Visitando Boston

Informazioni utili

Telefono

per telefonare dall’Italia a Boston, è necessario comporre lo 001 seguito dal prefisso 617 o 781 e dal numero dell’ abbonato, mentre da Boston in Italia si compone lo 01139 seguito dal prefisso della città seguito dal numero dell’abbonato.

Clima

molto simile a New York City con estati calde e inverni freddi e innevati. Il periodo migliore è la primavera ma anche l’ autunno ha un fascino molto particolare.

Come spostarsi

molte strade di Boston hanno le loro origini in sentieri di mucche e dunque non hanno molta logica nel loro svolgersi. Strade a senso unico spariscono improvvisamente, e i rondò riescono a confondere tutti gli autisti. In più ci sono perennemente lavori in corso e non c’è modo di evitarli e gli automobilisti locali hanno uno stile di guida particolarmente aggressivo.  Impossibile parcheggiare per strada e i garage sono proibitivi.  Si consiglia dunque di spostarsi a piedi o con imezzi pubblici.

La maggior parte degli abitanti si sposta a piedi, prende la metropolitana o un taxi. Molte attrazioni turistiche si trovano a poca distanza tra loro e a pochi passi dagli alberghi.

Metropolitana

detta la T – è la spina dorsale del sistema di trasporti della città. Inaugurata nel 1897 è la più vecchia degli Stati Uniti, e la sua prima stazione, Park Street, rimane al centro (tutti i treni con l’insegna “Inbound” sono diretti lì). E’ pulita ed affidabile, solo in alcuni tratti si può dire che la linea Arancione sia poco sicura dopo il tramonto.

Ci sono quattro linee evidenziate da 4 colori diversi – rosso, verde, arancione e azzurro, si può passare da una linea all’altra senza pagare extra, finchè non si esce dalla stazione. Molti tratti corrono in superficie, ed in questi casi il nome americano da “subway” diventa “trolley” o “streetcar”. I treni sono in funzione da lunedì a sabato dalle h 05.00/01.00, di domenica dalle h 06.00/00.30.E’ necessario avere l’ammontare esatto quando si sale in una stazione di superficie, altrimenti si usano i gettoni che si possono comprare 11 per volta, al prezzo di 10. Un pass turistico che copre tutta la rete metropolitana e autobus locali costa circa US$5 al giorno, $9,00 per tre giorni o $18,00 per una settimana.

Taxi

in centro se ne trovano pochissimi, soprattutto tra le h 15.00/19.00, si possono fermare per strada, fischiando, gridando o agitando freneticamente le braccia. Le tariffe variano da compagnia a compagnia, i taxi si possono condividere con altri passeggeri e ciascuno paga il totale meno US$2.

Bicicletta  

a Boston e dintorni ci sono oltre 100 km di piste ciclabili, un ottimo modo per visitare la città su due ruote.

DA E PER L’AEROPORTO

il Logan International Airport si trova a meno di 5 km dal centro, ma con il traffico delle ore di punta si può impiegare anche un’ora per coprire il tragitto. L’unico modo per lasciare l’aeroporto è attraverso il Sumner Tunnel, che è spesso spaventosamente intasato. Si può anche utilizzare il water shuttle” o la metropolitana (un autobus gratuito porta dall’aeroporto alla stazione della metropolitana e la linea blu porta velocemente in città). Assistenza multilingue è disponibile al banco informazioni subito dopo la dogana nel Terminal E.

Pullman navetta

gli alberghi nell’area dell’aeroporto offro un servizio di trasferimento gratuito, per ottenere il servizio usare i telefoni appositi nella sala ritiro bagaglio.

Pullman di linea

il City Transportation passa da tutti i terminal dell’aeroporto e per circa US$10 ferma nei principali alberghi della città. La fermata è al cartello BUS fuori dalla sala ritiro bagaglio e i pullman hanno una frequenza di mezz’ora dalle ore 07.30/19.30 e ogni ora dalle h 20.00/22.00.

Taxi

aspettano in fila all’uscita della sala ritiro bagaglio ad ogni terminal. Ci si deve mettere in coda ed aspettare che l’addetto di servizio (dispatcher) ne assegni uno.

Trasporti pubblici“Water Shuttle” per evitare traffico e tunnel si può prendere l’Airport Water Shuttle o la metropolitana MBTA. Il Water Shuttle offre un bel panorama della città ed un ottimo sistema di fuga dal traffico. Frequenza ogni quarto d’ora dal

lunedì al venerdì, dalle h 06.00/20.00. Di venerdì ci sono corse ogni mezz’ora anche fra le h 20.00/23.00, mentre di domenica dalle ore 10.00/20.00. Non opera il giorno di Natale, Capodanno, il 4 luglio e il giorno del Ringraziamento (ultimo giovedì di novembre).

Un autobus gratuito, n.66, ferma a tutti i terminal dell’aeroporto per il collegamento con l’attracco. Il punto d’arrivo a Boston è il Rowes Wharf, dietro all’hotel Boston Harbor, da lì si può prendere un taxi. I biglietti si comprano a bordo.

Durata del tragitto 7 minuti.

Metropolitana

Bus navetta gratuiti (No. 22 e No. 33) passano ogni 8-12 minuti tra le h 05.30/01.00 e portano dai terminal dell’aeroporto alla stazione della metropolitana. Qui si prende un treno per le stazioni di Government Center o State Street.

Auto

si consiglia vivamente di noleggiare l’auto in città e solo per andarsene o per escursioni giornaliere. Muoversi a Boston in auto è frustrante ed i parcheggi difficili da trovare e carissimi.

Treno

l’Amtrak arriva a Boston. Se si arriva in treno si può scendere sia alla stazione di Back Bay che a South Station.

Back Bay (sulla linea arancione della metropolitana e a cinque minuti dalla linea verde) si trova a Copley Square, di fronte a Copley Place, una zona piacevole e ricca di negozi e ristoranti.

South Station è un edificio che ha cent’anni e rinnovato di recente è ora un centro commerciale in stile Art Deco. Ha un’alto soffitto in vetro e moltissimi negozi, ristoranti di ogni tipo e servizi.

MUSEI

Museum of Science

Science Park, ingresso a pagamento – assolutamente da non perdere, vi consigliamo di passarci l’intera giornata in questo facile museo interattivo che riserverà sorprese a tutti. Tocca una lucertola, guarda le galline che covano, osserva come nasce un lampo e divertiti con le centinaia di altre mostre, dove non puoi fare altro che imparare qualcosa di nuovo sulla scienza e la tecnologia. Reggiti forte sulla sedia nel cinema IMAX, che ha un prezzo extra. Harry Potter: The Exhibition è al Museum of Science di Boston nel suo giro mondiale. Dal 25 Ottobre 2009 fino al 21 Febbraio 2010 l’esposizione mette in mostra 200 costumi e scenografie autentiche dei film di Harry Potter, tutte situate nei set che hanno ispirato i film, la Great Hall, Harig Hut e la stanza di Gryffindor. Icone quali gli occhiali di Harry Potter, la cartina di Marauder, il vestito del Yele Ball di Ermione.

Museum of Fine Arts 

465 Huntington Ave, Avenue of the Arts, ingresso a pagamento – il più antico, grande e famoso istituto artistico di Boston, l’MFA, ospita una delle più vaste collezioni artistiche ed è rinomato per i suoi dipinti impressionisti, le collezioni asiatiche ed egizie e la prima arte americana.

Isabella Stewart Gardner Museum

280 The Fenway, ingresso a pagamento – un palazzo veneziano nel centro di Boston, la casa di Gardner è oggi un museo che mostra la sua stupefacente, eclettica collezione di arte europea, americana e asiatica, incluse sculture, dipinti, arredamento, ceramiche e tessuti. I visitatori possono aggirarsi o riposare in questo spettacolare cortile a cielo aperto riempito con piante e fiori.

John F. Kennedy Presidential Museum & Library-

Columbia Point, ngresso a pagamento – rivivi l’epoca di Kennedy in questa dinamica combinazione di museo e biblioteca, dove la tua visita inizia con una breve proiezione e quindi ti lascia libero di esplorare una serie di affascinanti esposizioni che include il dibattito Kennedy-Nixon, la crisi dei missili, il programma spaziale, l’oggettistica della campagna del 1960 e mostra Jacqueline e altri membri della famiglia Kennedy. L’impressionante edificio progettato da I.M. Pei domina l’oceano e la skyline di Boston.

Boston è chiamata affettuosamente dai suoi abitanti “The Hub”, il centro di tutto, ed è situata nel punto in cui il Charles River e il Mystyc River sfociano nell’Atlantico formando il Boston Harbour, è situata su una piccola penisola a 320 km a nord-est di New York City. La città è inoltre la capitale dello Stato del Massachusetts, che si trova nella parte settentrionale della regione del New England.

Costruita secondo un’architettura di tipo anglosassone, questa caratteristica la rende una delle città più affascinanti di tutti gli Stati Uniti, in quanto rappresenta una sorta di ponte tra due continenti e tra due culture.  La cosa che più colpisce di Boston è che tutto è a portata di mano…non a caso è definita The America’s Walking City (la città americana da girare a piedi), questo ritornello vi assillerà fin dal vostro arrivo all’aeroporto, altro slogan molto in voga “portatevi con voi un paio di comode scarpe da tennis che vi permetteranno di raggiungere tutto quanto la città ha da offrirvi”.

Mai come in nessun’altra città americana, Boston è una città a misura di pedone, quindi seguite il consiglio…indossate le scarpe da tennis e via, alla scoperta della capitale del Massachussetts! Città dall’aspetto gradevole e dinamico è sede di importanti università (tra cui la celebre Harward) e occupa sicuramente un ruolo di primo piano nel panorama culturale e scientifico del paese, inoltre negli ultimi decenni, grazie ad un rapido e continuo sviluppo, è tornata ad essere una delle città più importanti di tutti gli Usa, nonché uno dei centri di maggiore apertura e diffusione delle idee. Città intellettuale e culturale, Boston è conosciuta anche per i WASP, l’alta borghesia aristocratica bianca, tra le più intransigenti e puritane di tutta l’America.  Infine la città è un importante centro commerciale, industriale (nella zona vi è un’ingente produzione di energia elettrica), di pesca e di allevamento, oltre che uno dei maggiori centri turistici della East Cost insieme a New York, Washington, Miami e Filadelfia. Boston è un importante e ricco centro commerciale, è una città colta e raffinata, basti pensare che la prima scuola pubblica americana, la Boston Latin School (metà del 600), fu fondata proprio qui, come del resto anche la Boston Public Library è la più antica biblioteca pubblica gratuita degli USA.

Cosa vedere e cosa fare a Boston

North End

il quartiere italiano. Inizia ad Hanover St., scendere alla stazione di Haymarket sulla linea Verde, e prendere il sottopassaggio pedonale oltre la Express Way, le strette vie tortuose compongono il più vecchio quartiere di Boston dove vive gran parte della popolazione italiana della città.

Salem Street, piena di panetterie, caffè, negozi di gastronomia e di dolciumi hanno nettamente quel qualcosa di Italiano.

Il Copp’s Hill Burying Ground, è un cimitero fin dal 1660 (osservate le pietre angolari bucherellate dalle pallottole dei moschetti della guerra d’indipendenza americana), Paul Revere House è la casa più antica di tutta Boston, completamente in legno, fu costruita nel 1680. Da vedere la Old North Church, del 1723.

Charleston

il quartiere è il museo vivente dell’ingegneria navale del passato di Boston. Lungo la sponda del fiume è ormeggiata la più vecchia nave da guerra della marina degli Stati Uniti, la USS Constitution, varata nel 1797, deve il suo soprannome, “Old Ironsides” (vecchia corazzata), al fatto di essere scampata a oltre 40 combattimenti durante la guerra di Thomas Jefferson contro i pirati berberi del Nord Africa. Nel Charlestown Navy Yard, a indicare che da oltre 174 anni è uno dei più importanti cantieri navali del paese, vi sono uno dei primi bacini di carenaggio, un Ropewalk del 1836 e un cacciatorpediniere della seconda guerra mondiale del tipo costruito qui quando il cantiere era in piena attività. Le vie intorno alla piazza sono costituite da case restaurate in stile coloniale e federale.  Per raggiungere Charlestown dal North End è semplice breve passeggiata attraversando il Charlestown Bridge, o con un taxi d’acqua in partenza dal Long Wharf sul lungomare orientale

Cambridge

con i suoi due luoghi celebri, l’Harvard University e il Massachusetts Institute of Technology (MIT), e i suoi numerosi college, Cambridge è conosciuta in tutto il mondo ed è situata al di là del fiume Charles. Poco lontano si trova Harvard Yard, un quadrangolo di edifici di mattoni coperti d’edera. Fra i vari musei della scuola spicca il Museum of Natural History. La gita al di là del fiume Charles a Cambridge merita almeno mezza giornata, a cominciare dalla corsa in metro, di un quarto d’ora circa, sulla linea Rossa da Park Street a Harvard Square. Quest’ultima non è tanto una piazza, quanto un incrocio di diverse strade, traboccanti di negozi e librerie. E’ una zona molto vivace, piena di studenti della vicina università di Harvard e del MIT, con caffè all’aperto fatti per sedersi e guardare la gente che passa. L’università di Harvard è stata fondata nel 1616, la sua enorme biblioteca Widener (dal nome di una vittima del Titanic) vanta una Bibbia di Gutenberg ed un First Folio di Shakespeare.

Beacon Hill

il quartiere più vecchio di Boston, con un’autentica atmosfera vittoriana. Comincia da Beacon St. alla State House e prosegue lungo Charles St. Il quartiere trabocca di negozi d’antiquariato e di boutiques. Potrete facilmente riconoscere Beacon Hill dalla cupola dorata della Massachusetts State House e dalle ondulate file di case di mattoni che la circondano. Beacon Hill è il più ricco quartiere di Boston. Alcune delle più belle pietre tombali scolpite del New England si trovano nell’Old Granary Burying Ground, dove riposano in pace Paul Revere, John Hancock e Samuel Adams, eroi della Guerra d’indipendenza americana. Fra gli altri storici edifici degni di nota vi sono la Old State House – dal balcone della casa fu data per la prima volta lettura della Dichiarazione d’Indipendenza ai cittadini di Boston.  Beacon Hill vi stupirà, pensate, esistono ancora delle strade a ciottoli, come quelle originali dell’ottocento, alcune strade sono solo pedonali, e troverete cavalli e carrozze bianche che girano per queste vie…. Le case che si affacciano lungo queste strade sono quelle classiche in stile inglese, con facciate in mattoni rossi, ampie finestrature, i negozi, son veramente esclusivi, dai quadri all’antiquariato a vere boutique d’alta moda.

South End

un quartiere pittoresco, a sud di Back Bay, grossomodo tra Columbus e Washington St. e Berkeley St. e Massachusetts Ave. Scendere alla stazione di Back Bay sulla linea Arancione ed avviarsi lungo Darmouth St. in direzione sud. A Tremont St. si incontrano numerosi ristoranti e caffè alla moda, ed il Boston Center for the Arts. Il quartiere ha molte case in mattoni del diciannovesimo secolo e strade acciottolate. Particolarmente Rutland Street e Union Park. South End è un quartiere multiculturale con afro-americani, latini perlopiù portoricani ed una consistente comunità gay.

Waterfront (Il fronte del porto)

– interessante la passeggiata detta Harbor Walk. Tutta la zona è una delizia per i pedoni, un parco con acquario e ricordi del passato. Il percorso ha inizio dietro Faneuil Hall, scendere dalla linea Blu a State Street. Da notare la Dogana (Custom House), che il poeta Walt Whitman definì il più nobile esempio di architettura commerciale del mondo. La zona del porto o è stata trasformata a partire dagli anni 60 in una zona commerciale molto carina, dove è piacevole fare 4 passi e vedere lo skyline di Boston e la sua baia. Commercial Wharf, Lewis Wharf, Custom House block (la vecchia dogana), Mercantile Wharf, tanto per citare qualche luogo.

Fort Point Channel

– era una zona industriale, oggi è una delle zone più prestigiose e alla moda in città. Qui le vecchie industrie son state trasformate in splendidi “loft”, la zona è piena di gallerie d’arte, artisti di ogni genere, musei e altro ancora, un po’ come So.ho. e Tri.be.ca a New York, i quartieri emergenti! Sempre qui troviamo la South Station, la stazione ferroviaria, e in particolare la nave Big Beaver, che divenne famosa all’epoca dei disordini contro l’aumento dei dazi…sfociati poi nel cosiddetto Boston Tea Party; in seguito a questi disordini i carichi di Tea provenienti dall’Asia vennero versati in mare in segno di protesta.

Back Bay e oltre

man mano che si ampliava l’estensione di terreno strappata al fiume Charles, dal 1857 in poi l’area si arricchiva di ampi boulevards e case eleganti. Così una passeggiata da est a ovest offre una lezione di architettura vittoriana. Il più notevole degli edifici è la chiesa in stile neo-romanico della Trinità, Trinity Church, a Clarendon Street, sostenuta da quattromila pali di legno che devono essere tenuti costantemente umidi. La chiesa si riflette nella parete a specchio del vicino grattacielo John Hancock.

La vicino Copley Square, accoglie negozi alla moda con parecchi bar e ristoranti. Il Christian Science Center tra Huntington e Massachusetts Ave, venne visitata da Nelson Mandela nel 1990 per ringraziare gli adepti del loro sostegno.

Back Bay può esser definita un museo a cielo aperto di architettura francese in stile vittoriano, mentre Newbury Street è la via più elegante dello shopping a Boston, ricca di caffè e ristoranti, un luogo davvero piacevole.

I Fens, progettati dal grande Frederick Law Olmstead (lo stesso del Central Park a NY) sono dei giardini ben curati, con laghetti e prati all’inglese, sempre lungo le sponde del Charles River, nella zona dove sorge tra l’altro il complesso sportivo di Fenway Park, la casa dei mitici Boston Red Soxs di baseball.

Itinerari a piedi

Il primo e ben più noto è il Freedom Trail, è un percorso di circa 3 miglia (circa 3 o 4 ore a seconda dell’interesse) che collega 16 siti storici, che vanno dal periodo coloniale a quello della Rivoluzione (Guerra d’indipendenza), includendo i migliori edifici della città. E’ caratterizzato da una striscia di mattonelle rosse inserite lungo le strade o sui marciapiedi, basta seguire questa sorta di filo conduttore e si ottiene un ottima visuale di quanto questa città può offrire

Il Freedom Trail, parte dall’ Information Center all’interno del Boston Common, il parco principale della città. Tra i punti toccati dalla Freedom Trail ci sono:

“New” State House: la cupola dorata della State House (1795-1798) corona la cima di Beacon Hill, e una statua di John F. Kennedy ne adorna il prato.

Old Granary Burying Ground –

in questo cimitero sono sepolti Paul Revere, John Hancock, Samuel Adams, i genitori di Beniamino Franklin, aperto di giorno. Dietro la chiesa di Park Street a Tremont Street, viciono alla fermata del metro di Park Street.

Globe Corner Bookstore

vicino al cimitero, è una libreria che sorge al posto di una più antica, la Old Corner Bookstore, che era frequentata da scrittori come Nathaniel Hawthorne, Henry Wadsworth Longfellow e Ralph Waldo Emerson. L’edificio è stato restaurato di recente e ricorda ora il suo predecessore. Gran scelta di libri e carte geografiche sul New England.

Old South Meeting House 

di fronte alla libreria Globe Corner. E’ dove si radunarono i finti indiani del Boston Tea Party prima della loro impresa.

Old State House

si affaccia sul luogo dove avvenne il Massacro di Boston. Costruito nel 1713, è il più vecchio edificio pubblico Faneuil Hall – questo edificio venerato, (si pronuncia “faniel”, come Daniel) noto come la Culla della Libertà, vide focosi dibattiti che portarono alla Rivoluzione del 1786. Costruito nel 1742 per ospitare il mercato e per gli incontri pubblici, è stato restaurato, e nel luogo del mercato, che oggi si chiama  Quincy Market, si trovano negozi, ristoranti e caffè.

Paul Revere House

una casetta di legno, in stile coloniale, contiene carte, documenti ed reperti. E’ l’unica casa nel centro di Boston che sia stata costruita prima del 1600. Revere andò ad abitarvi circa un secolo dopo che fu costruita.

A Charlestown, la Freedom Trail prosegue al Charlestown Navy Yard  la USS Constitution (nota come “Old Ironsides”) è la più vecchia nave da guerra ancora in esistenza. Non perse mai una battaglia, e le sue vittorie durante la guerra del 1812 sono leggendarie. Si prenda la linea blu fino alla fermata Aquarium, e da lì, il water shuttle per il Navy Yard.

Bunker Hill

è il luogo della famosa battaglia in cui il Colonnello Prescott pare abbia ordinato: non sparate finchè non vedete il bianco degli occhi”. La battaglia fu vinta dagli inglese, ma rimase comunque il punto di svolta della Rivoluzione. Linea arancione o verde fino a North Station, da lì seguire la striscia rossa sul ponte di Charlestown Bridge.  L’altro percorso, meno “famoso”, ma lo stesso ricco di fascino e interesse si chiama “The Black Heritage Trail”. Come si intuisce facilmente dal nome è un percorso che collega i principali luoghi legati alla cultura afro-americana, dei neri, le vicende legate alla schiavitù; questo tributo alla cultura e alla comunità nera di Boston, si sviluppa all’interno di uno dei quartieri più suggestivi della città: Beacon Hill.

Parchi e giardini

Boston ha la fortuna di avere la “collana di smeraldi”, un fila di parchi progettati da Frederick Law Olmsted nel 1887.

Si parte daFranklin Park per arrivare al centro di Boston. In mezzo si trovano uno zoo, campi da golf, passeggiate sul lungo fiume ed un arboretum di fama internazionale. Si finisce alBoston Common, il più antico punto di ritrovo degli Stati Uniti, ancora molto usato, l’area del parco venne designata nel 1632. Fu teatro di impiccagioni, luogo favorito dalle mucche sbandate, e negli anni Sessanta dai figli dei fiori, e sempre il preferito dagli innamorati. Oggi si vede ancora qualche vecchio radicale, qualche vagabondo senza dimora, e impiegati durante l’ora di pranzo. Tutt’intorno le principali strade del centro: Tremont, Boylston, Charles, Beacon e Park Street.
Boston Public Garden, attraversata Charles Street dal Boston Common, si arriva in questo parco d’ atmosfera vittoriana con aiole fiorite, un laghetto e sentieri.

SHOPPING

Faneuil Hall Marketplace

situato nel cuore del centro di Boston, questo spumeggiante complesso di negozi di novità, boutique esclusive, negozi di catene nazionali, artisti, luoghi per spuntini e ristoranti ha portato nuova vita a un punto di ritrovo storico.
Filene’s Basement 426 Washington Street,  una leggenda tra i cacciatori di offerte, questo negozio di sconti offre dei super affari sui prodotti di marca.

DOVE MANGIARE

La città offre una vasta scelta di ristoranti che propongono menù differenti.

Au Pied de Cochon

è un bistro in stile francese abbastanza economico, il Market propone un’ottima cucina in un ambiente elegante di una un’antica casa di Georgetown. Nella zona del Waterfront ci sono diversi locali che propongono specialità a base di pesce, ottime le bistecche del Sequoia, grande locale e forse definibile uno dei più animati della città.

Union Oyster House

ristorante più antico di Boston, serve crostacei in questo storico edificio in mattoni rossi fin dal 1826. Nel corso degli anni tanti protagonisti della storia di Boston si sono seduti a questi tavoli; tra i più celebri Daniel Webster e John F. Kennedy. Sembra che JFK fosse solito ordinare la bisque d’aragosta, ma la vera carta vincente di questo posto resta il banco dei crudi.

Faneuil Hall Marketplace

tempio gastronomico ma anche vera e propria attrazione turistica, riunisce sotto lo stesso tetto numerosi negozi di cibo da asporto, oltre a una ventina di ristoranti e 40 chioschi. La scelta è ovviamente molto ampia: zuppe, panini, piatti indiani, specialità greche, prodotti da forno, gelati, il tutto da consumare in uno dei tavoli sistemati nella rotonda centrale.

Non andatevene senza aver sperimentato una delle specialità di Boston, come una sostanziosa zuppa di vongole o una porzione di ostriche fresche.

Franklin Café

miete successi tra la clientela del posto ma è apprezzato anche dai turisti. Vivace e accogliente, è una cornice perfetta dove sedersi a osservare il via vai di gente e gustare la cucina New American preparata da uno chef di prim’ordine: merluzzo dell’Atlantico scottato in padella con funghi, scalogno e zenzero, polpettone di tacchino arrosto con salsa piccante di fichi e purè all’erba cipollina.

Elephant Walk

abbandonatevi all’atmosfera di una serata tropicale indocinese in questa oasi franco-cambogiana. Se amate la cucina leggera ordinate manzo aromatizzato al lime o pesce gatto cambogiano, oppure i medaglioni d’agnello della tradizione francese se il vostro appetito è robusto. Una buona selezione di birre e vini accompagna adeguatamente il tutto. Se siete un gruppo potete prenotare una saletta privata e godervi un menu personalizzato.

Lalã Rokh

la cucina aromatica e ricca di sapore di questa perla di Beacon Hill riassume l’esotica tradizione orientale. Gli ingredienti suoneranno familiari agli appassionati della cucina mediorientale, ma i leggeri tocchi di novità dati da spezie ed erbe aromatiche rendono del tutto speciali i piatti proposti. Sentitevi liberi di chiedere consiglio all’esperto personale di sala.

Lalã Rokh è il nome di una bellissima principessa persiana, protagonista di un romanzo epico scritto da Thomas Moore.

Pho Pasteur-

uno dei tre presenti in questa zona, questo ristorante vietnamita registra quasi sempre il tutto esaurito all’ora di pranzo. Gli habitué lo apprezzano per i piccanti piatti saltati in padella serviti in porzioni generose e i deliziosi vermicelli a prezzi imbattibili. Gli altri due locali si trovano a Back Bay e a Cambridge.

John Jeffries House –

accogliente locanda con qualche tocco d’eleganza, offre una sistemazione a prezzi contenuti nella storica Beacon Hill. Da qui si possono raggiungere a piedi i principali monumenti di Boston. Utilizzato in passato come pensione per balie e domestici, è un edificio del primo ‘900 che fonde con eleganza linee pulite e un aspetto vagamente austero con un’affascinante atmosfera vittoriana.  

Salem

la città delle streghe: con questo nome è rimasta famosa questa bella cittadina del Massachusetts, teatro della famosa caccia alle streghe del 1692. Ma Salem non è solo questo. La città si affaccia su una baia che costituisce una vera e propria bellezza naturale, e che permette ai turisti di godere di un panorama suggestivo.

Dintorni di Boston

Salem è raggiungibile da Boston: con il treno, non più di 29 minuti e da giugno a ottobre c’è un catamarano ad alta velocità che raggiunge Boston via mare in 45 minuti.  Vi consigliamo di girarla a piedi, in quanto il centro è piccolo e raccolto, e le attrazioni turistiche sono situate a poca distanza l’una dall’altra. Prima di tutto, è d’obbligo una visita al porto: si tratta di uno dei “National Historic Site of America” proprio per la sua importanza storica. Qui arrivavano, dal 1600 in poi, navi cariche di viaggiatori, pellegrini e merci, segnando il periodo di maggior splendore della città stessa. Per sapere con più chiarezza come muoversi, si consiglia di visitare appena arrivati in città il centro di informazioni turistiche. Gestito dal National Park Service, è in grado di fornire ai turisti qualunque informazione e depliant abbiano bisogno.

Impossibile non visitare il “Salem Witch Museum”, che permette di avere tutte le informazioni disponibili sui famosi processi alle streghe nel 1692, facendo fare ai visitatori un salto nel tempo, grazie all’allestimento curato e suggestivo (vi sono stati ricostruiti i processi con statue di cera). Sempre dello stesso stampo, è possibile visitare il “Witch Dungeon Museum” (dove sono conservati gli atti dei processi) e la casa del giudice Corvin, che condusse i processi stessi. Salem è famosa anche per il romanzo “La lettera scarlatta”: Si può quindi visitare la “Casa delle sette cuspidi” alla quale si ispirò l’autore del celebre libro. Dal tenore completamente diverso, ma non meno importante, è il “Peabody Essex Museum”, nel quale si possono ammirare collezioni artistiche e architettoniche. Senza dimenticare di fare letteralmente un salto nella Salem che fu, visitando la Chestnut Street: si tratta della strada in cui, nel 1800, abitavano i capitani delle navi, i ricchi e gli aristocratici. Le case sono state ristrutturate in modo da risultare esattamente com’erano all’epoca. Gli appassionati di bellezze naturali potranno recarsi al Forest River Park: un parco naturale nel quale camminare e rilassarsi. Ma a Salem ci sono possibilità per tutti i gusti: c’è il museo di Pirati, il villaggio dei pionieri ricostruito, e anche la possibilità di andare ad avvisate le balene che nuotano non lontane dalla baia  L’importante è avere qualche giorno a disposizione, per poter scoprire tutto quello che c’è da sapere su una delle cittadine più suggestive degli Stati Uniti. 

Richiedi informazioni per Visitando Boston

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scopri le nostre offerte