Visitando Honolulu

Hawaii è il 50° e il più recente degli Stati Uniti d’America, di cui è entrato a far parte il 21 agosto 1959. Comprende quasi tutto l’arcipelago vulcanico delle Hawaii, che è composto da centinaia di isole sparse su una superficie di 2.400 km quadrati. All’estremità sudorientale dell’arcipelago, le otto isole principali sono Niʻihau, Kauaʻi, Oʻahu, Molokaʻi, Lānaʻi, Kahoʻolawe, Maui e HawaiʻI. La cosa interessante è che, pur facendo parte degli USA, le Hawaii non si trovano nelle Americhe, ma appartengono alla subregione polinesiana dell’Oceania. È forse proprio questa particolare geografia che è valsa alle Hawaii la fama quasi mitica di “paradiso sulla terra”. In effetti lo scenario naturale variegato, il mite clima tropicale, l’abbondanza di spiagge pubbliche, gli ambienti oceanici e i vulcani attivi ne fanno una destinazione molto apprezzata da turisti, surfisti, biologi e vulcanologi. Al di là della bellezza naturale, la cultura delle Hawaii è fortemente influenzata da quelle nordamericane e asiatiche, che si fondono con la tradizione indigena. La capitale dello stato è Honolulu che sorge sull’isola di Oʻahu, dove i moderni grattacieli e l’architettura dell’Ottocento sono circondati da una natura lussureggiante e dal mare azzurro. La vivace città offre cultura, divertimento e una varietà di sport acquatici a due passi da casa, oltre alla possibilità di ritrovarsi immersi nella natura avventurandosi nell’entroterra dell’isola. Le Hawaii portano però anche le cicatrici della storia: è qui che la mattina del 7 dicembre 1941 un attacco militare a sorpresa della marina imperiale giapponese contro la base navale statunitense di Pearl Harbor provocò l’entrata degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale.

Visitando Honolulu: ecco cosa fare

Scopri di più

Visita a Iolani Palace /centro di Honolulu

annidato tra i grattacieli del quartiere finanziario, le spiagge di Waikiki e il più grande shopping center a cielo aperto del mondo, l’Ala Moana, Honolulu ospita anche l’unico palazzo reale in territorio statunitense. Lo Iolani Palace era la residenza dei sovrani del Regno delle Hawaii, cominciato con Kamehameha III della dinastia Kamehameha (1845) e finito con la regina Liliʻuokalani (1893) della dinastia Kalākaua. Si trova nel quartiere del Campidoglio, al centro di Honolulu [nello stato delle Hawaii]. Dopo la caduta della monarchia nel 1893, l’edificio fu usato come sede del governo provvisorio, della repubblica, del territorio e dello stato delle Hawaii fino al 1969, quando fu restaurato per poi essere riaperto come museo nel 1978.

Perdersi nel Lyon Arboretum

È impossibile visitare le Hawaii e non lasciarsi conquistare dalla sua natura verdeggiante. Per i meno avventurosi, il sensazionale Harold L. Lyon Arboretum, che si trova a Manoa, un arboreto e giardino botanico di 80 ettari gestito dall’University of Hawaii è un compromesso perfetto. La collezione botanica è composta da una foresta pluviale pianeggiante artificiale con numerosi sentieri e piccoli specchi e corsi d’acqua. Qui si possono ammirare magnifiche piante tropicali polinesiane, palme ed ecosistemi nativi senza avventurarsi troppo nelle zone più selvagge.

Il Poke: la nuova tendenza culinaria del 2016

Il poke è il nuovo ceviche. L’insalata di pesce crudo condita con agrumi, erbe e una punta di peperoncino originaria del Perù è stata per un paio d’anni una delle tendenze culinarie più diffuse, ma il 2016 è l’anno del poke hawaiano. Di concezione simile, il poke si prepara di solito con tonno pinna gialla e si condisce con sapori spiccatamente asiatici come salsa di soia, cipollotti e olio di sesamo. La cucina hawaiana è fortemente influenzata dalle tradizioni asiatiche, principalmente giapponese, coreana e cinese. La cosa interessante è che il menu prevede anche piatti portoghesi e costaricani a causa dei flussi di immigrazione dei primi del Novecento. Altra specialità assolutamente da provare? Il BBQ hawaiano.

Alla scoperta dell’eredità multiculturale delle Hawaii

Prima di diventare il 50° stato degli USA, l’arcipelago delle Hawaii era un regno polinesiano, e per evitare che si dimentichi, Honolulu ospita una serie di monumenti e musei che ne testimoniano la storia. Oltre allo Iolani Palace, dovete assolutamente visitare il Bernice Pauahi Bishop Museum, fondato nel 1889, è il più grande museo delle Hawaii e vanta la più vasta collezione di manufatti polinesiani ed esemplari di storia naturale al mondo. Se preferite invece imparare divertendovi, dirigetevi al Polynesian Cultural Center, un parco a tema polinesiano e museo vivente situato a Laie. Come prevedibile, le Hawaii hanno anche testimonianze della cultura asiatica tra cui il Temples Memorial Park, in una valle di una bellezza mozzafiato, Byodo-In Temple, una replica degli anni ’60 di un tempio buddista giapponese dell’11° secolo. All’interno, c’è un’enorme statua di Budda placcata d’oro, attorniata da offerte di fiori freschi e incenso, proprio come in Giappone. A ovest del quartiere finanziario di Honolulu, gli edifici storici di Chinatown ospitano un guazzabuglio di botteghe, erboristerie, fabbricanti di lei (le tipiche ghirlande di fiori), antiquari, templi, bar e ristoranti. È una delle più grandi e più antiche comunità cinesi degli USA, e anche uno dei posti migliori per la vita notturna a Honolulu, con tantissimi bar e ristoranti tutti da scoprire.

Il surf sulla spiaggia di Waikiki

Forse una delle spiagge e dei quartieri più famosi di Honolulu è Waikiki, il cui nome significa in lingua hawaiana “dove sgorga acqua fresca”. La zona ha sempre richiamato il visitatore più esigente sin dall’Ottocento, quando era il buen retiro dei reali hawaiani che si divertivano a fare surf con tavole rudimentali. Da quando l’arcipelago è entrato a far parte degli USA, Waikiki è diventato un quartiere residenziale e turistico di lusso, con grattacieli, shopping e una vivace vita notturna. Oggi la sua leggendaria spiaggia è divisa in due parti, con una ad uso esclusivo dei surfisti. L’acqua è bassa per un lungo tratto dalla riva, anche se sul fondo vi sono numerosi scogli. Come nella maggior parte delle spiagge oceaniche le onde possono essere piuttosto violente, in particolare nelle giornate di vento, ma a Waikiki sono famose perché si infrangono formando un lungo ricciolo, e sono quindi ideali per il longboard, il surf in coppia e i principianti.

Escursione alle Manoa Falls

Per gli appassionati di escursionismo il sentiero delle Manoa Falls è un sogno che si avvera. Il sentiero di Oahu si snoda sotto una volta di guaiave, eucalipti, fichi del Banian e bambù. Sui pendii è facile avvistare fiori selvatici e ampie macchie di bellissimo zenzero. Al termine del sentiero vi aspetta un vero spettacolo: le Manoa Falls, con un salto di 45 metri dalle montagne in uno specchio d’acqua calmo e limpido. Le Hawaii sono famose per le cascate, e la peculiarità di quelle di Manoa è che sono facilmente raggiungibili dal centro di Honolulu. In passato si poteva nuotare nel lago dove si riversano le cascate ma purtroppo oggi non più.

Salita al Diamond Head

Si può forse andare alle Hawaii e ignorare la loro miriade di vulcani? Fortunatamente, uno dei crateri più emblematici sorge alle porte di Honolulu e si chiama Diamond Head. Il suo nome originario era “Le’ahi,” che significa “fronte del tonno”, ma i britannici lo ribattezzarono Diamond Head perché pensavano che dal cratere si potessero estrarre diamanti (cosa non vera). È uno dei luoghi più riconoscibili di Honolulu, e con una camminata di 2 ore soltanto per arrivare in cima potrete ammirare panorami spettacolari. Per assaporare la vera bellezza delle Hawaii non dovete perdervi questo trekking.

Omaggio allo USS Arizona Memorial

Honolulu non è solo un angolo di paradiso sulla terra, è anche il teatro di una tragedia dalla portata storica mondiale. Lo USS Arizona Memorial, che si trova a Pearl Harbor, ricorda il luogo in cui riposano 1.102 dei 1.177 marinai e marines uccisi a bordo della USS Arizona (BB-39) durante l’attacco giapponese a sorpresa del 7 dicembre 1941 e commemora gli avvenimenti di quel giorno. L’attacco fu il motivo concreto della decisione degli Stati Uniti di partecipare alla Seconda Guerra Mondiale. Il memoriale, costruito nel 1962, e progettato dall’architetto hawaiano Alfred Preis fu soprannominato inizialmente “il cartone di latte schiacciato” per via della sua forma, ma oggi viene visitato ogni anno da oltre 2 milioni di persone. Un’esperienza commovente, per cui dovete assolutamente trovare il tempo quando siete a Honolulu.

Snorkeling a Hanauma Bay

Gli appassionati di vita marina devono puntare a est di Honolulu, verso la Hanauma Bay Nature Preserve, una riserva naturale e parco marino. Malgrado la popolarità tra i turisti, qui riuscirete a vedere un ampio assortimento di flora e fauna marine (nella zona vivono oltre 400 specie) tra cui tartarughe verdi, Honu, pesci pappagallo e molte forme diverse di corallo. La baia è anche un vivaio per le tartarughe premature. Ricordate di portare con voi l’occorrente per lo snorkeling.

Sveglia presto per vedere l’asta del pesce di Honolulu

Forse meno famosa del suo equivalente a Tokyo, l’asta del pesce di Honolulu è decisamente un’esperienza da provare. In quella che è l’unica asta di tonno fresco negli Stati Uniti, potrete documentarvi sulla pesca, sulle iniziative di sostenibilità e vedere i prezzi incredibili che alcuni tonni possono raggiungere. Informarsi in prima persona sulla sostenibilità e sulla qualità è importante per qualunque amante del mare e del pesce.13. Lahaina: una città storica nella zona occidentale di Maui, è un porto che si è trasformato in una delle città più calde dell’isola. Ricca di gallerie d’arte, ristoranti e locali, è il posto giusto in cui trovarsi dopo il tramonto. Da visitare l’Old Lahaina Luau, il più autentico luau hawaiano, se vuoi goderti una festa locale, danze intorno ai falò, un pò di hula e un vasto assortimento di drink tropicali. Se stai cercando un souvenir delle Hawaii da portare a casa con te, qui non mancano i negozi che vendono qualunque cosa tu possa desiderare. Altra cosa assolutamente da vedere è l’albero banyan alto 18 metri di Courthouse Square, che al mattino presto è pieno di uccellini che cinguettano.

Spiaggia di Kaanapali (Roccia Nera)

Situata a pochi passi dalla storica città di Lahaina, la spiaggia di Kaanapali è una delle più belle di Maui. Questa striscia di sabbia lunga 5 km ospita tutte le strutture marittime della città e arriva fino alla Roccia Nera che taglia la spiaggia in senso perpendicolare ed è il luogo in cui si radunano gli appassionati di snorkeling e di immersioni. Si tratta di uno dei luoghi migliori per osservare le tartarughe marine e le razze mentre si fa snorkeling (non è necessario prendere parte a una visita guidata), se si è abbastanza fortunati si possono vedere i delfini apparire vicino alla Roccia Nera. Vi suggeriamo di arrivare presto perché questa striscia di sabbia è piuttosto affollata. Se hai dimenticato a casa la tua attrezzatura da snorkeling, vai in città da Costco dove pagherai molto meno che in spiaggia.

Parco Statale di Iao Valley

Con così tante splendide spiagge, è facile dimenticarsi che Maui offre la possibilità di fare splendide escursioni panoramiche attraverso paesaggi straordinari. Il Parco Statale Iao Valley è il luogo ideale per immergersi nella vegetazione tropicale, in questo parco si trova il simbolo di Maui, il famoso Iao Needle, che si erge per 365 metri di altezza, qui è stata scritta la storia, ed è sotto al Iao Needle che le isole Hawaii si sono unite. Per l’escursionista meno impegnato c’è il sentiero pavimentato attraverso il giardino botanico, che porta dritto dritto alla famosa formazione rocciosa. Per chi invece è più esperto, il Parco Statale Iao Valley offre molti sentieri di diversi livelli di difficoltà.

Spiagge di Oneloa e Pu’u Olai

Spesso chiamate la Spiaggia Piccola e la Spiaggia Grande, queste due fantastiche spiagge si trovano nel Parco Statale di Makena. La Spiaggia Grande è di gran lunga la migliore dell’isola per fare body surf o skim boarding, è lunga 1,5 km e larga 30 metri, le sue acque sono le più tranquille ed è perfetta per una giornata di divertimento in famiglia. Ci sono bagni pubblici, parcheggi e bagnini. Per qualcosa di diverso, dirigitevi a nord della Spiaggia Grande e seguite il sentiero di 5 km attraverso i ripidi affioramenti lavici fino alla Spiaggia Piccola. Si tratta dell’unica spiaggia nudista di Maui, lunga 200 metri e con acque tranquille. I pomeriggi e le serate spesso si passano ballando intorno ai falò e suonando tamburi al grido di “vivi e lascia vivere”. Portate con voi un pranzo al sacco, molta crema solare, e godetevi le diverse ma ugualmente splendide spiagge di Maui.

Megattere: da metà dicembre a metà maggio non perdetevi il whale watching

In questo periodo migliaia di megattere si radunano nelle tiepide acque tropicali intorno a Maui. Ci sono molti modi per ammirare queste maestose creature: il tradizionale whale watching su grandi barche, in kayak o in canoa con una guida per avvicinarsi e incontrare di persona questi amichevoli giganti. Se si vogliono tenere i piedi all’asciutto, ci sono molti luoghi in cui osservare le balene da terra, uno dei migliori è il Maui Ocean Center.

Maui Ocean Center

E’ un luogo eccellente per ammirare le megattere, e il punto di osservazione migliore è la Harbour Plaza da cui si possono vedere le balene che emergono e sfiatano. All’interno dell’Ocean Center ci sono oltre 60 mostre tra cui vasche di pesci da toccare, una vasca oceanica aperta da quasi 300 metri cubi e esperienze interattive per imparare qualcosa sull’oceano e per vedere da vicino gli squali tigre, le tartarughe marine, le mante, gli squali martello, i cavallucci marini, i pesci coloratissimi e molte altre specie marine che vivono solo alle Hawaii. Per i sub più esperti c’è l’opportunità unica di immergersi nella vasca oceanica in cui si possono incontrare venti squali, mante e migliaia di pesci tropicali della barriera corallina.

Pozze della Gola di Ohe’o

Comunemente chiamate “le Sette Pozze Sacre”, sono uno dei luoghi più visitati della zona orientale di Maui, l’acqua delle cascate si riversa in una dozzina di pozze dalla montagna all’Oceano Pacifico, e la costa accidentata rende il panorama davvero fantastico. Le pozze più basse sono più facilmente accessibili, e anche se nella zona ci sono cartelli che proibiscono i salti di qualunque tipo, qui vedrete molti turisti e abitanti della zona tuffarsi. La zona circostante è ricca di percorsi interessanti per escursioni, cascate e l’incredibile vegetazione verde risalta contro il cielo blu. Questo è anche il punto di partenza del sentiero Pipiwai ed è parte del Parco Nazionale di Haleakala. Per evitare le folle di turisti che visitano ogni giorno queste pozze, vi suggeriamo di andarci prima di mezzogiorno, e ricordatevi di portare con voi calzature da trekking.

Spiaggia di Hookipa

Non c’è un paradiso per surfisti migliore della spiaggia di Hookipa, dove le onde sono troppo alte per nuotare ma perfette per chi ha il coraggio di cavalcarle. Lo sport più popolare su questa spiaggia è il windsurf, e anche se non siete esperti di questo tipo di sport la spiaggia merita una visita. Con un paesaggio incredibile fatto di colline e rocce laviche sullo sfondo, i surfisti entrano ed escono dalle enormi onde e il sole si riflette sulle brillanti acque turchesi: questo panorama da cartolina vi conquisterà, vi consigliamo di portare il necessario per un picnic o fermarsi a mangiare nella piccola città di Paia, perché non troverai ristoranti lungo questa spiaggia. Resta fino al tramonto e guarda il cielo trasformarsi con colori brillanti, rosso, arancio e rosa, mentre guardi le tartarughe marine che arrivano sulla spiaggia per passare la notte.

Parco Statale di Waianapanapa

Una delle “fermate” sulla strada per Hana è a Waianapanapa dove c’è la più bella spiaggia di sabbia nera (o di sassolini neri) di Maui. Dominata da grotte marine, tubi lavici, vegetazione lussureggiante e dal frangersi delle onde, questa spiaggia è uno dei luoghi più belli dell’isola. E’ possibile esplorare la grotta sottomarina che contiene al suo interno una pozza di acqua dolce, i tubi lavici e lo zampillo d’acqua che arriva ad altezze diverse a seconda delle condizioni. Ricordatevi di portare con voi dei sandali robusti e delle scarpe per camminare in acqua per poter vivere appieno questa esperienza mozzafiato.

Cratere Monokini

Formato da antiche eruzioni vulcaniche, questo cratere a forma di luna crescente raggiunge i 100 metri sotto il livello del mare, è roccioso e non sabbioso, perciò l’acqua è incredibilmente limpida, e in alcuni casi si può vedere a una distanza di 60 metri. Qui si trovano migliaia di pesci tropicali, alcuni dei quali non si trovano in nessun altro luogo al mondo; questo vero e proprio santuario della vita sottomarina è una delle destinazioni preferite da sub e appassionati di snorkeling. Vi è la possibilità di vedere uno squalo balena, un gigante gentile che si nutre di plancton e spesso si lascia avvicinare dai visitatori. Il miglior modo per visitare il Molokini è unirsi a una spedizione di sub o di snorkeling dal Porto di Maalaea, pranzando a bordo della barca. Noto per essere una delle mete migliori al mondo per lo snorkeling, il Molokini è un’esperienza da non perdere.

Spiaggia di Kaihalulu (Sabbia Rossa)

Kaihalulu significa mare in tempesta nella lingua delle Hawaii, ed è esattamente questo che si può ammirare su questa spiaggia, un’incredibile insenatura nascosta con sabbia rosso scuro e acque blu che si uniscono alle nere pareti di lava e ai rigogliosi alberi verdi, rendono il paesaggio indimenticabile. Questa spiaggia a forma di mezzaluna, che si addentra in profondità nel fianco del cono di cenere Ka’uiki Head, è una gemma nascosta. Non è adatta ai bambini più piccoli o a chi non è stabile: il sentiero per raggiungerla è impegnativo e comprende una salita ripida e franosa. Le forti correnti e le acque turbolente sono una costante, perciò non è sicuro nuotare in alcune condizioni. Una cosa da ricordare è che questa è una spiaggia nudista in cui si rifugiano gli abitanti di Maui.

Parco Nazionale di Haleakala

con il più grande vulcano dormiente al mondo, il Monte Haleakala, questo parco nazionale si estende per 120 km quadrati e 5 diverse zone climatiche. Svegliatevi presto e prendete la ventosa Route 378 per raggiungere la cima del Monte Haleakala e guardare l’alba da uno dei luoghi più magici della terra ad un’altezza di 3000 metri sul livello del mare, vi suggeriamo di coprirvi bene per salire sulla cima, perché le temperature vanno dai -6 ai 4 gradi centigradi. Un’altra cosa da fare assolutamente quando si visita questo parco è esplorare il cratere dell’Haleakala. Si avrà la possibilità di camminare in un paesaggio lunare con coni di cenere che si ergono quasi 200 metri sopra di voi in sfumature di rosso arancio e grigio: è un’opportunità che si presenta una volta nella vita. Gli escursionisti più entusiasti possono percorrere il sentiero Pipiwai, che percorre per 6 km e mezzo la costa sud orientale dell’isola.

La Strada per Hana

cascate nascoste, giungle segrete, tornanti e incredibili panorami costieri rendono la Strada per Hana la cosa più bella che si può vedere a Maui. Ci sono due modi di esplorare questo tratto di strada lungo un centinaio di km scavato nelle scogliere, con 600 curve e 54 ponti. Il primo è prendere parte a una visita guidata, la scelta migliore per chi non si sente sicuro alla guida. Se invece vuoi guidare di persona lungo questa strada, puoi prendere un CD-guida che ti indicherà le fermate migliori lungo il cammino che potreste perdere non conoscendo i luoghi. La strada per Hana è un viaggio, e la meta non conta. Ricordativi di portare con voi molta acqua, cibo, spray contro gli insetti e una scheda SD molto capiente per la macchina fotografica.

Dove mangiare

CJ’s Deli & Diner: The Fairway Shops at Kaanapali, ottimo per la colazione, con i pancake Nutella e banana e i caffè. Per nulla costoso ed il personale è cordiale ed efficiente.

Tiki Bar & Grill: 2525 Kaanapali Pkwy, ottimi hamburger, patatine fritte, anelli di cipolla e cibo quotidiano di bar. Fanno anche alcuni ottimi drink in questo bar piccolo e pittoresco. 

Hula Grill Kaanapali: 2435 Kaanapali Pkwy Bldg P1 on Kaanapali Beach at Whalers Village, posizione bellissima, direttamente sulla spiaggia di Kaanapali dalla quale si può ammirare un tramonto mozzafiato poco prima di cenare. Ottima cucina di pesce, circa 40 dollari a testa con due portate e vino.

Leilani’s On The Beach: 2435 Kaanapali Pkwy Bldg J, vista meravigliosa direttamente sul mare. Il posto non ha un menù fisso per quanto riguarda il pesce ma si adatta al pescato del giorno, fantastico, circa 45 dollari a persona.

Richiedi informazioni per Visitando Honolulu

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scopri le nostre offerte