Tour in Olanda in auto 12 giorni/11 notti

Quote a partire da: € 2.500,00  a persona

Partenze: Giornaliere  

Durata: è possibile adeguare il programma su misura in base alle vostre esigenze, aumentando o riducendo il numero dei giorni, richiedete informazioni scrivendo a: prenotazioni@barbirottiviaggi.it

Riepilogo dei Servizi inclusi

Assicurazione Top Booking Barbirotti: che include: Coperture spese Medico/Bagaglio e Annullamento

1° Giorno: Trasferimento privato aeroporto/hotel Amsterdam

04°/12°Giorno: Noleggio auto Opel Corsa o similare, ritiro Amsterdam centro città dalle h 11.00, consegna aeroporto Amsterdam entro le h 13.30. Cambio manuale. Deposito cauzionale circa € 1.500,00, non sono accettate carte di credito ricaricabili. Polizza assicurativa “Protezione completa”.

  Routing aereo:  è possibile prevedere partenze e arrivi per e da altri aeroporti.

Volo Partenza da h Arrivo a h Bagaglio
Eju 4891 Napoli Capodichino 13.20 Amsterdam Schipol 16.00 1PC
Eju 4892 Amsterdam Schipol 16.35 Napoli Capodichino 19:00 1PC

Operativo Voli: Orari espressi in ora locale, suscettibili a variazioni.

Soggiorno:

          Località Hotel Notti Base Note
Amsterdam Nh Collection Barbizon Palace 3 Bb Deluxe Suite Vista Mare
Delft Best Western Museumhotels 2 Bb
Rotterdam Holiday Inn Express 2 Bb
Utrecht Park Plaza 2 Bb
Volendam Hotel Old Dutch 1 Bb
Amsterdam Ramada Airport Schiphol 1 Bb

Legenda: Bb= Prima Colazione – 1PC = 1 Collo da stiva – N.R. = Non Rimborsabile.

Valutazione personale dell’Agenzia Barbirotti relativa a questa proposta di Viaggio. Classificazione: Alta–Media– Bassa.
Servizi in generale: Alti + Sostenibilità: Alta. (vedi le Faq nel sito www.barbirottiviaggi.it).

VISITANDO AMSTERDAM

TRASPORTI: Amsterdam è una città molto piccola; il centro è circondato da canali ed è collegato con le zone periferiche.

Tram e Bus: il tram è il mezzo migliore per spostarsi ad Amsterdam; i biglietti possono essere acquistati a bordo, il servizio tram termina appena poco dopo la mezzanotte (l’ultimo tram parte dalla Stazione Centrale alle h 00:15); il trasporto pubblico è garantito quindi da una rete di bus notturni (uno ogni ora solitamente).

Numerose linee di bus diurni coprono la città. Per escursioni in località famose al di fuori di Amsterdam (come Muiden o Marken) sono disponibili i bus della linea Connexxion.

Metropolitana: è un sistema piuttosto veloce se si desidera viaggiare fuori dal ring del centro di Amsterdam. La mappa della metropolitana fornisce dettagli sulle linee operanti ad Amsterdam.

Amsterdam Pass: la City Card consente l’utilizzo di tutti i mezzi di trasporto e l’ingresso gratuito in tutti i musei, per permanenze che vanno da un giorno a tre giorni.

Autobus turistico: è un mezzo molto comodo per scoprire i posti più attraenti ed interessanti della città.  Si può salire e scendere dall’Autobus quanto si vuole, con l’acquisto del biglietto si riceve anche una guida informativa su ognuna delle fermate, ed un carnet di sconti utilizzabile nei principali posti da visitare. L’autobus funziona tutto l’anno eccetto il 25 di Dicembre ed il 1 di Gennaio.

Il biglietto si acquista in hotel, sull’autobus, nelle biglietterie della metropolitana, e negli uffici d’informazione turistica della città.

Taxi: Leidseplein, Piazza Dam e Stazione Centrale rappresentano i punti principali dove trovare i taxi in fila pronti al servizio. I taxi possono essere altrimenti ordinati telefonicamente: il taxi arriverà in pochi minuti. Il venerdì e il sabato notte il servizio è affollato.

In bicicletta: su tutte le strade principali vi sono piste ciclabili e nei punti più importanti della città sono predisposti sui marciapiedi appositi spazi per il parcheggio; per il noleggio: Centraal Station – Stationplein 15, 1012 AB

Taxi nautici: si possono chiamare ogni qualvolta se ne vede uno nei canali e sono versioni in miniatura dei grandi battelli, sicuramente un pò cari.

In battello: il viaggio sui canali è più lento e più costoso degli spostamenti sulla terraferma, perché i battelli non sono integrati nel sistema di trasporti cittadino. Ma è sicuramente un modo romantico e rilassante di scoprire la città, Vi consigliamo: Rederij P. Kooij – Rokin t/o 125 (alle spalle di Piazza Dam) – per una crociera sui canali ad un costo più basso

SPIAGGE: dopo il lungo e cupo inverno, gli abitanti di Amsterdam contano i giorni che mancano prima di poter raggiungere le spiagge di:

Zandvoort: una località balneare ad ovest della città, dopo Haarlem, la cui spiaggia pulita si estende per chilometri; in alcune zone si può passeggiare tra le dune. La stazione ferroviaria è poco lontana e la spiaggia è sorvegliata da bagnini.

Alcune spiagge sono riservate ai nudisti, anche se prendere il sole in topless è una pratica comune ovunque in Olanda.

SANTA MESSA: possibilità di Messe domenicali presso la Roman Catholic Chapel of The Lady of All Nations in Diepenbrockstraat 3 in South Amsterdam, nelle vicinanze del Centro Congressi RAI.

Orari: giovedì  alle h 18.30 – venerdì 26 e sabato 27 alle h 12.15  – domenica 28 alle h 09.30 e alle h 11.15.

Prima della messa c’è sempre adorazione con recita del rosario per 45 minuti.

MERCATI: sono pochi i mercati che reggono il confronto con quello delle pulci di:

Waterlooplein: che circonda in parte il Teatro Filarmonico/Municipio. E’ difficile trovare qualcosa di valore, ma è il posto giusto per trovare veramente di tutto. Dal lunedì al sabato dalle h 09.30 alle h 17.00.

Bloemenmarket: Singel – è un mercato da non perdere: su chiatte permanentemente ormeggiate, si vendono fiori e piante.

Dal lunedì al sabato dalle h 09.30 alle h 17.00.

Dappermarkt: votato migliore luogo di contrattazione dei Paesi Bassi, il Dappermarkt è considerato il più economico e multiculturale dei mercati di Amsterdam.  Spesso è citato come il “Mercato del Mondo” per la sorprendente diversità di commercianti e prodotti. Oltre 250 bancarelle, montate e smontate ogni giorno, offrono “metri”di cibi esotici, abiti a buon mercato e oggetti da ammirare. Aperto sei giorni a settimana dalle h 09.00 alle h 17.00, il Dappermarkt accoglie quasi 15.000 visitatori ogni giorno.

GRANDI MAGAZZINI:

Magna Plaza – Nieuwezijds Voordurgwal, 182 – la vecchia sede della Posta grandiosamente trasformata in un centro commerciale moderno e di tendenza.

De Bijenkorf – Piazza DAM – con un ricco assortimentomdi articoli e servizi.

P&C – Piazza DAM – specializzato in capi di abbigliamento.

C&A – occupa l’intero isolato che va da Nieuwendijk a Damrak

Vroom & Dreesman – alla fine della Kalverstraat.

SHOPPING: il Centro è letteralmente affollato di negozi; oltre agli articoli per i quali la città è famosa (antiquariato, diamanti, fiori, souvenirs come ad esempio le ceramiche di Delft e i classici zoccoli di legno), potrete davvero trovare di tutto, dal bizzarro al kitsch. Le principali vie del centro sono pedonali (attenzione a biciclette e a mezzi pubblici!) e rendono lo shopping ancora più piacevole.

Partendo da Piazza Dam, voltando le spalle a Palazzo Reale, a destra si ha Kalverstraat e a sinistra Nieuwedijk, due delle vie più affollate dai turisti, quasi un km di negozi! Risalendo Nieuwedijk ci si avvicina alla Stazione Centrale e la via pullula di negozi d’abbigliamento, di souvenir, coffee shops, fast food; proseguendo in Haarlemerstraat, si trovano negozi d’usato (abbigliamento e libri), affollati pub e café. Parallela a Nieuwedijk (partendo dalla Stazione Centrale) la Damrak, sulla quale si affacciano ristoranti, pub, hotels e negozi di souvenirs; se si prosegue oltre Piazza Dam si arriva nella Rokin, dove troviamo anche i venditori di diamanti.
Kalverstraat presenta più o meno lo stesso scenario di Nieuwedijk, più numerosi i negozi di abbigliamento, dischi, essenze profumate; in questa via si trovano interessanti librerie quali l’English Bookshop e l’American Book Center. Alla fine di Kalverstraat, risalendo il mercato dei fiori (vicino a Piazza Munt), si arriva in Leidsestraat con, tra i tanti, negozi dal design innovativo.  Capitolo a parte merita il quartiere De Jordaan e la zona attorno alla Westerkerk: negozi d’antiquariato, di abbigliamento e oggettistica a volte alquanto bizzarra vi sorprenderanno mentre passeggiate tra le viuzze che collegano il ring dei tre canali principali.

Una curiosità: molti olandesi amano addobbare le proprie finestre come se fossero delle vetrine, attenzione a non confonderle per negozi. Questa famosa area (tra Prinsengracht, Keizersgracht, Herengracht e Singel) è denominata “le 9 stradine” (De Negen Straatjes), perché è proprio in queste piccole strade (Reestraat, Hartenstraat, Gasthuis Molenstraat, Berenstraat, Wolvenstraat, Oude Sèiegelstraat, Runstraat, Huidenstraat e Wijde Heisteeg) che vi è una concentrazione di negozi particolari e designer che vanno dall’abbigliamento, alle borse e scarpe, agli accessori, ai gioielli contemporanei per poi passare al vintage, alle delicatessen e alle gallerie d’arte. Vale la pena di fare una passeggiata lungo queste vie anche se non si è intenzionati a fare shopping, vi si trovano comunque anche popolari caffé e ristoranti. L’architettura dell’area poi risale alla prima metà del XVII secolo, ed era già all’epoca ricca di botteghe di artigiani. Nella zona vicino al Rijksmuseum, per la precisione in P.C. Hooftstraat, troverete invece boutiques con i nomi più famosi dell’alta moda specialmente italiana. Di fronte al Rijksmuseum (dal lato della facciata, che da sul canale Spiegelgracht) si dipana Singelstraat: questa zona è particolarmente famosa per i negozi d’arte e antiquariato, e per le gallerie d’arte contemporanea.

DI NOTTE: ritenuta una delle capitali europee del divertimento e della cultura, Amsterdam soddisferà le esigenze di tutti: centinaia di performance ed eventi in altrettante locations sparse per la città, alle quali si aggiungono gli show degli artisti di strada che intrattengono i turisti a tutte le ore del giorno. E al calar del sole, lasciatevi conquistare dalla frizzante vita notturna di Amsterdam! Leidseplein – può essere considerata un buon punto di partenza per avere una panoramica generale delle opportunità offerte da Amsterdam: Stadsschouwburg e altri teatri nell’area, café, pub con musica da vivo, ristoranti (attenzione: le cucine nella maggior parte dei ristoranti chiudono alle 22.00), centri culturali come il De Balie, cinema, Casinò, club e discoteche.

Per scoprire gli eventi in corso si consiglia una visita all’Ufficio turistico situato proprio in Leidseplein, di fianco allo Stadsschouwburg. Qui troverete volantini, pubblicazioni e programmazioni (tutti gratuiti), alcune in lingua inglese indicanti appunto gli eventi in lingua inglese in corso. Oltre a trovare materiale pubblicitario riguardante club, feste, teatro, cinema, danza, mostre, festival e eventi speciali, potrete acquistare biglietti per concerti e spettacoli (all’entrata è sempre esposto un elenco dei più importanti eventi in corso; sui biglietti acquistati è solitamente applicata una commissione che si aggira attorno ai 3 Euro)

Musica dal vivo: varie sale propongono regolarmente concerti di musica classica con artisti di fama internazionale, la più famosa è sicuramente la spettacolare Concertgebouw – Concertgebouw 2-6, vicino al quartiere dei Musei. Concerti d’organo vengono invece proposti alla Oudekerk – Ouderkerksplein 23. E’ molto diffusa la cultura dei “concerti gratuiti di mezzogiorno”, tenete d’occhio la programmazione di Concertgebouw (soprattutto quando si svolgono nella sala grande) e della sala Boekman (vicino a Waterlooplein)
Sempre a Waterlooplein, una visita alla moderna costruzione del Muziektheater sarà d’obbligo per gli amanti dell’Opera.

Musica di tutti i generi anima club e café di Amsterdam, e in estate anche i parchi.

I centri della musica moderna più famosi sono sicuramente Melkweg e Paradiso, entrambi nell’area di Leidseplein ed entrambi offrono una programmazione che varia dal rock al pop, dalla dance al rap e alla world music che spesso presenta famosi artisti internazionali. Il Melkweg ha anche una sala cinematografica, un café dal quale si accede a una sala adibita a mostre temporanee (l’ingresso è gratuito), un teatro.

Danza classica e danza moderna:  sono presenti in pianta stabile ad Amsterdam due compagnie di ballo di fama internazionale: il Dutch National Ballet si esibisce regolarmente al Muziektheater, con un repertorio che va dalla danza classica a quella moderna; il Netherlands Dans Theater mette in scena le sue performance in location differenti. La danza moderna ha una certa rilevanza e coreografi importanti e nuove promesse si alternano nei teatri della città.

Teatri: teatro classico e sperimentale: le opportunità sono infinite! Si consiglia di controllare le programmazioni dei singoli teatri per capire se ci sono spettacoli in lingua inglese. In Leidseplein troviamo lo Stadsschouwburg (il teatro cittadino più importante), il De Balie (ritrovo di artisti e sede anche di manifestazioni culturali e dibattiti politici), e per gli amanti della commedia il café Boom Chicago. Nes (la strada che parte da Piazza Dam dal lato dell’obelisco, parallela alla Rokin) può essere considerata la via dei teatri, che fanno bella mostra di sé uno di fianco all’altro, alcuni propongono anche spazi espositivi con mostre temporanee (come De Brakke Grond) e alcuni hanno dei café dall’atmosfera davvero unica. Il Crea Theater (il teatro dell’Università) in Turfdraagsterpad 17 propone a volte spettacoli e proiezioni in inglese. In estate le opportunità aumentano con il The Holland Festival in Giugno e, a partire da Luglio, con gli spettacoli teatrali gratuiti all’aperto in VondelPark.

Cinema: Amsterdam ha più di 45 sale cinematografiche, dalle moderne multisala ai cinema d’essay. Ricordate però che i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in Olandese.

Una visita a due particolari sale, anche solo per un drink nei loro suggestivi café, è davvero consigliata: lo spettacolare

Tuschinski Cinema – in Regulierbreestraat 26-28, la via che da De Munt Plein porta a Rembrandtplein – costruito nel 1921 in esotico stile Art Decò; il The Movies – in Harlemmerdijk 161, aperto nel 1912, è il cinema più vecchio di Amsterdam e possiede interni in stile Art Decò e ambientazione dal gusto davvero retrò (ha anche un piccolo ristorante al suo interno).

Amsterdam è formata da un labirinto di acque, da una trama leggera di 90 isolette, 1.400 ponti e 160 canali. E’ una città dalla doppia personalità: questo grazioso e formale centro culturale costruito su canali è anche la metropoli meno convenzionale del mondo. Se da un lato un’aria estremamente romantica pervade i canali di notte ed i grandi musei d’arte custodiscono un immenso patrimonio culturale, dall’altro, di fronte ad un’elegante costruzione a due spioventi è permanentemente ancorato un battello invaso da gatti randagi e le famose “donne in vetrina”, fanno bella mostra di sè accanto alla più antica chiesa della città.

La caratteristica principale di Amsterdam è data dai canali che si sviluppano in cerchi concentrici a partire dal nucleo storico, una rete di strade simili a visoli assicura i collegamenti all’interno della città ed è facilmente visitabile a piedi. La visita deve sicuramente partire dalla parte vecchia, l’Oude Zijde, nel cui centro fu costruita la Oude Kerk, la più antica chiesa cittadina, attorniata da negozi, caffè e case.  Capitolo a parte, meritano i Canali.

I canali est: Reguliersgracht – è uno dei canali più graziosi con i suoi 7 ponti, caratteristico è soprattutto l’Amstelveld, con la sua graziosa chiesa in legno e le sue case galleggianti.

Magere Brug (ponte magro) – è il più famoso dei 1.400 ponti di Amsterdam. Ogni 20 minuti circa, il responsabile deve azionare il meccanismo per far passare le imbarcazioni.

I canali centrali: i lavori  di prolungamento dei tre principali canali di Amsterdam ebbero inizio nel XVII sec. Grazie ai mercanti che comperarono lotti di terra lungo i nuovi tratti dei canali Herengracht, Keizersgracht e Prinsengracht, e intorno al 1660 i più ricchi tra loro costruirono fastose dimore su  un tratto dell’Heremgracht, denominato il “gomito d’oro”.

Altri punti di riferimento architettonici sono il neogotico Krijtberg, con le slanciate guglie, l’imponente Paleis Van Justitie e l’American Hotel, in stile art nouveau, che si affaccia sulla vivace Leidseplein che costituisce uno degli angoli di città più frequentati da chi ama la vita notturna. Di giorno questa piazza è piena di suonatori ambulanti e di artisti di strada; di notte ci sono i giovani che affollano i numerosi bar, caffè, ristoranti, nightclub e cinema.

I canali ovest: agli inizi del XVII sec., la costruzione del Grachtengordel (cerchia dei canali) ebbe inizio a ovest del Singel, negli stessi  anni si pensò di creare una zona lavorativa al di là di questa zona residenziale. In origine zona povera, è divenuto il quartiere bohemienne della città. Tra le case operaie del XVII sec. ci sono dozzine di negozi curiosi, che vendono di tutto, dagli abiti firmati ai vecchi lavelli, e vivaci bruine cafè e bar, che si aprono sul marciapiede in estate.

DA VEDERE

Nei musei, Vi consigliamo di prendere le audio guide.

Van Gogh Museum: con i suoi 200 dipinti e 550 tra disegni e acquerelli, rappresenta una delle più grandi collezioni mondiali dedicate al pittore olandese. Ubicato nel moderno edificio costruito su progetto di Gerrit Rietweld, il museo si svilluppa su 3 piani, presentando le opere dell’artista in ordine cronologico, in modo da mettere in evidenza i diversi “periodi” attraversati da Van Gogh (dai “Mangiatori di patate” al soggiorno Parigino, dal periodo “impressionista” di Arles alle ultime opere che lo resero precursore del Movimento Espressionista) ospitando anche oggetti personali e lettere scritte al fratello Theo, oltre alla collezione privata di Theo stesso (dipinti, opere grafiche e sculture di contemporanei, Delacroix e Gaugain tra i tanti). Vengono inoltre organizzate importanti mostre temporanee riguardanti Artisti e Movimenti del XIX e XX secolo.  Indirizzo: Paulus Potterstraat 7 (Quartiere dei Musei)

Corpus: Oegstgeest, 25 km a sud di Amsterdam – primo museo interattivo di anatomia e fisiologia umana, in pratica Corpus è un museo che permette ai visitatori di entrare dentro il corpo umano per assistere in diretta a simulazioni di importanti processi fisiologici come… L’emozionante fecondazione di un uovo da parte di cellule spermatiche o una più banale rappresentazione di che cosa succede alla pelle quando questa viene punta da una spina, oppure la molto illuminante rappresentazione del funzionamento dei neuroni cerebrali o dell’apparato digerente quando questo si trova a dover digerire una bella porzione di emmenthal… olandese.

Aperto tutti i giorni dalle h 09.30 alle h 17.00, il biglietto costa circa 14 euro, consigliamo di prenotare prima online sul sito stesso del museo. www.corpus.experience.nl

Stedelijk Museum: il museo di arte moderna e contemporanea di Amsterdam copre un arco temporaneo che va dal 1850 ai giorni nostri (da Picasso, Chagall agli Impressionisti, dal Suprematismo al gruppo olandese De Stijl, dagli Espressionisti tedeschi al gruppo CoBra, dall’actione painting alla pop art); infatti oltre alla collezione permanente, vengono allestite diverse mostre temporanee.
Da giugno 2004 la sede del museo è stata trasferita nel vecchio Ufficio delle Poste (poco distante dalla Stazione Centrale), andando a occuparne il secondo e il terzo piano. Indirizzo: Oosterdoksdijk, 5

Rijksmuseum: (nella foto a lato), Stadhouderskade 42 (Quartiere dei Musei), è il più grande museo d’Olanda, con più di un milione di visitatori all’anno. Offre una estesa panoramica sull’arte olandese, dalle prime pale medievali ai capolavori del Secolo d’Oro. Il palazzo di chiaro stile neorinascimentale (con inserti gotici) che lo ospita fu costruito tra il 1877 e il 1885 su progetto di P.J.H. Cuypers. A causa di lavori di restauro, solo alcune ale del museo sono aperte e la mostra permanente “The Masterpieces” presenta il meglio della collezione riguardante il Secolo d’Oro, dall’oggettistica ai famosi dipinti di Rembrandt, Vermeer e Frans Hals.

Piazza Dam: dal nome di questa piazza deriva quello di Amsterdam e rappresenta oggi il ‘cuore’ della città. Dal passato turbolento all’odierno viavai di turisti e artisti di strada, la piazza è dominata dal Palazzo Reale (Koninklijk Paleis) e dalla Chiesa Nuova (Nieuwe Kerk). Il primo, sede originaria del Municipio e oggi residenza della Regina nei suoi soggiorni in città, è caratterizzato dall’imponente facciata neoclassica; la seconda, il cui assetto attuale risale al 1650-1660, è dal 1841 la chiesa in cui vengono incoronati i sovrani olandesi e sede di manifestazioni culturali (mostre e concerti d’organo).  Per così dire divisa in due da traffico di auto e tram, svetta nella Piazza (opposto al Palazzo Reale) il Nationaal Monument, obelisco di pietra alto 22 metri e dedicato alle vittime della Seconda Guerra Mondiale. Café, hotel e negozi, il Museo delle cere di Madame Tussauds si affacciano sull’affollata Piazza, spesso occupata da bancarelle, Luna-Park e giostre in occasione delle principali festività, e persino da una pista di pattinaggio su ghiaccio durante il periodo Natalizio.

Leidseplein: sicuramente uno dei centri del divertimento e della vita notturna di Amsterdam, l’area attorno a questa piazza pullula di café, pub, club, coffeeshops, ristoranti di ogni genere, hotel (da segnalare l’American Hotel, costruito nel 1902 in stile Art Decò), teatri (l’importante Stadsschouwburg si affaccia sulla piazza), cinema e centri culturali. Durante la bella stagione, i bar con tavolini all’aperto sono affollati di gente che può ammirare gli spettacoli di musicisti, artisti di strada e che più ne ha più ne metta che si esibiscono nella piazza durante l’intero arco del giorno.

Rembrandtplein: sede fino alla metà del XIX secolo del mercato del burro (si chiamava originariamente ‘Botermarkt’) prese l’attuale nome nel 1876 quando vi fu collocata la statua di Rembrandt. Si trasformò allora in un centro di vita notturna e così rimase: pub, café, hotel, nightclub, ristoranti e cinema (da segnalare in Regulierbreestraat 26-28 lo spettacolare Tuschinski Cinema, costruito nel 1921 in esotico stile Art Decò) nell’area attraggono migliaia di turisti. Se avete voglia di qualcosa di diverso:

XtraCold Icebar: Amstel 194/196 – come il nome suggerisce, tutto è fatto di ghiaccio! I muri, il bancone, le sedie e perfino i bicchieri sono solidi ghiacciati! Gli interni sono stati creati utilizzando quaranta tonnellate di ghiaccio. A dispetto della “freddezza” che gli interni possono suggerire, il bar è un vero e proprio arcobaleno di colori grazie all’illuminazione a LED che invita chiunque a muoversi al suono della musica, anche per scaldarsi un pò. Nell’IceBar potrete vedere un filmato in 3D proiettato in una sala dotata di un pavimento speciale mentre soffia un vento gelido e le temperature scendono a meno 10 gradi. Anche se ben coperti, vi sembrerà di essere nel bel mezzo del film.  Ogni fine settimana potrete incontrare i personaggi di IceBar come il re Bernice, la regina Ice Belle o Kimo l’Eskimo.

Vondelpark: il più famoso parco pubblico d’Olanda (e il più esteso della città) si trova poco lontano da Leidseplein (a sud della stessa, dal lato del Casinò) e si raggiunge velocemente a piedi anche dal Quartiere dei Musei. Dedicato al poeta Vondel (la cui monumentale statua si trova nel parco), fu aperto al pubblico nel 1865 e progettato “all’inglese”. Oggi attrae gente locale e migliaia di turisti che nel parco si ritrovano per rilassarsi, ascoltare musica (molti gli artisti di strada che si esibiscono), fare acrobazie sui pattini o bere un drink nei suoi café.

De Jordaan: il nome di questo quartiere deriva dal francese “giardino”. Battezzato così dagli Ugonotti nel XVII secolo, si sviluppò all’inizio del Secolo d’Oro e venne presto popolato da lavoratori, mentre le facoltose classi sociali dell’epoca costruivano lussuose abitazioni nell’area del ring dei 3 principali canali della città (Herengracht, Keizergracht e Prinsengracht), area che ancora oggi è “zona protetta”: oltre un quarto delle abitazioni presenti sono dimore storiche, le cui facciate sono spettacolo per gli occhi.
Il Jordaan invece è famoso per la sua atmosfera unica, caratterizzata da negozi davvero originali, café e ristoranti, gallerie d’arte e negozi d’antiquariato…perdersi a curiosare nelle piccole vie che lo caratterizzano è davvero un’esperienza da provare!

Anne Frank House: Prinsengracht 267 (nel quartiere Jordaan, vicino alla Westerkerk), nel retro di questa casa (dove Otto Frank aveva la sua attività commerciale) si nascosero Anne e la sua famiglia per più di due anni durante la Seconda Guerra Mondiale. Anche altre famiglie vivevano in questo rifugio (Van Pels e Pfeffer). Furono traditi il 4 agosto del 1944 e deportati in differenti campi di concentramento, Otto Frank fu l’unico superstite. E’ qui che Anne Frank scrisse il suo famoso diario, esposto nel Museo. Sebbene le stanze siano vuote, la disposizione di oggetti personali, fotografie, documenti storici e filmati evocano l’atmosfera in cui si svolsero i fatti: per non dimenticare…

Pizzeria Ristorante Capri – Lindengracht 61/63- chiedere di Roberta, pasta, tiramisù, panna cotta e caffè veramente italiano.

SHOPPING:

Alien Visitors – Zoutsteg 13 – pensierini buffi ed economici, oscuro mondo di alieni e stranezze fantascientifiche.

3-D Hologram Grimburgwaal 2 – negozio tra i pochi specializzato in ologrammi, quadri ed etichette realizzate con tecniche laser.

Outland Zeedijz 22 musica in prevalenza dance, noto per l’assortita selezione di dischi e cd-room

Lambiek – Kerkestraat 78 – fantasia e cartoon, la libreria di fumetti più antica d’Europa e la più grande d’ Olanda.

Vibes Singel 10 – negozio di articoli sportivi

Kite Shop Harlemmerstraat 29 – vi dominano gli aquiloni, disponibili in modelli base, fantasiosi “cervi volanti” orientali, e costosi esemplari di avanzata concezione in fibre speciali.

De Witte Tanden Winkel Runstraat 5 – spazzolini da denti, dentifrici e colluttori dai sapori insoliti che invitano a iniziare la giornata con humor, optando per esemplari con teste di  papero e personaggi dei fumetti in genere, incastonati di conchiglie e specchietti.

Laura Dolls Wolvenstraat 7 – non lontano da Singel, è una graziosa boutique che guarda al passato, scrigno di abiti della nonna ed intriganti coulottes di seta, busti e bustiers dalle generose scollature.

Oilily The Exclusive Store conta invece 3 negozi: uno d’abbigliamento femminileVan Baerlestraat 25; e due per bambini, nel centro commerciale in Kalverstraat ed al 131 di Hoostraat.

Donald & Joungenjeans – Noordkerstraat 18 – occhiali dal 1820 ai giorni nostri, da vista, da sole o per pura bellezza, sono in vendita a prezzi che vanno dai  3 euro ai 200 euro.

Se c’è un settore per cui Amsterdam si distingue è tutto ciò che può fare bella dentro e fuori la casa:

& Klevering – Bloemgracht 175/177 – è un magazzino di cose vissute e dai prezzi interessanti: lavabi e rubinetteria anni ‘20 e ‘30 (da circa € 25 a più di € 500), vasche in ghisa a zampe di leone, scalette a chiocciola, scaffali e armadi da negozio, tutto vi verrà facilmente spedito.

Outras Coisas – Herenstraat 31 – in poco più di un corridoio dal 1994 riassume tutta l’essenza del sud Europa, piccole credenze, vasellame in terracotta, articoli da giardino, servizi di piatti provenzali e portoghesi.

Kitsch Kitchen – 1e Bloemdwarsstraat 21-23 – articoli utili ed inutili da cucina e da bagno, in plastica ed alluminio

DOVE MANGIARE:

Ristoranti etnici

Memories of India Reguliersdwarsstraat 88 – ristorante indiano, decorato ed arredato con cura dai proprietari, propone i più appetitosi piatti della tradizione indiana: riso bismati con crema di lenticchie, pollo tandoori, stufati al curry.

Lonny’s – Rozengracht 48 – ristorante indonesiano, arredato in stile balinese e con i camerieri vestiti con il sarong tradizionale offre il meglio della cucina indonesiana.

Hosokawa – Max Euweplein 22 – ristorante giapponese dove è d’obbligo, appena arrivati, sedersi attorno al teppan (la griglia dove lo chef prepara la vostra cena) e poi si sceglie sul menù.

Rum Runners – Prinsengracht 277 – rumoroso e coloratissimo ritrovo caraibico, è specializzato in cocktail, piatti creoli, grigliate di ogni genere.

NewYork Steakhouse – Leidseplein, 2 – bellissimo e romantico ristorante, si cena a lume di candela, affaccia sulla vivace Leidseplein.

Cucina olandese

VOC Cafè – Prins Hendrikkade 94-95, di fronte alla Stazione Centrale – in una torretta di avvistamento, riadibita a ristorante-cafè, affaccia sul canale, molto romantico. Al primo piano vi è una libreria.

De Laaisie Kruimel – Langebrugsteeg 4 – ambiente informale, pizze, kirsch e torte fatte in casa.

Kinder Kook Cafè – Oudezijds Achterburgwal 193 – non è un ristorante vero e proprio ma un luogo fantastico per far trascorrere una giornata divertente ai bambini: qui infatti, assistiti da cuochi, i piccoli (fino a 12 anni) imparano a cucinare, ad apparecchiare la tavola ed a servire ciò che hanno preparato. Alla fine mangiano le loro creazioni con i genitori.

D’Vikff Vlieghen – Spuistraat 294-302 – inaugurato alla fine degli anni ‘30, questo ristorante il cui nome significa “le cinque mosche”, è in assoluto uno dei più famosi e suggestivi della città. Il menù prevede sofisticati piatti della tradizione olandese.

Het Tuynhuys – Reguliersdwarsstraat 28 – a due passi dal mercato dei fiori, si cena a lume di candela o nella veranda di gusto barocco assaporando prelibati piatti.

Nissen – Rokin 95 – atmosfera informale ed arredo da “casa di campagna” per questo ristorantino dove cenare a lume di candela o in compagnia di amici. I piatti sia a base di carne o di pesce, sono eccellenti ed accompagnatiesclusivamente da verdure di stagione. Ricco il carrello dei dolci. Economico.

Hamburger e Co

Burger Bar: sono 4 disseminati per la città, per assaporare un ottimo hamburger realizzato con materie prime di qualità. I panini vengono preparati al momento sotto gli occhi dei clienti che possono scegliere il tipo di pane, i condimenti con cui farcire il proprio hamburger e la carne, optando tra chicken sandwich, angus burger, irish beef e wagyu burger, razza bovina giapponese molto pregiata. Burger Bar, Warmoesstraat 21 – Kolksteeg 2 – Reguliersbreestraat 9 – 1e V/D Helststraat 62-B, Amsterdam

Lombardo’s -Nieuwe Spiegelstraat 50: locale dove mangiare un panino al volo nel centro di Amsterdam. Molto originale il menù e ottima la carne.

PUB e Birrerie

La città di Amsterdam è costellata di birrerie e pub dove potersi gustare una fresca birra in compagnia in qualsiasi momento della giornata, ma quali sono le birrerie più autentiche e caratteristiche della città? Ho selezionato qui di seguito quelle che secondo me sono le 3 birrerie da non perdere e che vale la pena visitare quando si è in città!

De Admiraal – canale Herengracht: ospitale, autentico e robusto Admiraal è un vecchio edificio, in origine era una stalla, trasformata poi in una distilleria nel 1786 e in un ristorante negli anni del 1970. Il proprietario è l’ultimo dell’antica famiglia di distillatori della città, i van Wees, creatori del marchio Ooeivaar (i famosi superalcolici). L’arredamento è stato scelto appositamente per far mantenere alla birreria il suo aspetto originale ed entrandoci sembra di fare un tuffo nel passato, indietro fino al Secolo d’Oro. I posti a sedere sono degli antichi barili e per andare in bagno si passa attraverso una botte di quercia da 10000 litri. La colonna portante dietro il bar è una pompa dell’acqua che veniva utilizzata per raffreddare la distilleria durante il processo di distillazione. La parte frontale della distilleria è ariosa ed ha vetrine con una meravigliosa vista sul canale, mentre all’interno si trova un bar con il pavimento in mattoncini e una sala in cui mangiare. Il cibo che viene servito in questo locale ha influenza olandese e include soprattutto prodotti basilari come il vitello o l’aringa e ancora oggi si usano ricette originali del 18° secolo.

Una tipica birra olandese servita da Admiraal è la Us Heit Twels Speciaal (5,5%): una birra marrone scuro con un sapore leggermente maltato, abbastanza leggera.

In De Wildeman – Kolksteeg 3: un must per tutti gli appassionati di birra in visita ad Amsterdam, considerato il miglior beer bar di tutta l’Olanda. Apprezzato nientemeno che da Michael Jackson (il beer writer, non il cantante), nel 2016 ha festeggiato i 30 anni di attività. In genere piuttosto affollato, si fa perdonare per l’ampia scelta di birre speciali e l’atmosfera tradizionale.

De Biertuin – Linnaeustraat 29:Biertuin vuol dire beer garden, non stupisce quindi che questo locale sia famoso per la terrazza all’aperto. Non solo: anche il loro pollo alla griglia gode di un’ampia fama ad Amsterdam.

Proeflokaal Arendsnest – Herengracht 90: ha tutto l’aspetto di un pub tradizionale, ma  è stato aperto soltanto nel 2000 ed è uno dei protagonisti della rinascita birraia ad Amsterdam. Fu il primo pub della capitale a proporre unicamente birre olandesi anziché birre importate. Non è grandissimo e mantiene un’atmosfera tranquilla e intima. Stuzzichini gustosi, anche se un po’ cari. Da non perdere.

Smokin’ Barrels – Beukenplein 22: un altro locale che piacerà ai più giovani, una birreria-ristorante di tendenza il cui slogan è Lobster, Burgers, Beer and GT’s. Le sue tavolate all’aperto sono l’ideale per caloriche cene con amici annaffiate da birre alla spina o in bottiglia. Per qualcosa di originale provate i loro beer cocktails.

DI SERA:

Teatro:                                                                                                                    Musica Classica:

De Brochel Andreas – Bonnstraat 28                                                                      Beurs van Berlage – Damrak 243

Frascati – Nes 59                                                                                       Rai Europaplein – tel 5491212

Stadsschouwbrug –  Leiseplein 26                                                                         Cristofori – Prinsengracht 579

Danza:                                                                                                                    Cinema:

Meervaart – Osdorpplein 205                                                                                  Alfa Hirschgebouw Leidespieín – tel 6278806

Muziektheater – Waterlooplein 22                                                                          Calypso Bellevue Cinema – Marnixstraat 400

                                                                                                                                City Leisplein – tel 6234579

Discoteche e Night Club:                                                                                       Opera:                                           

Bunnies Korte – Leidsedwarsstraat29                                               Muziektheater – Waterlooplein 22                                                                               

Mazzo – Rozengracht 114                                                                                         Westegasfabriek – Harlemmemeg 10

Escape – Rembrandtplein 11                                                                                                                                                     

Roxy  – Singel 465

Hollywood – Singel 447

Odeon  – Singel 460

L’Amsterdam proibita………………….

Coffeeshop: in Olanda è sinonimo di locale dove la cannabis è legalmente venduta e consumata. Le droghe leggere non sono legalizzate ma ‘tollerate’ se consumate in modo discreto: ad esempio i Coffeeshop possono tenere legalmente fino a 500 grammi di marijuana e venderne fino a 5 grammi ad un cliente (purché maggiorenne). La maggior parte dei Coffeeshop (molti dagli interni davvero particolari, dall’etnico allo psichedelico) non vende alcolici, sono disponibili solitamente bevande analcoliche e snack.

Tutti i Coffeeshop hanno il proprio “menù” dal quale scegliere: esistono diversi tipi d’erba e ashis, più o meno forti (attenzione a quella che viene definita ‘skunk’). È consigliabile chiedere informazioni allo staff prima di procedere all’acquisto. I prezzi variano rispetto al tipo e si aggirano solitamente sui 5 Euro per grammo; potrete acquistare anche pipe, cartine e filtri.

Regole generali da rispettare nei Coffeeshop:

  • Avere compiuto 18 anni (all’entrata è possibile che vi venga chiesto di esibire la carta d’identità)
  • No all’introduzione di droghe pesanti
  • No all’uso del cellulare (in alcuni)
  • No a comportamenti aggressivi e di disturbo
  • Evitate di gironzolare nel locale se non avete intenzione di acquistare

Consigli generali

  • Non eccedere nel consumo di droghe leggere. Provocano dipendenza
  • Fumare droghe leggere disturba la concentrazione. Non fumate se ad esempio dovete guidare.
  • Esistono alcuni tipi di droghe leggere più forti di altre (come la skunk). Se non siete fumatori esperti, non eccedete nel consumo.
  • Lo stesso vale per il consumo di spacecake (torta alla marijuana): ingerirne una piccola porzione e controllarne l’effetto (ci vogliono dai 45 minuti ad un’ora e mezza) prima di ingerirne altra.
  • Se vi sentite male fatevi dare dell’acqua zuccherata e uscite all’aria fresca.
  • Non consumare droghe leggere combinate con sostanze alcol
  • Non usare droghe leggere se si stanno prendendo medicinali
  • Non comprate droghe per strada

Hash Marihuana Hemp Museum: non poteva certo mancare un Museo interamente dedicato alla cannabis: la storia della pianta, i modi di coltivazione e produzione. Indirizzo: Oudezijds Achterburgwal 148

Smart shops: vendono sostanze stimolanti come Ephedra, Guarana, afrodisiaci come Muira Puama e Gingko Biloba, pipe e souvenirs vari. Vendono anche i cosiddetti “magic mushrooms” o funghi allucinogeni, il cui effetto è chiaramente legato al nome: se ne sconsiglia l’uso, è un tipo di droga che comporta ovviamente alti rischi!

Quartiere a Luci Rosse: ecco la faccia totalmente liberale e tollerante di Amsterdam. Il Red Light District (o ‘Rossebuurt’ come viene chiamato dalla gente locale) non lascia certo spazio all’immaginazione; il nome prende origine dalle luci al neon delle vetrine dove le prostitute posano in attesa dei clienti.

Consigli:

  • se la vostra morale può rimanere offesa da questo tipo di intrattenimento, non visitate questo quartiere.
  • Attenzione ai borseggiatori e ai malintenzionati. Questa è un’area sempre molto affollata.
  • Si consiglia di non visitare il quartiere da soli, soprattutto a notte fonda.

Dalle case di appuntamento ai locali di spogliarello e lap-dance, dai gay bar ai cinema, dai negozi di video hardcore ai sex-shop, per arrivare fino ai musei: una vera e propria Disneyland del sesso sempre affollata di turisti. In città ci sono ben 3 Quartieri Rossi: l’area Walletjes (la più famosa e frequentata, nelle vie tra la Stazione Centrale e Nieuwmarkt), l’area in Singel (tra Raadhuistraat e la Stazione Centrale) e l’area nel quartiere Pijp (nelle vicinanze del Rijksmuseum).

La prostituzione ad Amsterdam: in Olanda la prostituzione è legale dal 1815, e dal 1996 è tassata dal Governo olandese. Secondo le statistiche ci sono nel paese più di 25.000 prostitute, molte delle quali immigrate senza permesso di soggiorno.

Ma pochi sanno che il Quartiere a luci rosse ad Amsterdam (parliamo dell’area Walletjes) è una delle parti più vecchie e affascinanti della città, dove nelle case che danno sui canali regna la tipica architettura del XIV secolo e vi si trovano veri e propri capolavori come l’Oudekerk (Chiesa Vecchia) in stile Gotico. L’area è famosa anche per la presenza di ristoranti, negozi e supermercati Cinesi. Una vera e propria “Chinatown” dove gustare ricette autentiche. Ultimamente si sono diffusi nella zona anche ristoranti Indonesiani, Thai e Tibetani. Prezzi abbastanza contenuti e cibo certamente particolare ma gustoso: da provare!

Non potevano di certo mancare i musei sul tema…

Erotic Museum: si trova nel cuore del Quartiere Rosso, 5 piani dedicati al mondo dell’erotismo che riflettono la storia dell’area. Indirizzo: OZ. Achterburgwal 54

Sex museum: benvenuti nel Tempio di Venere! Un’estesa collezione di dipinti erotici, oggettistica e ‘tradizioni’ appartenenti a diverse Epoche e culture. Indirizzo: Damrak 18

Condom shop Het Gulden Vlies: in questo negozio totalmente dedicato all’amico in lattice (ne troverete davvero di tutti i colori e forme, alcuni anche dipinti a mano; è presente anche una sezione con opuscoli informativi e libri che illustrano i pericoli dei rapporti senza uso di protezione) si trova anche un piccolo museo del profilattico.  Indirizzo: Warmoesstraat 141

DINTORNI

Delft – 60 km a sud-ovest di Amsterdam, treno: dalla Centraal Station – la cui pittoresca città vecchia cinta dai canali giustifica senz’altro una gita, fa parte della provincia dell’Olanda Meridionale. E’ famosa per la produzione di ceramica azzurra, che ebbe il massimo sviluppo fra il Seicento e la metà del Settecento, oltre che per la fiera annuale di arte e antiquariato. Oggi nell’economia cittadina svolgono un ruolo primario l’industria metalmeccanica, elettrotecnica e della carta. Qui hanno sede anche un politecnico e vari istituti di ricerca.

Cosa vedere

Nieuwe Kerk – sul lato est del Markt, basilica con pianta a croce consacrata in origine a sant’Orsola, dal campanile gotico brabantino alto 108 m, con carillon del 1663, si gode un bel panorama.

Oostpoort – con le sue rive alberate fiancheggiate da vecchie case, il canale che lambisce la chiesa (Oosteinde) offre scorci molto suggestivi. Al termine di questo sorge la quattrocentesca Oostpoort, porta dell’Est, unico resto della cinta muraria delimitato da due torri ottagonali.

Stadhuis – l’edificio rinascimentale che ospita il municipio (Markt 87) fu costruito attorno a una torre gotica del XIII secolo, è adorno di teste di leone in pietra e ospita numerosi dipinti.

Oude Kerk – risale al 1250. Più volte ricostruita, è apprezzata soprattutto per il meraviglioso pulpito intagliato del 1548.

Edam – a 20 km da Amsterdam, bus: di fronte alla Centraal Station – cittadina storica nell’Olanda Settentrionale, è conosciuta in tutto il mondo per le rotonde forme di formaggio rivestite di cera, rossa per l’esportazione e gialla per il consumo locale (edamer).

Cosa vedere:

L’imponente Grote Kerk, nota anche come St. Nicolaaskerk (Grote Kerkstraat), è una chiesa tardo-gotica a tre navate a sala, con una torre del XV secolo e splendide vetrate istoriate, l’allestimento interno risale quasi esclusivamente al Seicento. Dell’edificio sulla Damplein che ospita lo Stadhuis, il municipio, costruito nel 1737, si visita la Sala del consiglio rococò, che custodisce una piccola collezione di dipinti. Il pavimento dell’ufficio di stato civile è ancora oggi in terra battuta, come si usava nel medioevo. Dalla quattrocentesca SpeeItoren, il campanile dell’ormai distrutta chiesa di Santa Maria, si odono i rintocchi del carillon più antico dei Paesi Bassi (1560).

Haarlem – a 20 km da Amsterdam, bus: partenze di fronte alla Centraal Station – è una tipica città olandese fra Amsterdam e il Mare del Nord, a una decina di chilometri dalla costa, bagnata dal fiume Spaarne. Per la bellezza del paesaggio circostante, per le sue vicende storiche e l’eleganza dei monumenti ha sempre esercitato un grande fascino sui visitatori e sui numerosi artisti che l’hanno immortalata.

Marken – a 22 km da Amsterdam, treno e bus: dalla Centraal Station – separata dalla terraferma nel 1164 in seguito a una mareggiata, Marken restò fino al 1957 un’isola situata a 2,5 km dalla costa, è nuovamente collegata con la penisola di Nes grazie a una diga.

Case in legno – la principale attrattiva turistica sono le casette di legno, costruite su palafitte fino al 1931, hanno il tipico frontone e in

genere sono dipinte di verde scuro con profili bianchi. Anche gli interni sono deliziosi, ricchi di intagli decorativi e mobili dipinti, fra

cui il cosiddetto “letto di gala”, che non viene mai usato.

Usi e costumi – gli abitanti, che sono in maggioranza protestanti e poco sensibili al richiamo della modernità, hanno sempre costituito una comunità chiusa. Molti indossano ancora oggi il costume tradizionale. Le donne portano una sull’altra una sottana a righe e una gonna larga, coperta con un grembiule nero; la camicetta a righe indossata nei mesi estivi è completata da un corsetto, detto ryglyf, e da una pettorina: gli uomini portano un corto gilet, pantaloni a sbuffo stretti alle ginocchia e calze nere. Assai suggestivi sono i matrimoni invernali, celebrati con musica e danze sulla superficie ghiacciata del mare, nonché la solenne processione di Pasqua.

Marken-Volendam-Express: da marzo a ottobre un aliscafo collega Marken a Volendam. Il tragitto dura una trentina di minuti.

Volendam – a 20 km da Amsterdam, bus: partenze dalla Centraal Station – affacciata sull’Ijsselmeer, ha un aspetto incantevole arrivando in battello dal mare, il suo porto ben conservato, l’aspetto originario del paese con il dedalo di viuzze tra le case dei pescatori costruite su pali. Il villaggio può essere considerato la controparte cattolica di Marken, ed anche qui vi è rispetto delle tradizioni, infatti in occasione delle principali festività gli abitanti più anziani indossano il costume tradizionale.

Cosa vedere

Porto – lo spettacolo più suggestivo è offerto dal porto con le piccole case di legno a specchio dell’acqua e le barche dai colori vivaci.

De Gouden Kamer – al n° 8 di Oude Draaipad si trova De Gouden Kamer, una casa le cui pareti sono interamente tappezzate da fascette di sigari.  Il suo lungomare è ricco di locali e negozi, e invitanti bar con dehor all’aperto, verso l’interno le sue vie ordinate e pulite con tutte casette a un piano con giardinetto. E’ facile vedere abitanti in costume locale o pescatori che ritornano dalla pesca dell’anguilla o del branzino, da gustare i panini con le aringhe che si trovano nelle bancarelle.

Amsterdam per i bambini

Se Amsterdam è conosciuta alle famiglie per i famosi musei, come il Nemo, il Museo Van Gogh, il veliero Amsterdam, la casa museo di Anna Frank, è altrettanto attraente per i tanti percorsi nell’acqua dove la famiglia si può divertire a più non posso con le biciclette d’acqua, ma è anche una insolita meta di spiagge, per chi decide di partire in piena estate!

MUSEI

NEMO:  museo delle scienze interamente dedicato ai bambini, la sua grande terrazza all’ultimo piano offre una vista irripetibile sui canali della città, un luogo ideale dove distendersi dopo l’eccitante avventura con i propri figli. Ogni anno, da giugno a settembre, il terrazzo del NEMO diventa una spiaggia cittadina, provvista di sdraio, gelateria e, naturalmente, sabbia. La visita è gratuita e vista la sua posizione in uno spazio limitato, è il luogo perfetto per i più grandi per rilassarsi con un bel cocktail mentre i bambini consumano le loro energie. La splendida struttura a prua di barca, che si fa subito notare, è stata progettata dal famosissimo e italianissimo architetto Renzo Piano. All’interno del museo, 4 piani di esperimenti, di giochi interattivi a tema scientifico, in cui grandi e piccini possono cimentarsi. Stupefacente il “gioco” dell’acqua, dove i bimbi armati di secchiello con processi come l’aggiunta o la rimozione di Sali minerali, cloro ecc. ottengono acqua potabilissima; oppure tutti gli esperimenti fatti usando i cinque sensi o la meccanica; per non parlare dell’accattivante ambientazione scenografica ed il piano dedicato agli adolescenti con la spiegazione di “perché nasce un brufolo?”. Da non perdere, lo spettacolo “reazione a catena” che si svolge nel week end alle h 17.00 in punto, al centro del primo piano, dove una pallina colpisce una sedia che gira ed innesca una cascata d’acqua che riempie un secchio che fa pedalare la bicicletta…e così via, fino al lancio di un razzo e alla pioggia di palloncini, tutto ben presentato, con bimbi in platea in assetto tifo da stadio! Il museo si trova a pochi passi dalla stazione centrale, comodamente raggiungibile con i mezzi pubblici, all’interno si trovano lo shop, il guardaroba gratuito e una splendida caffetteria con self service con vista panoramica all’ ultimo piano.

Il veliero Amsterdam: scoprite la vita di una nave da carico del XVIII secolo! Davanti al museo della scienza NEMO si trova la nave VOC Amsterdam (VOC: “Compagnia olandese delle Indie Orientali”), la magnifica replica di una imbarcazione del 1700, che affascina i bambini per ore e ore. A bordo, vedrete lo stretto ponte di coperta dove 200 marinai dormivano in piccole amache; la panetteria, le cui pareti erano foderate con il ferro per proteggere le preziose riserve di cibo dai parassiti; la cabina del medico di bordo, completa di attrezzature chirurgiche piuttosto primitive e la cucina, dove veniva preparato il cibo per 240 uomini.
I piccoli marinai impareranno tutto sul tormentato passato della Amsterdam, ammutinamenti compresi, e molto altro ancora.

Museo Marittimo:  il primo dei grandi musei di Amsterdam ad aprire dopo il loro rinnovamento, ricostruito e modernizzato nel 2011, il Museo Marittimo Nazionale di Amsterdam, si trova un pò fuori dal centro di Amsterdam, vicino al vecchio porto. Un enorme palazzo storico di Lands Zeemagazijn – Il principale negozio dell’Ammiragliato di Amsterdam, che è stato utilizzato fino al 1973 dalla Marina olandese, è diventato un moderno museo multimediale con una ricca biblioteca marittima di 60000 volumi, nonché ristorante e negozio. È necessario mantenere il vostro biglietto per entrare nelle diverse parti del museo marittimo di Amsterdam.

Il museo marittimo di Amsterdam, nonché la nave sono stati predisposti a ricevere i visitatori disabili. Le sedie a rotelle sono disponibili e ci sono impianti che consentono la salita ai piani superiori. I parcheggi speciali per i portatori di handicap si trovano all’ingresso principale. Il ristorante del museo “Stalpaert” e il negozio del museo “Het Pakhuis” sono accessibili a tutti, negli orari di apertura del museo, senza un prezzo di entrata.

Durante la recente ristrutturazione, un vasto spazio del cortile interno dell’edificio è stato coperto da un tetto di vetro, creando uno spazio piacevole per i visitatori. In serata centinaia di piccole luci a LED poste tra schermi di vetro danno l’impressione di un cielo stellato. La replica della ” tre alberi Amsterdam”, un grande nave della Compagnia olandese dell’India dell’est, che nel suo viaggio inaugurale a Batavia affondò in una tempesta nel Canale della Manica nell’ inverno del 1749, si erge sopra le acque del Ij Bay, direttamente sul molo del museo marittimo di Amsterdam. Il relitto della nave è stato scoperto al largo della costa inglese nel 1969, e la replica del museo è stata completata nel 1990.

Questo museo giocoso e colorato è un esempio di cosa significhi una mostra del 21 secolo con multimedia, elementi del parco attrazione, videogiochi e giochi per bambini. Tutto serve a trasmettere la storia e le tradizioni nazionali di una generazione più giovane. Per un visitatore straniero (le informazioni del museo sono in olandese e in inglese), la mostra offre un modo unico per comprendere la storia dei Paesi Bassi e della sua gente. Questo è probabilmente il migliore dei musei di Amsterdam al momento. Da non perdere, soprattutto se si sta visitando Amsterdam con i bambini.

Come arrivarci: A piedi: dalla Stazione Centrale a piedi lungo la baia Ij lungo Prins Hendrikkade. Vedrete il vecchio VOC – la replica del veliero della compagnia Far East sulla vostra sinistra. Il museo si trova proprio alla nave – 15 minuti a piedi.
Trasporti pubblici: dalla Stazione Centrale – autobus linea 22 direzione Indische Buurt, e 48 direzioni Borneo Eiland fermatevi di fronte alla chiesa di San Nicolaas, a sinistra dalla stazione. Uscite dopo due fermate, a Kadijksplein. Il museo è alla vostra sinistra.
Markenhoven e Parkeergarage Oosterdok – Oosterdok 3, 1011 Amsterdam; € 1,50 per ogni 20 minuti.

Museo Van Gogh: imperdibile occasione per i bambini quella di vedere dal vivo i quadri del genio olandese. Il multimediatour e l’audiotour per bambini sono disponibili in olandese e inglese. Al piano terra vi è un atelier per bambini dove possono riprodurre le opere con diverse tecniche. Ma Amsterdam ci lascia stupiti anche per i servizi e l’attenzione nei confronti dei bambini e dei loro genitori, sui tram si sale a passeggino aperto ed all’interno alcuni stalli sono a loro riservati, in fila per entrare al Museo Van Gogh un’assistente scorre le persone che attendono e se ci sono dei bimbi piccoli accompagnano i genitori all’ingresso riservato alle famiglie, no fila, no stress per i piccoli ed i loro accompagnatori. Al museo Van Gogh di Amsterdam é inoltre possibile ritirare al banco informazioni all’ingresso un depliant per organizzare una vera caccia al tesoro con i bambini, i quali, completando il percorso e riconoscendo le diverse opere del celebre artista tra le sale del museo, riceveranno anche un piccolo omaggio.

Rijskmuseum: con un milione di opere questo museo è il tesoro nazionale d’Olanda. Magnifici Rembrandt, Vermeer, Van Gogh, e i bambini saranno sicuramente incuriositi dalle case di bambole del XVII secolo, che riproducono nei minimi particolari le abitazioni tipiche del periodo.

Casa Museo di Anne Frank: il nascondiglio segreto della famosa ragazza ebrea scappata ai Nazisti è nel cuore di Amsterdam un museo tutto dedicato alla sua vita. Offre uno spaccato storico culturale molto importante per la comprensione di un periodo della storia indimenticabile e struggente. Per ragazzi dai 10 anni conviene anticipare la visita dalla lettura del meraviglioso Diario. Il museo è raggiungibile a piedi in 20 minuti dalla stazione centrale.

EMOZIONI SULL’ACQUA

Canal Bike:  in diversi punti della città, tra cui il Rijksmuseum, Leidseplein e Westerkerk unite le due attività olandesi più tipiche (l’acqua e le biciclette) e pedalate sui canali affittando un pedalò, che gli olandesi chiamano appunto waterfietsen – ‘biciclette d’acqua’. Sono a quattro posti grandi abbastanza per tutta la famiglia, potrete esplorare l’Anello dei Canali alla velocità che vorrete, e con l’aiuto dei vostri bambini. Aperto tutti i giorni 10:00-18:00 (d’estate fino alle 21:30); €8/h (a persona).

Canoa in Amsterdam Bos: nel cuore del più grande parco ricreativo di Amsterdam c’è un grande lago artificiale dove si possono affittare pedalò, canoe e anche piccole barche elettriche. L’acqua calma e tranquilla rende questo luogo ottimo sia per i novizi che per i bambini esperti. Con €6 all’ora si possono noleggiare canoe per più passeggeri.

Wetlands Safari: avvicinatevi all’acqua e alla natura con un giro guidato in canoa tra i giunchi a nord di Amsterdam. In questo piccolo tour è compreso un picnic sull’isola con cibi macrobiotici come formaggi e succhi di frutta, che vi permettono di assaggiare letteralmente la regione del Waterland. Il Wetland Safari organizza anche tour in bicicletta o canoa su misura per gruppi che vanno dalle 6 alle 60 persone. Il viaggio comprende trasporto, caffè/tè, pranzo, una canoa, una guida e un’offerta al Landschap Noord Holland.

AD AMSTERDAM IN SPIAGGIA

Anche se Amsterdam non si trova sulla costa, nei pressi della città ci sono molte spiagge, tra cui una proprio sul lago IJ.

Amsterdam Beach Bus: tutte le estati, da maggio a settembre, l’Amsterdam Beach Bus viaggia direttamente dal centro di Amsterdam alla bellissima spiaggia di Zandvoort an Zee. Il servizio diretto, che impiega solo 45 minuti e offre anche informazioni utili e raccomandazioni date dalla guida a bordo, è senz’altro il mezzo migliore per andare a prendere un po’ di sole. Informazioni: parte tutti i giorni dall’ufficio Tours & Ticketse, Damrak 34, alle h 10.00. Il viaggio di ritorno dalla spiaggia parte alle h 17.30.

Blijburg: questa spiaggia cittadina sabbiosa e compatta (la più antica ad Amsterdam) è la migliore per i bambini (le altre – Strand Zuid, Strand West – sono più che altro location per i party degli adulti), e ha un grande bar-ristorante che serve prodotti biologici. Come raggiungerla: situata nella zona orientale di IJburg, è raggiungibile con il tram 26 che parte dalla Stazione Centrale (direzione IJburg). Scendete a Ruisrietstraat. Il bus 326, dalla Stazione Centrale, vi porta lì in 10 minuti.

IJmuiden aan Zee: questa distesa di costa sabbiosa è la spiaggia più ampia dei Paesi Bassi. Nelle giornate ventose (piuttosto frequenti) la spiaggia è molto apprezzata dagli appassionati dell’aquilone e del windsurf. I quattro padiglioni sono aperti tutto l’anno e la Seaport Marina permette l’accesso diretto al mare, offrendo inoltre diverse strutture, tra cui un centro con trampolini. Come raggiungerla: facilmente raggiungibile in auto o con i mezzi pubblici. Dietro la Stazione Centrale, prendere il Fast Flying Ferry, che vi porta a Velzen-Zuid in 30 minuti, e dove potrete prendere il bus diretto a Ijmuiden aan Zee. Dalla fermata del bus, ci vogliono solo uno o due minuti per arrivare alla spiaggia.

Zandvoort aan Zee: lunga 9 km e larga 100 metri, è particolarmente adatta alle famiglie, anche perché, una volta scesi dal treno, bisogna camminare molto poco per trovarsi sulla spiaggia. Lungo il viale ci sono molti ristoranti e bar, e molti altri sulla spiaggia stessa. Insignita di una Bandiera Blu per la limpidezza delle acque, è vivamente consigliata per una bella nuotata.

Come raggiungerla: dalla Stazione Centrale, prendere il treno per Haarlem (che parte ogni 10-15 minuti e impiega un quarto d’ora). Prendete il bus 81, direzione Zandvoort, dal capolinea alla fermata ‘Zandvoort Strand’. Oppure prendete l’Amsterdam Beach Bus.

DIVERTIMENTO ALLO STATO PURO

TunFun: sotto un trafficato rondò, in un vecchio sottopassaggio vicino a Waterlooplein si trova il parco giochi TunFun, un mondo sotterraneo dove i bambini corrono, si arrampicano, rotolano, scivolano.

De Mirandabad: una piscina sub-tropicale con una spiaggia in pietra, onde artificiali, piscine per neonati, scivolo, e piscine all’aperto per tutto il mese di agosto. Si organizza anche il ‘disco swimming’ per i bambini e sedute per i neonati. Ottimo anche nei giorni di pioggia.

Race Planet for Kids: i bambini andranno matti per questo tracciato per go-kart coperto, dove potranno guidare macchine a pedali, macchine elettriche da F1 e molto altro ancora. C’è anche un’area giochi interna e diversi bar con un vasto menù a misura di bambino. Adatto dagli otto anni in su. 

Richiedi informazioni per Tour in Olanda in auto 12 giorni/11 notti

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp

Scopri le nostre offerte