantevole parco, e una piscina con tetto apribile. L’architettura del Gellért è di grande bellezza e fascino, offrendo un’esperienza termale unica.

Terme Kiràlu

Le Terme Király, situate lungo la riva occidentale del Danubio, rappresentano uno dei bagni turchi più affascinanti di Budapest. La costruzione del bagno fu avviata da Arszlán, pascià di Buda, nel 1565, dopo l’occupazione di Buda. Fin dall’epoca turca, il bagno utilizzava l’acqua delle sorgenti del bagno Lukács, che veniva condotta qui attraverso piccoli canali di pino rosso. Oggi, l’acqua curativa viene fornita ai bagni tramite tubi di plastica, ma la struttura rimane sostanzialmente la stessa.

Durante la seconda guerra mondiale, i bagni subirono gravi danni e furono riaperti solo nel 1959. All’interno, vi sono 4 piscine .

Le acque termali delle Terme Király sono a temperature di 39 e 30 gradi, mentre la piscina fredda è a 26 gradi. Le camere d’aria calda e di vapore raggiungono temperature di 60-70 gradi. L’acqua termale contiene carbonato di calcio, magnesio e idrogeno, oltre ad un notevole contenuto di ioni fluorici. Le acque sono consigliate per il trattamento di malattie dell’apparato locomotore, ma sono anche indicate per chi desidera semplicemente rilassarsi e riposarsi. Le indicazioni terapeutiche sono simili a quelle del bagno Lukács.

È importante notare che l’accesso alle Terme Király è consentito a giorni alterni, dedicati esclusivamente alle donne o agli uomini.

Terme Lukàcs

Le Terme Lukács, situate in Frankel Leó út 25-29, vantano una storia che risale al Medioevo. Durante il periodo turco, le sorgenti vennero delimitate da terrapieni, creando dei piccoli laghetti. I nuovi bagni furono costruiti nel XVIII secolo e comprendono non solo una piscina, ma anche bagni termali e fanghi. Sui muri esterni delle Terme Lukács sono collocate targhette di marmo come segno di gratitudine, seguendo una tradizione medievale in cui i malati guariti apponevano oggetti votivi sui muri esterni delle chiese adiacenti.

Il centro termale fu eretto nella seconda metà del XIX secolo. L’acqua termale delle Terme Lukács, composta da calcio, magnesio e idrocarburo, e nelle zone più calde contiene anche fluoruro, cloruro e zolfo, ha una temperatura che varia tra i 21 e i 49 gradi Celsius. Le Terme Lukács sono molto frequentate grazie ai benefici effetti che producono in caso di infiammazioni croniche della colonna vertebrale, artriti, postumi post-traumatici e malattie reumatiche. All’interno del bagno termale, che dispone anche di un reparto ospedaliero diurno, sono disponibili vari metodi di balneoterapia, compresi trattamenti con fanghi, e tutte le altre forme di fisioterapia.

Nel giardino delle terme si trova la sala dell’acqua minerale, accessibile direttamente dalla strada, costruita nel 1937 e ricostruita nel 1998. In questa sala, in un ambiente piacevole, è possibile bere l’acqua minerale, che ha effetti eccezionali nel trattamento di malattie dello stomaco e dell’intestino. Le Terme Lukács offrono, quindi, una combinazione di cure termali e terapie fisiche per il benessere e la salute dei visitatori.

Shopping

Nella vivace città di Budapest, lo shopping è un’attività molto apprezzata dai visitatori. Una delle vie pedonali più famose per fare shopping è la Váci utca, che offre una vasta selezione di negozi di moda. Se sei alla ricerca di abbigliamento, borse, accessori e pellicceria delle migliori marche a prezzi scontati, puoi visitare Montenapoleone Stock House, situato all’angolo tra Haris Koz e Petdi Sandor utca.

Se desideri fare acquisti in un ambiente più ampio, puoi recarti al Westend City Center, situato lungo la Váci utca. Questo complesso commerciale ospita ben 400 negozi e 14 sale cinematografiche, offrendo una vasta scelta di prodotti.

Per gli amanti dell’arte e del design ungherese, la Falk Miksa utca è una via da non perdere, con numerose gallerie d’arte e negozi di antiquariato. In particolare, puoi visitare Magma, situato in Petofi Sandor utca 11, dove troverai mobili, tessuti e oggetti realizzati da giovani designer ungheresi.

Se sei interessato a oggetti tradizionali e artigianato locale, puoi fare una visita a Herend, situato in Jozsef Nador ter 11. Questo negozio è specializzato nella produzione di porcellane ungheresi di alta qualità.

Per una esperienza di shopping unica e curiosa, puoi esplorare il Mercatino delle pulci di Nagykorosi ut, aperto dal lunedì al sabato fino alle ore 14. Qui potrai trovare una varietà di oggetti, come orologi da tasca, jeans italiani, dischi in vinile e costumi tradizionali ungheresi.

Budapest offre, dunque, una vasta gamma di opportunità per lo shopping, soddisfando i gusti e le esigenze di ogni visitatore.

Dove mangiare a Budapest

Se stai cercando ottimi posti dove mangiare a Budapest, hai molte opzioni tra cui scegliere. Ecco alcuni suggerimenti:

Se desideri vivere un’esperienza romantica con musica tzigana, puoi provare Karpatia, situato in Ferenciek tere 7/8. Qui potrai gustare piatti deliziosi accompagnati da una piacevole serenata.

Per gli amanti della carne, Leroy, situato all’interno del centro commerciale Westend City Center, è una steakhouse che offre gustose bistecche e specialità di carne.

Per un pasto leggero e salutare, Falafel in Paulay Ede utca 53 è una scelta eccellente. Qui potrai gustare insalate fresche e frullati di frutta deliziosi.

Se vuoi provare la cucina locale, Apostolok in Kigyo utca 4/6 è un locale aperto dalle 12:00 a mezzanotte che offre piatti tradizionali ungheresi.

Se sei a Buda e cerchi un’esperienza culinaria raffinata, Alabardos è uno dei migliori ristoranti nella zona del Castello di Buda. Qui potrai assaporare specialità preparate secondo antiche ricette magiare.

Per piatti ungheresi a base di selvaggina, puoi visitare Aranyszarvas, situato ai piedi della collina del Castello di Buda.

Se desideri vivere una cena tipica con musica tzigana e spettacoli folcloristici, Vadaspark è un’ottima scelta.

Infine, se desideri gustare la cucina tradizionale ungherese e assaggiare il famoso strudel, Elso Pesti Reteshaz in Október 6 utca 22 è un ottimo ristorante. Potrai anche osservare il pasticcere preparare lo strudel grazie a una vetrina dedicata.

Questi sono solo alcuni dei luoghi dove potrai assaporare la ricca e gustosa cucina di Budapest. Buon appetito!

Per i golosi

Per gli amanti dei dolci, Budapest offre un’antica e prestigiosa tradizione nella pasticceria e nei caffè. Nel XIX e XX secolo, la città contava ben 500 locali di questo genere. I primi caffè furono introdotti dai turchi e ben presto divennero luoghi di ritrovo per studenti e intellettuali. Qui si svilupparono anche idee rivoluzionarie, come nel famoso caffè Pilvax nel 1848, e movimenti culturali, come nel Caffè New York nel 1908. Durante la Belle Époque, anche la borghesia aderì alla moda di frequentare i caffè, che conobbero il loro periodo d’oro. Il Caffè New York, inaugurato nel 1887, divenne il più famoso di tutti, mentre il Caffè Central era un punto di incontro per scrittori, poeti e intellettuali. Alcuni caffè letterari ospitavano addirittura le redazioni di riviste specializzate. Esistevano caffè dedicati agli artisti, ai politici, agli artigiani e ai commercianti. Il Caffè Museo era caratterizzato da stucchi, specchi e lampadari di fine Ottocento. Le pasticcerie-caffè come Gerbaud, così chiamata dal nome del pasticcere svizzero Emile Gerbeaud che vi lavorò a partire dal 1883, e Ruszwurm, erano frequentate anche da membri della famiglia imperiale come la principessa Sissi e Francesco Giuseppe. Dopo il 1945, l’intensa vita dei caffè iniziò a perdere vigore e il loro fascino si affievolì. Nonostante ciò, la tradizione delle pasticcerie e dei caffè mitteleuropei è ancora ben presente a Budapest, seppur in forma ridotta rispetto al passato. Per un’esperienza golosa e un viaggio nel passato, vi consigliamo di seguire un percorso tra i caffè e le pasticcerie più famosi di Budapest, dove potrete assaporare le prelibatezze di ieri e di oggi.

Percorso dei golosi: caffè e pasticceria

Percorso dei golosi: caffè e pasticcerie L’antica Pasticceria Gerbeaud – Vorosmarty ter 7 – è la più celebre di Budapest, fondata nel 1858 da Henrik Kugler, pasticcere svizzero che inventò diverse prelibatezze, tra cui le konyakos meggy (marasche al cognac). Nel 1884, Emile Gerbeaud, altro rinomato pasticcere svizzero, acquisì la pasticceria, che prese il suo nome. Gerbeaud esportava i suoi dolci in tutto il mondo. La sontuosa sala da tè, in stile viennese, è arredata con eleganza barocca e pareti in verde pastello. Nel negozio annesso, chiamato Kis Gerbeaud, è possibile acquistare squisiti dolci preparati secondo le ricette originali. Lungo il percorso da piazza Vörösmarty tér a Váci utca, si può fare una sosta presso la Caffetteria e pasticceria Zsolnay per gustare la famosa torta Eszterházy o scegliere tra i 100 tipi di dolci diversi che vengono preparati ogni giorno, oltre alle 12 specialità di caffè disponibili. Il pasticcere Árpád Szûcs è un campione mondiale dell’arte dolciaria. Proseguendo lungo via Pariszi u., è possibile acquistare i famosi marzapani Szamos. Nella vicina Kossuth Lajos utca si trovano due caffè: il Caffè Astoria e l’Auguszt, un delizioso piccolo caffè situato in un cortile, ideale per incontri romantici, dove la specialità della casa è una torta chiamata E-80. Proseguendo ancora, lungo Múzeum körút, si trova il Caffè Múzeum, un’istituzione per i budapestini.

Percorrendo il Viale Andrassy, si incontra il Caffè Mûvész, considerato il migliore di Budapest. Aperto alla fine dell’Ottocento, dispone di una splendida sala da tè con antichi specchi, statuette e dipinti. L’ambiente è impreziosito da una delicata musica classica e la terrazza, che si affaccia sul Teatro dell’Opera, è sempre affollata durante le belle giornate. Più avanti si trova la Pasticceria Lukács, fondata nel 1912. Il piano terra è in stile anni Trenta, mentre la sala superiore è arredata in stile barocco con specchi e dorature. Qui si possono gustare ottimi pasticcini e dolci tradizionali, e ogni sera si può godere della musica dal vivo suonata al pianoforte. Il percorso si conclude nel quartiere di Palazzo Reale a Buda, dove si trova la Caffetteria Pasticceria Ruszwurm – Szentharomsag ter 7 – che risale al 1827 ed è la più antica pasticceria ungherese. Qui si può gustare il caffè e le specialità come la torta e i pasticcini alla crema .

Cosa fare la sera a Budapest

La sera a Budapest offre una vasta gamma di opzioni per divertirsi. Per i giovani, c’è Bank – Vaci utca 33 – una discoteca con tre sale e tre stili musicali diversi. Se si desidera gustare una buona birra, Fat Mo’s – Nyari pal ut 11 – è un disco pub molto apprezzato. Club Seven – Akacfa ut 7 – è un club musicale che rimane aperto fino alle 5 del mattino, e le donne possono entrare gratuitamente. Per un’atmosfera più rilassata, Cactus Juice – Jokal ter 5 – è un pub dove è possibile anche mangiare, e le donne non pagano l’ingresso. La Piazza Liszt è diventata un punto di ritrovo storico in città. Durante la bella stagione, i tavolini all’aperto si riempiono e diventa uno dei luoghi tipici per incontrarsi, bere qualcosa e ascoltare musica. I locali che si affacciano sulla piazza chiudono però a mezzanotte. Se si desidera provare la fortuna, il Casinò Las Vegas – Roosevelt ter 2 – è aperto dalle 14:00 alle 5:00 del mattino, con ingresso libero e un dress code casual consentito, a differenza di altri locali che richiedono un abbigliamento più sobrio.

Dintorni di Budapest

Budapest è circondata da un’area di grande fascino e interesse scenografico. Lungo l’Ansa del Danubio, si trovano splendide e maestose cittadine che costituiscono una rinomata zona di villeggiatura.

L’Ansa del Danubio, dove il fiume si dirige bruscamente verso sud tra i monti, regala un panorama di straordinaria bellezza. In passato, durante il Medioevo, questa zona fu teatro di importanti eventi della storia ungherese, lasciando dietro di sé un ricco patrimonio artistico, storico e culturale.

Verso nord, lungo il versante di Buda, si trova Szentendre, una pittoresca cittadina sulle rive del Danubio con un’atmosfera mediterranea. Questo luogo è stato residenza e luogo di lavoro per noti artisti, il cui lavoro è esposto nei musei della città. Le opere di Jeno Barcsay possono essere ammirate in via Dumtsa Jeno, mentre le rinomate ceramiche di Kovács Margit sono esposte in via Vastagh György 1.

A Szentendre ci si lascia facilmente coccolare dall’atmosfera accogliente della città e, soprattutto, dalla buona cucina. Questa città anticamente abitata dalla comunità serba conserva ancora oggi le tradizioni nelle caratteristiche case e nelle splendide chiese con le iconostasi. Oltre alle arti, la città offre anche il più grande museo etnografico all’aperto del paese, dove sono esposti gli elementi architettonici tipici di tutte le regioni, comprese vecchie case contadine smontate e ricostruite qui, mulini, chiese e strumenti che rievocano antichi mestieri e testimoniano un mondo ormai scomparso.

Visegràd

Visegrád è un luogo di grande importanza storica, in quanto segnava il confine dell’Impero Romano. Ancora oggi è possibile ammirare i resti delle antiche torri di guardia che si ergevano in questa zona. In seguito, il re Stefano fondò qui una contea, e secondo la tradizione, la torre omonima di Visegrád fu la prigione del re Salomone.

Il paesaggio di Visegrád è dominato da un’imponente roccaforte. Il palazzo, originariamente in stile barocco ma arricchito da elementi rinascimentali durante il regno di Mattia, fu costruito in prossimità del fiume Danubio. Si racconta che dalla fontana del palazzo, scolpita in pregiato marmo rosso, scorresse il vino, come testimoniano gli ambasciatori stranieri dell’epoca. Oggi nel cortile del palazzo si trova una fedele riproduzione della fontana, ricostruita con l’aiuto degli inglesi. Durante l’estate, nella roccaforte vengono organizzati vari eventi, come tornei, sagre e banchetti in stile rinascimentale, che riportano indietro nel tempo e rendono ancora più suggestiva l’atmosfera di Visegrád.

Eszetergom

Esztergom è una tappa imprescindibile per chi visita l’Ungheria. Situata più a nord, a circa venti chilometri da Visegrád, è una città dal ricco passato storico. Esztergom è stata l’antica sede reale e ha visto nascere Santo Stefano, il primo re d’Ungheria. Per molti anni è stata la capitale del paese e ha ospitato sia la corte reale che importanti dignitari ecclesiastici.

Oggi il castello di Esztergom è stato restaurato e ospita un museo che permette ai visitatori di immergersi nella storia del luogo. La magna aula del castello è invece utilizzata per conferenze scientifiche, creando un interessante connubio tra passato e presente. Ma la vera attrazione di Esztergom è la Basilica, che sorge su un punto panoramico del Monte del Castello. È la chiesa più grande dell’intero paese e la sua cappella Bakócz rappresenta uno dei più splendidi esempi del Rinascimento ungherese. Vicino all’edificio si trova la statua di Santo Stefano, che fa parte integrante del paesaggio cittadino.

Non lontano dalla Basilica si trova il Museo Cristiano, ospitato nel palazzo del primate. Qui è possibile ammirare una ricca collezione di dipinti provenienti dall’Italia medievale, oltre a pregiati tappeti, ceramiche e porcellane. Il Museo Cristiano offre un’affascinante panoramica sull’arte e sulla cultura di quel periodo storico.

Esztergom, con la sua storia millenaria e i suoi tesori artistici, è una tappa imprescindibile per gli amanti della cultura e della storia ungherese.

Gödöllõ

A circa 30 chilometri a nord-est di Budapest si trova Gödöllõ, un grazioso paesino che vanta un’importante attrazione: il Castello Grassalkovich, noto anche come “il castello della Principessa Sissi”. Costruito in stile barocco intorno al 1730 su richiesta di Grassalkovich Antal, un influente aristocratico ungherese e confidente della regina Maria Teresa d’Austria, il castello si trova nel centro della tenuta di Gödöllõ. La sua forma a W divenne un simbolo dell’epoca e un modello per la progettazione di altri castelli ungheresi, dando origine a uno stile conosciuto come “stile alla Gödöllõ”.

Dal 1867 al 1916, il castello fu la residenza di riposo dell’imperatore d’Austria e Ungheria Francesco Giuseppe I e della moglie, la regina Elisabetta, famosa come “la Principessa Sissi”. In onore della principessa, che si innamorò immediatamente di Gödöllõ durante la sua prima visita nel maggio del 1867 e vi trascorse lunghi soggiorni, è stato creato il “Percorso Sissi”. Nel corso dei restauri, è stato ricostruito il teatro barocco, che ospita concerti da camera, e il padiglione dei re, adornato con ritratti dei sovrani ungheresi e austriaci, è stato riaperto nel giardino. Il castello ospita anche eventi, conferenze ed esposizioni.

Martonvásár

A circa 30 chilometri a sud di Budapest, lungo l’autostrada M7, si trova Martonvásár, che deve la sua fama mondiale a un illustre ospite: Ludwig van Beethoven. Qui il grande compositore visse, insegnò e compose per un lungo periodo. Ancora oggi, Martonvásár è un luogo di culto per Beethoven, e nel parco del castello, che ospita un museo dedicato al compositore, vengono spesso organizzati concerti delle sue opere.