Visitando le Isole Gili

Le Isole Gili (comunemente dette Gilis) sono un arcipelago di tre piccole isole posizionate al largo della più grande isola di Lombok, una delle più famose tra quelle del Mar della Sonda.

Sono tre piccole isole: Gili Air, Gili Meno e Gili Trawangan, che si affacciano sulla tranquilla baia di Bangsal, nella zona a nord-ovest di Lombok. Gili in indonesiano significa isola, ma da quando questo piccolo arcipelago è stato scoperto dal turismo sono note con il solo nome di Gili. Qui il mare è trasparente, le spiagge sono bianche e sabbiose, contornate di palme (soprattutto Gili Meno). I fondali corallini sono ricchi di pesci coloratissimi ed è sicuramente il posto migliore per fare snorkelling a Lombok.

Acque turchesi popolate di tartarughe giganti e straordinari fondali con pesci colorati, cavallucci marini e innocui squaletti di barriera. Spiagge candide non ancora snaturate da un turismo all inclusive, stradine sterrate senza auto né motorini e un Islam moderato e tollerante: ecco le Gili. Un’alternativa a tante destinazioni esotiche ormai affollate e piene di resort.

Solo tre isolette a nordovest di Lombok, con una delle più belle barriere coralline dell’Indonesia, raggiungibili da Bali in un paio d’ore di traghetto. Le isole Gili sono entrate a far parte delle destinazioni favorite dai campeggiatori e dagli escursionisti durante gli anni Ottanta e Novanta. Ancora oggi si tratta di una destinazione particolarmente nota, dato anche il suo posizionamento all’interno del cosiddetto “Banana Pancake Trail“, un percorso immaginario che attraversa le principali regioni dell’Indonesia. Il nome deriva dal “Banana Pancake”, frittella di banane tipica dell’Indonesia. Oggi le Isole Gili hanno subito forti cambiamenti rispetto al passato: se prima si trattava di veri e propri paradisi per campeggiatori, oggi si presentano come il risultato di una serie di restauri e progetti edilizi dallo spirito glamour, soprattutto per quanto riguarda l’isola di Gili Trawangan, probabilmente la più commerciale fra le tre. Le altre due isole, Gili Air e Gili Meno hanno mantenuto negli anni lo spirito di rilassanti paradisi tropicali, con numerosissimi piccoli chioschi lungo le spiagge che servono deliziosi drink al ritmo di musica reggae.

Il clima

Da un punto di vista climatico le Isole Gili sono caratterizzate da un caldo più secco di Lombok, fatta ovviamente eccezione per le ore serali e per la stagione delle piogge, che dura da Novembre ad Aprile, anche se l’intensità delle piogge è inferiore rispetto a Bali.

Come spostarsi

Sulle tre isole è vietato qualsiasi mezzo di trasporto motorizzato: se volete utilizzare un mezzo di trasporto, l’unica alternativa è il cidomo, un carretto trainato da un cavallo. Il prezzo varia dalle 20.000 alle 30.000 (da 1,5 euro a 2,5 euro) rupie a testa per ogni spostamento. Date le dimensioni molto ridotte delle isole (parliamo di diametri di pochi chilometri), vi consigliamo comunque di spostarvi a piedi: oltre a risparmiare, potrete anche godervi i dintorni con maggiore comodità e, soprattutto, con i vostri tempi.

Gli spostamenti fra le tre isole sono possibili sia con imbarcazioni pubbliche che private: nel primo caso dovrete adeguarvi agli orari irregolari ed alla folla, nel secondo caso dovrete solo scendere a patti con i prezzi, che possono essere anche molto alti.

Visitando le Isole Gili: cosa fare e cosa vedere

Le Isole Gili offrono numerosi punti di immersione degni di nota, oltre che un buon numero di scuole in cui poter apprendere l’arte dell’immergersi. I fondali che circondano l’isola offrono un panorama davvero immenso ed affascinante sulla fauna locale: potrete incontrare tartarughe verdi, tartarughe embricate, mante, pesci pappagallo, squali pinna bianca, squali pinna nera e molto altro ancora. Tuttavia, vista la presenza di forti correnti, le immersioni sono spesso movimentate, e quindi consigliate a sub esperti o da effettuarsi sempre accompagnati da istruttori specializzati, in grado di far fronte ad eventuali emergenze.

I prezzi per le immersioni ed i corsi sono concordati tra i diversi operatori su ognuna delle isole e sono pari a 28 euro per immersione, quindi non è necessario effettuare confronti fra le tariffe, che sono assolutamente uguali fra loro: optate piuttosto per una scelta legata alla comodità ed alla posizione dell’impianto. Se siete invece interessati a corsi specifici, i costi variano dai 28 euro per un corso base di immersione, ai 200 euro per un corso avanzato di immersione al largo. Vi ricordiamo che tutte le attività legate all’immersione presenti sulle Isole Gili sono membri del Gili Eco Trust, un’organizzazione no-profit che si occupa della protezione e della conservazione della barriera corallina che circonda l’isola, cui potrete fare delle donazioni attraverso i diversi operatori. Se amate lo snorkeling e non vedete l’ora di esplorare i dintorni dell’isola, potrete affittare maschere e boccagli lungo la spiaggia, oppure rivolgervi ad uno dei tanti negozi dedicati, che vi suggeriranno anche i punti di osservazione migliori e vi proporranno percorsi organizzati che vi suggeriamo di seguire, soprattutto se si tratta della vostra prima volta alla Isole Gili. Un percorso organizzato dedicato allo snorkeling, di solito, prevede una partenza alle h 10.00 con ritorno intorno alle h 16.00 ed include la visita a due o tre punti di interesse lungo le coste ed una rilassante pausa pranzo lungo la spiaggia. Il costo varia da 5 euro a 12 euro a seconda delle vostre capacità di contrattazione: quindi preparatevi a contrattare!

Uno dei punti di forza delle Isole Gili è la vocazione al dolce far niente. L’assenza di automobili e la bassa frequenza dei voli sullo spazio aereo delle isole, rendono questo piccolo angolo di Indonesia un vero e proprio paradiso in cui potrete attendere il tramonto sorseggiando un drink comodamente seduti sulla veranda del vostro bungalow vista spiaggia.

Per quanto riguarda la vita da spiaggia, l’isola di Gili Meno è quella con le spiagge più belle, che sono quelle posizionate nella parte occidentale dell’isola. Le spiagge meridionali – e questo vale per tutte e tre le isole – sono caratterizzate da forti venti, mentre quelle settentrionali ed orientali, per quanto belle da vedere, sono ricoperte da frammenti di coralli, che le rendono impraticabili e davvero poco comode.

Passeggiate

I perimetri delle Isole Gili sono percorribili in un tempo variabile dai 90 minuti alle 3 ore, senza affaticarsi: è sufficiente indossare un paio di occhiali da sole e seguire la costa, e potrete godervi una mattinata divertente, rilassante ed assolutamente originale.

Nel Vostro bagaglio non dimenticate di portare insieme ad occhiali, cappellino e crema protettiva, anche i “ragnetti” per poter passeggiare sulla spiaggia, e non tagliarsi i piedi.

VALUTA E SHOPPING

La valuta corrente sulle Isole Gili è la Rupia Indonesiana. L’unica isola su cui è presente uno sportello ATM per prelevare denaro contante attraverso carta di credito è Gili Trawangan. Le carte di credito sono accettate in alcuni degli esercizi commerciali più grandi ed in tutti gli esercizi e negozi dedicati alle immersioni. Alcuni esercizi accettano anche anticipi via carta di credito, ma in questo caso sono previste commissioni variabili dal 7% al 10% sull’importo dell’ordine. Per quanto riguarda lo shopping, le tre isole non offrono ampie opportunità: sono presenti numerosi chioschi e negozietti che vendono spuntini, bevande, creme solari ed altri piccoli oggetti dedicati ai turisti, ma vi consigliamo di portare con voi tutto ciò che pensate possa servirvi durante la permanenza sulle isole.

Salute

Attenzione all’acqua potabile. In molti casi si tratta di acqua di mare desalinizzata e spesso il processo di desalinizzazione non è stato portato a termine in modo corretto, lasciando all’interno dell’acqua che vi viene offerta un contenuto minimo di sale che potrebbe creare problemi, soprattutto sul lungo periodo. Potrete acquistare acqua in bottiglia nella maggior parte dei chioschi e dei bar. Il prezzo può variare a seconda della disponibilità di risorse idriche sulle isole, ma potrete essere certi di trovare sempre dell’acqua per poter bere.

Tutte e tre le isole sono dotate di un piccolo ambulatorio in cui poter curare piccoli incidenti o malanni. Per tutti i problemi seri è necessario spostarsi fino a Lombok o a Bali, dove è possibile farsi visitare all’interno di un ospedale. Grazie all’aridità delle isole, i mosquito sono abbastanza rari, vi consigliamo, comunque, di avere con voi prodotti repellenti per gli insetti, zanzariere ed abiti lunghi da indossare di sera e di notte.

Comportamento da assumere

Gli abitanti delle Isole Gili sono Musulmani e, sebbene siano abituati al costante transito di turisti occidentali, è sempre opportuno mostrare un certo rispetto nei confronti delle loro consuetudini.

Evitate di prendere il sole nudi o in topless, ricordatevi di coprirvi quando vi allontanate dalla spiaggia, evitate le dimostrazioni di affetto in pubblico e considerate la chiamata mattutina alla preghiera, che certo non si concilierà con i vostri orari da turisti, come una tradizione locale, senza mostrarvi mai infastiditi dal brusco risveglio.

Tra legale e illegale

Coerentemente con lo spirito sottilmente hippie che avvolge le isole dell’Indonesia, molti funghi allucinogeni sono venduti liberamente, soprattutto sull’isola di Gili Trawangan. Non si tratta di un’attività esattamente legale, ma viene comunque largamente tollerata. Lungo le spiagge è possibile essere avvicinati da persone che offrono diversi tipi di droghe, dalla marijuana alle metanfetamine. Ricordatevi che vi trovate in Indonesia: qui l’uso di droghe viene punito in modo molto pesante, con pene che possono variare dai 20 anni di detenzione all’ergastolo.

Sicurezza

Le acque che circondano le isole sono popolate da un buon numero di piccole meduse, soprattutto durante i mesi di luglio ed agosto. In alcuni casi è consigliabile indossare costumi da bagno completi e protettivi, se non tute da surf, in modo da evitare incidenti, che, anche se non saranno mai pericolosi, saranno certamente fastidiosi. Fra la fauna dell’isola sono presenti anche diverse specie di ragni dalle dimensioni notevoli, paragonabili a quelle di una mano. Non si tratta di ragni velenosi, ma il loro morso, per quanto non pericoloso per la vita, può essere anche molto doloroso e causare infezioni. Vi suggeriamo di evitarli: vi basterà evitare di inoltrarvi fra la vegetazione più folta. Le isole non ospitano forze di polizia ed i crimini solo solitamente limitati a piccoli furti e borseggi. Solitamente i piccoli crimini vengono gestiti dai diversi consigli che si occupano dell’amministrazione delle isole. Se vi accadesse di dover fare una denuncia alla polizia per motivi assicurativi o per motivi gravi, dovrete recarvi immediatamente a Mataram.

Cellulare

Le isole sono dotate di antenne per telefonia cellulare, anche se non tutti gli operatori sono perfettamente disponibili. Il migliore è certamente Telekomsel Simpati, che consente di comunicare in modo perfetto da qualsiasi punto di ognuna delle tre isole.

Spiagge

Quali sono le più belle? Scopriamolo insieme

Spiaggia di Kuta

a differenza della più famosa omonima spiaggia balinese, questa non è ancora stata raggiunta dal turismo di massa. Kuta è una magnifica distesa di sabbia fiancheggiata ad ovest da una catena montuosa e ad est da una enorme roccia che si estende per circa 4 km fino ad un villaggio di pescatori. In realtà Kuta si presenta al viaggiatore come una serie di baie create da questo impressionante promontorio, e se poi all’alba si vorranno scalare queste cime si potrà godere di un panorama dell’entroterra davvero meraviglioso. La baia di Kuta è ottima per praticare surf e windsurf. Ogni anno tra febbraio e marzo in questo luogo si tiene una bella e suggestiva festa sasak per celebrare la pesca che dura dal tramonto all’alba.

Spiaggia di Senggigi

si tratta di una superba baia semicircolare situata a circa 10 km a nord di Ampenan. E’ qui che giunge la maggior parte dei turisti, che la usano come punto di riferimento per partire alla scoperta di Lombok. La spiaggia di Senggigi ha sabbia finissima ed è famosa per i suoi tramonti mozzafiato. Si può godere di uno splendido panorama anche dal tempio indù di Batu Bolong, a circa 1 km da Senggigi, specialmente verso sera, quando le comunità balinesi dei villaggi circostanti si riuniscono per portarvi le offerte di incenso e corone di fiori che vengono buttate in mare. L’atmosfera è suggestiva, il cielo si tinge di rosso e si può vedere la cima sacra del monte Gunung Agung a Bali, oltre lo stretto di Lombok.

GILI Meno

Piacerà soprattutto a chi cerca una full immersion nella natura, senza bar e party notturni con musica, la vacanza a Gili Meno, ritenuta da molti la più bella delle Gili, l’atollo di mezzo, a una quindicina di minuti di barca da Trawangan. Per raggiungerla si prende il traghetto che parte ogni mattina alle nove, oppure ci si affida a un pescatore per potersi fermare dove e quando si vuole.Tra i più raccomandabili c’è Pai (tel. 0062/81/83.61.741), che parla anche inglese. Una volta sbarcati, in neppure un’ora di cammino o di cidomo, si completa il perimetro dell’isoletta, tra pini marittimi e piante dai rami arcuati, fino al laghetto Segara Anak (che significa il figlio del mare), dal quale i locali durante la stagione secca estraggono il sale.

Gili Meno è l’isola per godersi tuffi in santa pace in acque trasparentissime e qualche immersione guidata negli spot più belli. Tra i più frequentati, Bounty Wreck, sui cui fondali giace un vecchio relitto da dove escono miriadi di pesci di tutti i colori, e l’Eden Reef, regno dei cavallucci marini. Al di là di qualche baracchino sulla spiaggia dove si può mangiare solo sorvolando sull’igiene, l’unico indirizzo consigliabile è il Mahamaya, un resort ecofriendly sulla spiaggia di Turtle Point.

Richiedi informazioni per Visitando le Isole Gili

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scopri le nostre offerte