Visitando Osaka

Osaka è il capoluogo dell’omonima prefettura, situata nell’isola Honshu, la maggiore del Giappone. La prefettura di Osaka rappresenta il 7% della popolazione nazionale e il 15.2% di stranieri vivono in quest’area. Originariamente chiamata Naniwa(“grande pendìo”, o “grande collina”), la città di Osaka, con oltre 2.600.000 abitanti, è un importante centro industriale e commerciale, grazie anche al suo efficiente Porto che consentì l’intensificarsi del commercio e quindi del conseguente sviluppo, in seguito all’apertura ai Paesi stranieri nel 1868.

Cosa vedere a Osaka

Scopri di più

Castello di Osaka

Il Castello di Osaka: è il simbolo per eccellenza della città e ha una storia antica di oltre 400 anni. Fu costruito originariamente da Hideyoshi Toyotomi, uno dei tre grandi Signori della guerraeunificatoridel Giappone medievale e per 15 anni (fino alla morte di Hideyoshi, nel 1598) il castello si sviluppò e divenne più robusto e sfarzoso. Da allora il castello fu danneggiato varie volte: durante conflitti civili, bombardamenti della seconda guerra mondiale e a causa di un fulmine. Venne però ricostruito e rinforzato fino a diventare quello che è oggi ed è possibile visitarlo, così come il parco dove è situato. Da notare in particolare le imponenti porte d’entrata e le torrette lungo tutto il fossato.

Bunraku

Il Bunraku: Osaka è la città natia del Bunraku, il teatro di marionette tradizionali, forma d’arte giapponese antica di 300 anni.
Le grandi marionette sono solitamente manovrate da 3 burattinai che, magistralmente, riescono a dare straordinaria grazia e sembianze quasi umane a queste marionette. Per assistere agli spettacoli, si va al Teatro Nazionale Bunraku e i prezzi variano in base agli spettacoli, così come gli orari. Per controllare gli eventi andate nella pagina ufficiale del teatro.

Teatro Noh

Teatro Noh: è l’arte teatrale più antica del mondo ed è famosa per i suoi semplici ed essenziali movimenti, per le sue bellissime e artistiche maschere e per la sua singolare forma di dialogo, così evocativa dei tempi andati. Gli spettacoli del teatro Noh mostrano le universali fragilità umane, specialmente l’effimera natura dell’amore e per questo suscita un forte interesse tra il pubblico.
Uno spettacolo Noh include sempre una parte “Kyogen”, ossia una commedia comica che serve a smorzare un po’ i toni seri del dramma Noh. Si può assistere agli spettacoli Noh e Kyogen presso il Teatro di Osaka Nohgaku-kaikan e l’Ohtsuki Noh.
Nel mese di luglio è possibile assistere a degli spettacoli anche al Giardino Nishinomaru del Castello di Osaka.

Acquario Kayukan

Acquario Kayukan: uno degli acquari al coperto più grandi del mondo, il Kayukanè situato nell’area dellabaia di Osaka, contiene 35.000 animali acquatici in 14 grandi vasche che riproducono l’ambiente naturale di 10 zone dell’Oceano Pacifico.
Potrete ammirare oltre ai pesci, uccelli, anfibi, mammiferi, rettili, invertebrati e piante. Ben 580 specie che vivono nel Pacifico.
All’interno di questo enorme acquario sono presenti un negozio di souvenir/cancelleria, una caffetteria con vista sul mare, armadietti con serratura per lasciare zaini, borse, ecc (200 yen), una stanza per l’allattamento e addirittura un’infermeria.
Come si arriva: a 5 minuti a piedi dalla Stazione di Osakako tramite la linea Chuo della metro

Santuario Tenman

Santuario Tenman: il 24 e 25 luglio è possibile assistere alla famosa e spettacolare Tenjin Matsuri, una delle tre più grandi feste di tutto il Giappone (le altre due sono il Kanda Matsuri a Tokyo e il Gion Matsuri a Kyoto). Con una storia più che millenaria alle spalle, questo festival estivo è dedicato a Sugawara-no-Michizane, che fu divinizzato col nome di Tenman Tenjin, dio patrono dell’arte e della cultura. In questi due giorni di matsuri, spettacoli artistici tradizionali contribuiscono a creare una vivacissima atmosfera di festa in ogni parte della città. Musica Kaguri (per omaggiare gli dei) e spettacoli di marionette Bunraku fanno da contorno a una grande paratadi 3000 persone vestite in abiti della Corte Imperiale dei secoli VIII e XII, trasportando dei santuari da processione.
Un’altra caratteristica di questo matsuri è la processione delle barche, quando le stesse 3000 persone salgono a bordo di 100 barche dal molo del ponte Tenmabashi. Al tramonto, le barche brillano di luce grazie ai fuochi che vengono accesi illuminando tutta l’area circostante, creando magici riflessi sulla superficie del fiume. Lungo le sponde vengono allestiti dei padiglioni, dove cittadini e turisti possono godere dell’aria fresca della sera e della splendida vista sui fuochi d’artificio. Il gran finale si svolge quando la folla fa ritorno al Santuario Tenman a ritmo di battito di mani, evocando una nostalgica atmosfera del periodo Edo.

Dotonbori

Dotonbori: è una zona piena di vita, amata dai giovani e così ricca di ristoranti che non si fa certo fatica a trovare da mangiare, sicuramente mecca della cultura culinaria di Osaka, chiamata “Kuidaore”, che significa “mangia fino a cadere”, frase che descrive bene l’amore dei suoi abitanti per il buon cibo. A nord della riva del fiume, dove un tempo le Geishaintrattenevano i loro clienti, ora ci sono piccoli bar e ristoranti. La parte sud del fiume è la zona centrale di Dotonbori, una volta conosciuta come il distretto dei teatri. Oggi, insegne colorate al neon e cartelloni pubblicitari animano questa zona, dimostrando che ancora adesso il distretto rappresenta la passione degli abitanti di Osaka.

Nakanoshima

Nakanoshima: significa “al centro dell’Isola”, è una zona situata tra i due fiumi Dojimagawa eTosaborigawae rappresenta il distretto finanziario della città, dove hanno sede le maggiori banche, il tribunale e l’Osaka City Hall. E’ un quartiere tranquillo ed oltre ad essere il centro economico è anche il cuore storico e culturale della città, pieno di importanti siti di interesse ed edifici dallo stile raffinato. Si può iniziare la visita a questo quartiere andando al Parco di Nakanoshima, un’oasi verde nel paesaggio urbano risalente al 1891, entrata gratuita e aperto tutti i giorni. Si arriva prendendo la linea Midosuji oppure Keihan della metro e camminando qualche minuto dalla stazione Yodoyabashi . Interessante una visita anche al Museo delle scienze di Osaka, aperto nel 1989. Il biglietto costa 400 yen.

Mido Suji

Mido-Suji: è una delle vie più famose a Osaka, denominata le “Champs Elysee d’oriente”. Favolosi alberi di Ginkocosteggiano questa lunga via che parte dall’area nord di Kita, percorre tutta la Nanbae arriva fino alla zona Minami. In autunno le foglie ingialliscono e l’atmosfera si fa più romantica facendo da sfondo alla parata Mido-Suji alla quale assiste più di un milione di spettatori.

Le spiagge più belle

Anche i dintorni di Osaka, come quelli di Tokyo, sono costellati di belle spiagge e vivaci località balneari, perfette per alternare escursioni urbane a momenti di relax al mare. Ovunque si vada, un consiglio sempre valido per è quello di fare molta attenzione alle meduse, che tendono ad arrivare numerose soprattutto durante l’ultima parte dell’estate, da agosto in poi. Purtroppo non sempre lo stato di pulizia degli arenili è ottimale, anche alla luce dell’alto afflusso di persone, pertanto è sempre bene provvedere alla rimozione dei propri rifiuti contribuendo cosi a mantenere pulite le coste di un paese che da sempre fa dell’ordine e della pulizia uno dei suoi valori più forti.

Shirahama

E’ uno dei più antichi centri termali del Giappone, nonché rinomata stazione balneare, amata per la sua spiaggia di sabbia fine e per i deliziosi paesaggi del suo lungomare; si tratta di uno dei tre più antichi centri termali del Giappone, frequentato in passato da molti imperatori. Questa celebre località si trova nella parte meridionale della penisola di Kii, nella prefettura di Wakayama (di fronte all’Oceano Pacifico), ed è nota soprattutto per la bella sabbia bianca, in realtà importata dall’Australia, per gli ottimi frutti di mare che si possono gustare in loco e per i numerosi resort di lusso che ne fanno una meta molto ambita nei mesi caldi. Le spiagge qui sono piuttosto pulite e ben tenute e rappresentano una soluzione ideale anche per le famiglie, grazie alle numerose attrazioni turistiche per bambini. Vista la distanza da Osaka, circa due ore di treno, Shirahama è solitamente scelta per soggiorni di più di un giorno.
Tra le attrattive della zona, vanno ricordate le rocce di Sandanbeki, un suggestivo muro a strapiombo sul mare, la torre di osservazione sottomarina, situata a 100 metri dalla riva e che permette di contemplare, attraverso i suoi oblò, fauna e flora subacquea e il Museo d’Arte di Kishu, con la sua collezione di oggetti d’antiquariato.

Come arrivare ad Osaka

A Tokyo, dalle stazioni “Tokyo” e “Shinagawa” partono treni Shinkansen che raggiungono Osaka in circa 2 ore e mezza e costano circa 13000Yen a tratta. Se decidete di utilizzare questa soluzione è consigliato il Japan Rail Pass che vi farà risparmiare.
In alternativa per risparmiare tantissimo potete prendere un autobus notturno, che costerà circa 5000-6000Yen.
Da Kyoto si arriva ad Osaka in circa un ora di treno con la JR.

Richiedi informazioni per Visitando Osaka

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scopri le nostre offerte